Home » Rassegna Stampa » La maledizione americana di BP e il rischio di un nuovo disastro ambientale:

La maledizione americana di BP e il rischio di un nuovo disastro ambientale

aprile 27, 2010 Rassegna Stampa

L'incendio della piattaforma BP, Courtesy of ANSAIl cammino verso la sostenibilità di BP -  il colosso petrolifero britannico che nel 2000 trasformò il suo acronimo da British Petrolum in Beyond Petroleum, sollevando accuse di greenwashing ai quattro angoli della Terra – sembra essere sempre più in salita, soprattutto lungo la via americana.

Il “peccato originale” della compagnia si consuma oltre oceano nel 1998, quando la major britannica acquista la Amoco (American Oil Company), con un’operazione finanziaria impropriamente chiamata ”fusione”, ma che di fatto si risolve in un’acquisizione – come rivela l’invarianza stessa del nome, che per altrì due anni connoterà la proprietà europea dell’azienda, senza portar traccia del partner americano.

Il 29 marzo scorso la notizia che BP Solar, il ramo fotovoltaico dell’azienda, ha deciso di interrompere defintivamente la produzione di pannelli solari nel propio impianto in Maryland per spostarla in Cina, dove i costi sono inferiori del 40%. Una decisione maturata a partire dal 2009, con la constatazione di una perdita, da parte delle divisioni eolico e solare, di 183.000 dollari all’ora. Che costerà ora anche la perdita, nell’impianto americano di Frederick, di 320 posti di lavoro su 430. 

Ma il vero e proprio disastro si consuma giovedì scorso, quando giunge la notizia che, a seguito di un’esplosione avvenuta nei giorni precedenti - nella quale sono morti 7 operai e 11 sono ancora dispersi - la piattaforma  petrolifera BP nel Golfo del Messico, a soli 50 km. dalle coste della Louisiana, sta affondando rilasciando in mare 1.000 barili di greggio al giorno.

I due squarci nel condotto che collega la piattaforma al fondale hanno generato un’immensa macchia di petrolio, lunga 45 chilometri e larga 30, che avanza pericolosamente verso la costa dove, secondo le previsioni, potrebbe arrivare nei prossimi due giorni. Ora tutto è nelle mani dei cosiddetti “robot verdi“, le apparecchiature subacque telecomandate a cui è affidato il compito di attivare la valvola di sicurezza – a 1.600 metri di profondità – che dovrebbe bloccare la fuoriuscita del greggio. 

In parallelo BP ha mobilitato una flotta di 5 aerei e 32 motonavi per “spruzzare” la macchia nera galleggiante con una sostanza chimica capace di disperdere il petrolio e per gettare le immense reti necessarie a contenerla sulla superficie del mare.

“In questa fase”, ha dichiarato Michail Yakimov, ricercatore del CNR di Messina intervistato dall’Ansa, ”è importante bloccare la chiazza meccanicamente con delle barriere posizionate con aerei e navi, per facilitare l’intervento con altri mezzi, come i detergenti o i batteri che ‘mangiano’ il petrolio. Ovviamente la possibilità che le barriere funzionino dipende fortemente dalla quantità di petrolio fuoriuscita, ma se la macchia dovesse raggiungere la costa il disastro ambientale sarebbe grandissimo“.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Millenials Fest 2017: a Siena idee e innovazioni tra cibo e territorio

settembre 26, 2017

Millenials Fest 2017: a Siena idee e innovazioni tra cibo e territorio

La prima piattaforma che consente a chi vive in città di coltivare a distanza alberi da frutta biologici, attraverso l’adozione interattiva. Prodotti per il cibo del futuro a base di grilli, la prima batteria a flusso realizzata con una molecola organica che permette di immagazzinare energia da fonti rinnovabili in maniera economica ed ecologica e [...]

“A seminar la buona pianta” torna a Milano dal 29 settembre

settembre 25, 2017

“A seminar la buona pianta” torna a Milano dal 29 settembre

Il festival culturale “A Seminar la Buona Pianta“, firmato Aboca, giunge alla sua sesta edizione e ritorna a Milano, dal 29 settembre al 1 ottobre, con l’obiettivo di continuare a indagare il rapporto uomo-mondo vegetale e la volontà di contribuire a formare, nella popolazione italiana, una maggiore coscienza e responsabilità sullo sviluppo sostenibile e la salute umana. Anche [...]

Borse di studio UNESCO “MAB Young Scientists Award”. Fino al 30 novembre

settembre 22, 2017

Borse di studio UNESCO “MAB Young Scientists Award”. Fino al 30 novembre

Fin dal 1989 il Programma Uomo e Biosfera dell’UNESCO ha finanziato, con borse di studio del valore massimo di 5.000 dollari, giovani scienziati che abbiano condotto ricerche sugli ecosistemi, sulle risorse naturali e sulla biodiversità. Mediante tali borse di studio (chiamate “MAB Young Scientists Awards”), il programma MAB sta investendo in una nuova generazione di [...]

Puliamo il Mondo festeggia 25 anni

settembre 22, 2017

Puliamo il Mondo festeggia 25 anni

25 anni di impegno civile, sociale e di volontariato ambientale con 15 milioni di persone coinvolte in tutta Italia e 100mila aree ripulite. Sono i numeri di Puliamo il Mondo, la storica campagna di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai e in programma questo week-end 22, 23 e 24 settembre [...]

Green City Milano 2017: l’evoluzione del verde meneghino a confronto con Lione e Mosca

settembre 19, 2017

Green City Milano 2017: l’evoluzione del verde meneghino a confronto con Lione e Mosca

“Siamo arrivati alla terza edizione di Green City Milano e non posso che ringraziare i cittadini e le associazioni che hanno organizzato oltre 500 eventi in tutta la città. Sarà un’occasione per raccontare la strada che Milano sta intraprendendo dal punto di vista del verde…”. Esordisce così Pierfrancesco Maran, Assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura del [...]

Urbanpromo Green: a Venezia si parla di sviluppo urbano sostenibile

settembre 19, 2017

Urbanpromo Green: a Venezia si parla di sviluppo urbano sostenibile

Il 21 e 22 settembre, presso la Scuola di Dottorato dell’Università IUAV di Venezia a Palazzo Badoer, si terrà la prima edizione di Urbanpromo Green, una manifestazione che segna l’ampliamento della proposta di Urbanpromo, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, che agli eventi incentrati sul social housing e sulla rigenerazione urbana – in [...]

Settimana europea della Mobilità: il focus 2017 è sulla “condivisione”

settembre 18, 2017

Settimana europea della Mobilità: il focus 2017 è sulla “condivisione”

Ogni anno la Settimana Europea della Mobilità – dal 16 al 22 settembre – si concentra su un particolare argomento relativo alla mobilità sostenibile, sulla cui base le autorità locali sono invitate a organizzare attività per i propri cittadini e a lanciare e promuovere misure permanenti a sostegno. Per l’edizione 2017 è stato scelto come focal [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende