Home » Rassegna Stampa » Le navi dei veleni:

Le navi dei veleni

ottobre 22, 2009 Rassegna Stampa

wreckDal mare calabrese emergono scenari sempre più inquietanti. L’allarme è scattao quando un pentito di mafia ha raccontato che sul fondale sono presenti numerosi relitti di navi fatte affondare intenzionalmente per far sparire quintali di rifiuti tossici.

Il Rapporto Ecomafia 2009 ha rilevato come esistano luoghi privilegiati per smaltire sostanze illegali che vanno dalle discariche abusive alle cave dismesse, dai terreni agricoli ai capannoni abbandonati, fino all’immensa e profonda distesa blu che circonda la nostra penisola.

Proprio nella zona costiera di Cosenza che si affaccia sul Tirreno, è stata trovata la motonave russa Cunsky, scomparsa misteriosamente nel 1992, carica di esplosivi e fusti zeppi di scorie radioattive. La magistratura ha aperto un’inchiesta per far luce sulle responsabilità di questo disastro ecologico e spiegare le tragiche percentuali di ammalati di tumore nella zona tra Amantea e Paola.

Per saperne di più:

La Repubblica: ” Dal plutonio alle polveri di marmo, il “cimitero” delle navi radioattive” di Antonio Cianciullo.

Corriere della Sera: “Quelle bombe tossiche in fondo al mare” di Dacia Maraini.

Ansa.it: “La nave dei veleni: disposto il sequestro di un fusto”.

Legambiente.eu : “Le richieste puntuali e motivate di Legambiente alla Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite nel ciclo dei rifiuti”, Comunicato Stampa.

Ministeroambiente.it: “Menia: richieste indagini approfondite nell’area marina interessata e sulla terraferma”

Ansa: “Nave dei veleni: non è cunsky; domani pentito descriverà navi”

Gli ultimi sviluppi dell’inchiesta hanno mostrato che in realtà la nave trovata affondata al largo delle coste calabresi è il relitto della nave passeggeri “Catania” silurata nel corso della Prima guerra mondiale il 16 marzo 1917.

Ministeroambiente.it: “Caso chiuso. Quella nave non contiene veleni”

Rainews24.it: “Nave dei veleni. Wwf: il caso non è chiuso”

Ansa .it: “Nave veleni: Assessore Ambiente Calabria, vogliamo la verità”

Non si ferma con la chiusura del caso di Cetraro la questione “nave dei veleni”. Pur avendo dichiarato che il Governo “non può, sulla base di notizie di stampa, avviare ricerche in tutto il Mediterraneo”, il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, in audizione in Commissione bicamerale sul ciclo dei rifiuti, ha aggiunto che il  ministero ha siglato una convenzione con l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e, in collaborazione con l’Arpa Calabria, “ha predisposto un piano di caratterizzazione, approvato dalla procura, che è in corso di esecuzione”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende