Home » Rassegna Stampa » L’allarme del WWF nella Giornata Mondiale degli Oceani:

L’allarme del WWF nella Giornata Mondiale degli Oceani

giugno 8, 2010 Rassegna Stampa

oceano, Courtesy of istitutomattei.bo.itDa “pianeta blu” a “lago nero”: è questo il rischio che corrono il 99% dei mari(quelli cioé non sottoposti a tutela), sempre più soffocati da petrolio, pesca, rifiuti, navi “carretta” e distruzione dei coralli.

È con questo spirito di denuncia che il Wwf e le principali associazioni ambientaliste si preparano a celebrare l’8 giugno, la Giornata mondiale degli Oceani istituita dall’Onu nel 1992.

Già solo i danni sociali, economici e ambientali causati dalla fuoriuscita di petrolio dalla piattaforma di estrazione della Bp nel Golfo del Messico dureranno almeno50 anni, dopo aver distrutto un intero ecosistema naturale. Ma altri rischi sono legati al petrolio, in particolare la circolazione di navi oceaniche vecchie e malridotte utilizzate come cisterne di carburante, come nel caso della ‘Exxon Valdez’ (che nel 1989 si infranse su uno scoglio dell’Alaska).

Secondo il Wwf sarebbe necessario, nel settore delle attività estrattive, “mettere in campo valutazioni di rischio che includano la previsione e la quantificazione dell’enorme danno ecologico” e socio-economico, in caso di disastri.

Non c’è però solo il petrolio tra i nemici dei mari. Quasi la totalità degli oceani, accusa il Wwf, è solcato da flotte di pescherecci: la biodiversità delle aree di ‘alto mare’ è minacciata, in particolare, dalla pesca a strascico che, distruggendo le barriere coralline situate nelle profondità, devasta l’ecosistema. Inoltre lo sfruttamento eccessivo degli stock di pesce, che in alto mare riguarda circa il 65% del totale, frutta 1,2 miliardi di dollari all’anno e in molti paesi esistono sussidi governativi che di fatto gonfiano le flotte globale di pescherecci almeno del 50-60% rispetto alle reali necessità.

A dispetto dell’estensione delle acque del globo, che rappresentano il 71% della superficie terrestre, meno dell’1% degli oceani è formalmente protetto, contro quasi il 14% delle terre emerse protette. Entro il 2012, sostiene il Wwf, “devono essere istituite reti di aree marine protette ecologicamente rappresentative”. I governi, che a ottobre si incontreranno a Nagoya in Giappone per la Conferenza sullaBiodiversità, dovranno raggiungere “un accordo per proteggere ulteriormente le aree marine di particolare importanza ecologica”.

Qualcosa però si sta muovendo. Nel novembre 2009 circa 94.000 metri quadrati di acque antartiche sono state trasformate nell’area marina protetta del ‘South Orkney’ con divieto di pesca, e nel prossimo incontro della Commissione per la Tutela Ambientale nell’Atlantico nord-orientale verranno annunciate cinque nuove aree marine protette in acque internazionali, tra cui i 300.000 metri quadrati della ‘zona di frattura Charlie Gibbs’, situata lungo la dorsale sottomarina atlantica.

Anche in Italia, afferma l’associazione del Panda, sono stati compiuti sforzi per aumentare la protezione delle acque, grazie all’istituzione diquattro nuove aree marine protette in Abruzzo, Toscana, Sicilia e Campania.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende