Home » Rassegna Stampa » Il prezzo dell’oro aumenta e l’Amazzonia si riduce:

Il prezzo dell’oro aumenta e l’Amazzonia si riduce

settembre 22, 2011 Rassegna Stampa

Qual è il rapporto tra il prezzo dell’oro e l’ambiente? A quanto pare, il rapporto esiste ed è direttamente proporzionale, ossia all’aumento del prezzo dell’oro corrisponde un aumento della deforestazione, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo.

Gli aumenti record del prezzo dell’oro sul mercato negli ultimi anni hanno condotto ad una crescita della deforestazione nell’Amazzonia peruviana. Questo è quanto emerso dallo studio “Gold Mining in the Peruvian Amazon: Global Prices, Deforestation, and Mercury Imports”, in cui viene messo in evidenza il rapporto diretto tra l’aumento del prezzo delle materie prime, in questo caso dell’oro e i rischi per l’ambiente. L’effetto finale di questa dinamica, in sintesi, è che i Paesi in via di sviluppo, che nella maggior parte dei casi sono anche i Paesi maggiormente ricchi di materie prime, diventano i responsabili di pratiche insostenibili e invasive che aumentano l’impatto sull’ambiente, senza poi avere gli strumenti per poter affrontare e risolvere i problemi.

Negli ultimi dieci anni, il prezzo dell’oro è aumentato del 360%, con un tasso di crescita annuale costante del 18%. Una delle immediate conseguenze nei Paesi con un’elevata disponibilità di questo minerale, è stata la diffusione di una miriade di minatori “informali” che agiscono nell’illegalità. Non pagano le tasse, non sono in possesso di permessi formali e non analizzano l’impatto ambientale dell’estrazione dell’oro. Questi minatori d’oro “artigianali” appartengono generalmente alle classi più povere ed emarginate della società, i cui i livelli di istruzione e informazione sono molto bassi. Il degrado sociale sfocia dunque in quello ambientale: deforestazione, aumento dell inquinamento da arsenico nell’acqua e nell’aria e contaminazione da mercurio.

Il mercurio, in particolare, continua ad essere uno dei componenti tossici dominanti nell’estrazione dell’oro da parte dei minatori fai-da-te, nonostante sia nota la sua pericolosità per l”ambiente e per la salute dell’uomo e costituisca il secondo maggior agente inquinante dopo i combustibili fossili. E’ stato stimato che dal 1998, i minatori irregolari hanno contribuito al 20-30% della produzione globale di oro, diventando responsabili di 1/3 di tutto il mercurio rilasciato nell’ambiente.

Sia per la deforestazione che per l’aumento di mercurio nell’ambiente, il Perù è un caso emblematico, e per questo oggetto di studio della ricerca in questione. Il Perù è infatti attualmente il quinto produttore di oro a livello globale e gran parte dell’oro estratto nel Paese è frutto di lavoro irregolare. I ricercatori hanno analizzato le immagini della regione peruviana Dios provenienti da un satellite della NASA , e si sono focalizzati sulla deforestazione intorno alle due principali miniere di oro “artigianali”, per il periodo 2003-2009. Analizzando i livelli di deforestazione nella regione, i ricercatori hanno rinvenuto che 6600 ettari di foresta Amazzonica sono spariti: la porzione di foresta tagliata dai minatori è cresciuta dai 292 ettari all’anno nel periodo 2003-2006, a 1915 ettari per anno durante gli anni 2006-2009. Giusto in concomitanza con un aumento del 18% del prezzo dell’oro in quegli anni. Negli stessi anni il Perù ha aumentato notevolmente le importazioni di mercurio, utilizzato dai minatori per l’estrazione dei residui di oro dalle miniere.

Per far fronte a una situazione drammatica, il Governo peruviano ha introdotto una serie di misure restrittive per contrastare l’estrazione di oro illegale, mentre a livello globale, l’accordo dell’UNEP del 2009 – che affronta il tema delle contaminazioni da mercurio – potrebbe fare da supporto, non solo in Perù. Lo studio mostra infatti che altri Paesi in via di sviluppo con grandi possedimenti di oro, sono ormai segnati dalle stesse dinamiche delpaese sudamericano.

Lo studio, suggerisce dunque alcune pratiche da attuare per contrastare questo processo, come la diffusione di metodi sicuri per l’estrazione dell’oro e l’aumento del grado di istruzione tra i minatori. Gli stessi ricercatori sono però consapevoli che, nonostante i provvedimenti, i miglioramenti non saranno visibili nel breve o medio periodo, e che le condizioni continueranno a peggiorare con l’aumento del prezzo del prezioso minerale.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende