Home » Rassegna Stampa » La maledizione americana di BP e il rischio di un nuovo disastro ambientale:

La maledizione americana di BP e il rischio di un nuovo disastro ambientale

aprile 27, 2010 Rassegna Stampa

L'incendio della piattaforma BP, Courtesy of ANSAIl cammino verso la sostenibilità di BP -  il colosso petrolifero britannico che nel 2000 trasformò il suo acronimo da British Petrolum in Beyond Petroleum, sollevando accuse di greenwashing ai quattro angoli della Terra – sembra essere sempre più in salita, soprattutto lungo la via americana.

Il “peccato originale” della compagnia si consuma oltre oceano nel 1998, quando la major britannica acquista la Amoco (American Oil Company), con un’operazione finanziaria impropriamente chiamata ”fusione”, ma che di fatto si risolve in un’acquisizione – come rivela l’invarianza stessa del nome, che per altrì due anni connoterà la proprietà europea dell’azienda, senza portar traccia del partner americano.

Il 29 marzo scorso la notizia che BP Solar, il ramo fotovoltaico dell’azienda, ha deciso di interrompere defintivamente la produzione di pannelli solari nel propio impianto in Maryland per spostarla in Cina, dove i costi sono inferiori del 40%. Una decisione maturata a partire dal 2009, con la constatazione di una perdita, da parte delle divisioni eolico e solare, di 183.000 dollari all’ora. Che costerà ora anche la perdita, nell’impianto americano di Frederick, di 320 posti di lavoro su 430. 

Ma il vero e proprio disastro si consuma giovedì scorso, quando giunge la notizia che, a seguito di un’esplosione avvenuta nei giorni precedenti - nella quale sono morti 7 operai e 11 sono ancora dispersi - la piattaforma  petrolifera BP nel Golfo del Messico, a soli 50 km. dalle coste della Louisiana, sta affondando rilasciando in mare 1.000 barili di greggio al giorno.

I due squarci nel condotto che collega la piattaforma al fondale hanno generato un’immensa macchia di petrolio, lunga 45 chilometri e larga 30, che avanza pericolosamente verso la costa dove, secondo le previsioni, potrebbe arrivare nei prossimi due giorni. Ora tutto è nelle mani dei cosiddetti “robot verdi“, le apparecchiature subacque telecomandate a cui è affidato il compito di attivare la valvola di sicurezza – a 1.600 metri di profondità – che dovrebbe bloccare la fuoriuscita del greggio. 

In parallelo BP ha mobilitato una flotta di 5 aerei e 32 motonavi per “spruzzare” la macchia nera galleggiante con una sostanza chimica capace di disperdere il petrolio e per gettare le immense reti necessarie a contenerla sulla superficie del mare.

“In questa fase”, ha dichiarato Michail Yakimov, ricercatore del CNR di Messina intervistato dall’Ansa, ”è importante bloccare la chiazza meccanicamente con delle barriere posizionate con aerei e navi, per facilitare l’intervento con altri mezzi, come i detergenti o i batteri che ‘mangiano’ il petrolio. Ovviamente la possibilità che le barriere funzionino dipende fortemente dalla quantità di petrolio fuoriuscita, ma se la macchia dovesse raggiungere la costa il disastro ambientale sarebbe grandissimo“.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende