Home » Rassegna Stampa » Marea nera: le telecamere (sottomarine) sull’operazione “top kill”:

Marea nera: le telecamere (sottomarine) sull’operazione “top kill”

maggio 26, 2010 Rassegna Stampa

Un' immagine in diretta dalle telecamere BP, Courtesy of BP AmericaSospendere le riprese delle telecamere che 24 ore su 24 riprendono la fuoriuscita di greggio al largo della Louisiana? E’stata quest’ipotesi, ventilata dai vertici di BP, a far discutere ancor prima che la decisione finale sull’operazione denominata “top kill” sia stata presa.  

Dopo l’insuccesso dei precedenti tentativi BP dovrebbe infatti provare oggi a chiudere definitivamente la fuoriuscita di greggio dal pozzo nel Golfo del Messico versando una colata di fango e cemento a 1.500 metri di profondità. Prima un getto di fango ad alta pressione dovrebbe riempire la falla, poi un tappo in cemento la dovrebbe sigillare per sempre. Tutti i condizionali, per quest’operazione della durata prevista di due giorni, sono d’obbligo. Se il tentativo (fallito) della cupola era infatti stato definito dal presidente di BP America Lamar McKay, “un intervento a cuore aperto condotto a 1.500 metri di profondità“, questa volta le possibilità di successo, secondo l’amministratore delegato del gruppo petrolifero Tony Hayward, sono “intorno al 60-70%” – nuovamente con l’incognita di un’operazione mai tentata a quelle profondità.

Prima di agire si dovrà infatti attendere l’esito degli ultimi test, per verificare che il fango pompato “per prova” non aumenti ulteriormente la pressione danneggiando il pozzo. Tragica ipotesi che rischierebbe di aggravare la fuoriuscita. Forse per questa ragione BP preferirebbe evitare il rischio di diffondere, a livello planetario, le immagini dell’ennesimo tentativo fallito. Ma il presidente Obama ha espressamente richiesto che le telecamere rimangano accese, con l’avvertenza che, in una prima fase, a causa del pompaggio del fango, potrebbe esserci l’impressione di un aggravamento della fuoriuscita di greggio.    

In caso di fallimento dell’operazione “top kill”, l’Amministrazione Obama potrebbe decidere di assumere il diretto controllo delle operazioni, per tentare di arginare il piu’ grave disastro ambientale nella storia degli Stati Uniti.

Nel frattempo arriva dall’Italia una soluzione alternativa a basso costo, avanzata dalla GTA - Gestione Tecnologia per l’Ambiente, società partecipata dall’azienda Arcobaleno di Catania e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma. Si tratta del Polysolver, un materiale che si lega indissolubilmente con gli idrocarburi trasformandosi in una specie di “pasta” che può essere poi utilizzata direttamente come carburante, oppure, strizzandola, permette di recuperare il greggio disperso. Un campione del polimero è stato richiesto dalla società americana che sta gestendo  i tentativi di risanamento delle zone inquinante.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende