Home » Rassegna Stampa » L’ombra del Climategate su Copenhagen:

L’ombra del Climategate su Copenhagen

dicembre 9, 2009 Rassegna Stampa

Courtesy of Juampe Lòpez (Flickr)Lo scandalo noto come Climategate risale a fine novembre, quando dal server dell’Unità di Ricerca sul Clima della University of East Anglia, in Inghilterra, vengono rubati 13 anni di file. 1000 e-mail e 3000 documenti, dal 1996 al 2009, che insinuano il dubbio, tra gli scettici, che l’Istituto abbia manipolato i dati scientifici (utilizzati sia dall’Intergovernmental Panel on Climate Change che dal premio Nobel Al Gore) per far apparire il Global Warming un fenomeno più allarmante di quanto non sarebbe in realtà.

Attacchi e smentite sono rimbalzati, nei giorni scorsi, da un giornale all’altro senza tregua. Lo stesso Rajendra Pachauri, presidente dell’IPCC, il 4 dicembre scorso ha dichiarato: “Non vogliamo nascondere nulla sotto il tappeto. Questo è un problema serio e indagheremo a fondo” anche se, ha rassicurato, “i risultati delle ricerche riconosciute dall’IPCC fanno capo a fonti diversificate. Sarebbe dunque impossibile, per un solo gruppo di ricercatori, manipolare le realtà scientifiche riconosciute”. Sulla stessa linea le dichiarazioni del Segretario Generale Nazioni Unite  Ban Ki-Moon, per il quale l’episodio non avrebbe danneggiato in alcun modo il messaggio scientifico di base. 

I primi dubbi circa il potenziale effetto negativo della vicenda sono emersi dal Negoziatore Capo sul clima dell’Arabia Saudita Mohammad al-Sabban che, ai microfoni di BBC news, ha ricordato come l’incidente presenti tutti i requisiti per registrare un enorme impatto negativo su Copenhagen. Secondo il negoziatore saudita addirittura, “dai dettagli dello scandalo emerge che non vi sia alcuna relazione tra le attività umane e il cambiamento climatico”. Una conclusione pesante che fa eco alle note obiezioni del Ministro Indiano Jarain Ramesh sull’origine antropica del riscaldamento globale, riconosciuta dalla stragrande maggioranza della comunità scientifica.

Queste rivelazioni giustificano gli scettici?” si chiede il giornalista del The Guardian George Monbiot. Forse no, ma vale la pena notare come Al Gore abbia misteriosamente annullato, senza troppe spiegazioni, la propria partecipazione alla conferenza stampa organizzata dal Gruppo danese “Berlingske Media”, in programma a Copenhagen il 16 dicembre prossim, per la quale erano già stati venduti 3000 biglietti (di cui alcuni inclusivi di foto insieme all’ex candidato alla Casa Bianca per 1209 $). L’ufficio stampa dell’organizzazione si è difeso dicendo di “non conoscere le precise ragioni della cancellazione”, rassicurando sul fatto che i biglietti saranno comunque rimborsati.

Una premura che non ha allontanato il sospetto di un imbarazzo di Gore circa la vicenda Climategate. Il suo film “An Inconvenient Truth”, che gli è valso due oscar e un Nobel, avrebbe infatti attinto ampiamente alle ricerche della University of East Anglia.

“Una verità scomoda” anche questa dunque. A causa della quale due membri dell’Academy of Motion Pictures Art and Sciences di Hollywood invocano addirittura il ritiro degli Oscar consegnati. Promuovere con un libro e poi con un documentario dati che alcuni accademici hanno ammesso di aver volontariamente alterato non sarebbe a parer loro ammissibile.

“La verità è che oggi c’è ancora chi crede che lo sbarco sulla Luna sia stato inventato al cinema.” ribatte Gore. “La differenza è che chi non crede allo sbarco sulla Luna non ha dietro i soldi degli inquinatori“.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende