Home » Rassegna Stampa » La maledizione americana di BP e il rischio di un nuovo disastro ambientale:

La maledizione americana di BP e il rischio di un nuovo disastro ambientale

aprile 27, 2010 Rassegna Stampa

L'incendio della piattaforma BP, Courtesy of ANSAIl cammino verso la sostenibilità di BP -  il colosso petrolifero britannico che nel 2000 trasformò il suo acronimo da British Petrolum in Beyond Petroleum, sollevando accuse di greenwashing ai quattro angoli della Terra – sembra essere sempre più in salita, soprattutto lungo la via americana.

Il “peccato originale” della compagnia si consuma oltre oceano nel 1998, quando la major britannica acquista la Amoco (American Oil Company), con un’operazione finanziaria impropriamente chiamata ”fusione”, ma che di fatto si risolve in un’acquisizione – come rivela l’invarianza stessa del nome, che per altrì due anni connoterà la proprietà europea dell’azienda, senza portar traccia del partner americano.

Il 29 marzo scorso la notizia che BP Solar, il ramo fotovoltaico dell’azienda, ha deciso di interrompere defintivamente la produzione di pannelli solari nel propio impianto in Maryland per spostarla in Cina, dove i costi sono inferiori del 40%. Una decisione maturata a partire dal 2009, con la constatazione di una perdita, da parte delle divisioni eolico e solare, di 183.000 dollari all’ora. Che costerà ora anche la perdita, nell’impianto americano di Frederick, di 320 posti di lavoro su 430. 

Ma il vero e proprio disastro si consuma giovedì scorso, quando giunge la notizia che, a seguito di un’esplosione avvenuta nei giorni precedenti - nella quale sono morti 7 operai e 11 sono ancora dispersi - la piattaforma  petrolifera BP nel Golfo del Messico, a soli 50 km. dalle coste della Louisiana, sta affondando rilasciando in mare 1.000 barili di greggio al giorno.

I due squarci nel condotto che collega la piattaforma al fondale hanno generato un’immensa macchia di petrolio, lunga 45 chilometri e larga 30, che avanza pericolosamente verso la costa dove, secondo le previsioni, potrebbe arrivare nei prossimi due giorni. Ora tutto è nelle mani dei cosiddetti “robot verdi“, le apparecchiature subacque telecomandate a cui è affidato il compito di attivare la valvola di sicurezza – a 1.600 metri di profondità – che dovrebbe bloccare la fuoriuscita del greggio. 

In parallelo BP ha mobilitato una flotta di 5 aerei e 32 motonavi per “spruzzare” la macchia nera galleggiante con una sostanza chimica capace di disperdere il petrolio e per gettare le immense reti necessarie a contenerla sulla superficie del mare.

“In questa fase”, ha dichiarato Michail Yakimov, ricercatore del CNR di Messina intervistato dall’Ansa, ”è importante bloccare la chiazza meccanicamente con delle barriere posizionate con aerei e navi, per facilitare l’intervento con altri mezzi, come i detergenti o i batteri che ‘mangiano’ il petrolio. Ovviamente la possibilità che le barriere funzionino dipende fortemente dalla quantità di petrolio fuoriuscita, ma se la macchia dovesse raggiungere la costa il disastro ambientale sarebbe grandissimo“.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende