Home » Rassegna Stampa » Il prezzo dell’oro aumenta e l’Amazzonia si riduce:

Il prezzo dell’oro aumenta e l’Amazzonia si riduce

settembre 22, 2011 Rassegna Stampa

Qual è il rapporto tra il prezzo dell’oro e l’ambiente? A quanto pare, il rapporto esiste ed è direttamente proporzionale, ossia all’aumento del prezzo dell’oro corrisponde un aumento della deforestazione, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo.

Gli aumenti record del prezzo dell’oro sul mercato negli ultimi anni hanno condotto ad una crescita della deforestazione nell’Amazzonia peruviana. Questo è quanto emerso dallo studio “Gold Mining in the Peruvian Amazon: Global Prices, Deforestation, and Mercury Imports”, in cui viene messo in evidenza il rapporto diretto tra l’aumento del prezzo delle materie prime, in questo caso dell’oro e i rischi per l’ambiente. L’effetto finale di questa dinamica, in sintesi, è che i Paesi in via di sviluppo, che nella maggior parte dei casi sono anche i Paesi maggiormente ricchi di materie prime, diventano i responsabili di pratiche insostenibili e invasive che aumentano l’impatto sull’ambiente, senza poi avere gli strumenti per poter affrontare e risolvere i problemi.

Negli ultimi dieci anni, il prezzo dell’oro è aumentato del 360%, con un tasso di crescita annuale costante del 18%. Una delle immediate conseguenze nei Paesi con un’elevata disponibilità di questo minerale, è stata la diffusione di una miriade di minatori “informali” che agiscono nell’illegalità. Non pagano le tasse, non sono in possesso di permessi formali e non analizzano l’impatto ambientale dell’estrazione dell’oro. Questi minatori d’oro “artigianali” appartengono generalmente alle classi più povere ed emarginate della società, i cui i livelli di istruzione e informazione sono molto bassi. Il degrado sociale sfocia dunque in quello ambientale: deforestazione, aumento dell inquinamento da arsenico nell’acqua e nell’aria e contaminazione da mercurio.

Il mercurio, in particolare, continua ad essere uno dei componenti tossici dominanti nell’estrazione dell’oro da parte dei minatori fai-da-te, nonostante sia nota la sua pericolosità per l”ambiente e per la salute dell’uomo e costituisca il secondo maggior agente inquinante dopo i combustibili fossili. E’ stato stimato che dal 1998, i minatori irregolari hanno contribuito al 20-30% della produzione globale di oro, diventando responsabili di 1/3 di tutto il mercurio rilasciato nell’ambiente.

Sia per la deforestazione che per l’aumento di mercurio nell’ambiente, il Perù è un caso emblematico, e per questo oggetto di studio della ricerca in questione. Il Perù è infatti attualmente il quinto produttore di oro a livello globale e gran parte dell’oro estratto nel Paese è frutto di lavoro irregolare. I ricercatori hanno analizzato le immagini della regione peruviana Dios provenienti da un satellite della NASA , e si sono focalizzati sulla deforestazione intorno alle due principali miniere di oro “artigianali”, per il periodo 2003-2009. Analizzando i livelli di deforestazione nella regione, i ricercatori hanno rinvenuto che 6600 ettari di foresta Amazzonica sono spariti: la porzione di foresta tagliata dai minatori è cresciuta dai 292 ettari all’anno nel periodo 2003-2006, a 1915 ettari per anno durante gli anni 2006-2009. Giusto in concomitanza con un aumento del 18% del prezzo dell’oro in quegli anni. Negli stessi anni il Perù ha aumentato notevolmente le importazioni di mercurio, utilizzato dai minatori per l’estrazione dei residui di oro dalle miniere.

Per far fronte a una situazione drammatica, il Governo peruviano ha introdotto una serie di misure restrittive per contrastare l’estrazione di oro illegale, mentre a livello globale, l’accordo dell’UNEP del 2009 – che affronta il tema delle contaminazioni da mercurio – potrebbe fare da supporto, non solo in Perù. Lo studio mostra infatti che altri Paesi in via di sviluppo con grandi possedimenti di oro, sono ormai segnati dalle stesse dinamiche delpaese sudamericano.

Lo studio, suggerisce dunque alcune pratiche da attuare per contrastare questo processo, come la diffusione di metodi sicuri per l’estrazione dell’oro e l’aumento del grado di istruzione tra i minatori. Gli stessi ricercatori sono però consapevoli che, nonostante i provvedimenti, i miglioramenti non saranno visibili nel breve o medio periodo, e che le condizioni continueranno a peggiorare con l’aumento del prezzo del prezioso minerale.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende