Home » Rassegna Stampa » Per l’energia pulita l’Italia ricorrerà alle Merchant Line:

Per l’energia pulita l’Italia ricorrerà alle Merchant Line

febbraio 15, 2010 Rassegna Stampa

Courtesy of Jason L. ParksPer soddisfare l’obiettivo del consumo del 17% di energie rinnovabili imposto da Bruxelles entro il 2020, l’Italia dovrà ricorrere a progetti comuni con altri stati membri o a trasferimenti statistici. Secondo il documento di previsione inviato dal governo italiano alla Commissione europea, infatti, lo sviluppo di alcune Merchant Line (linee commerciali) con la Svizzera, l’Albania e la Tunisia e un’interconnessione con il Montenegro permetterà allo stivale di ovviare alla carenza di 1,17 Mtep di elettricità verde.

Il progetto di interconnessione tra Italia e Svizzera, che potrà contribuire a ridurre il deficit di elettricità verde italiana per il 2020, é quasi arrivato in porto. Le indicazioni contenute nel documento di previsione indicano che l’istruttoria per le autorizzazioni del progetto è stata già completata con esito favorevole sia in Svizzera e che in Italia, anche se vanno ancora superate alcune perplessità di natura ambientale in Lombardia. Queste difficoltà sembrano comunque superabili grazie alla possibilità di posa del cavo all’interno di un oleodotto esistente. In base al potenziale di fonti rinnovabili non ancora esplorato, il documento valuta che la nuova interconnessione insieme a quelle già esistenti potrà contribuire in modo crescente all’importazione di elettricità verde svizzera, passando dal 2008 al 2018 da 1TWh (0,086 Mtep/anno) a 4TWh l’anno(0,344 Mtep/anno).

Sarà, invece, un cavo in grado di trasportare 1000 MW che permetterà di trasferire elettricità verde dal Montenegro all’Italia. L’iniziativa, che risale al 2007, ha superato lo stadio dello studio di fattibilità e Terna ha già avanzato alle autorità italiane la richiesta di autorizzazione. Il cavo potrebbe poi essere impiegato anche per importare elettricità da fonti rinnovabili prodotte in Serbia. Si ritiene plausibile che l’interconnessione con il Montenegro possa consentire l’importazione di 0,516Mtep/anno, circa 6 TWh/anno, di energie rinnovabili a partire dal 2016.

Anche i progetti che uniscono Italia e Albania sono frutto di precedenti accordi: già nel 2002, infatti, i due paesi discutevano sulle condizioni da rispettare perché l’elettricità verde albanese importata nel nostro paese potesse beneficiare degli incentivi italiani. Il passo decisivo risale però al marzo dello scorso anno con l’intesa per  la realizzazione di un parco eolico in Albania e sulla relativa capacità di trasmissione per accedere al mercato internazionale e in particolare a quello italiano. Le autorità albanesi hanno dato il loro ok anche alla costruzione di una centrale a biomassa, di due altri parchi eolici e ai relativi collegamenti con il mercato internazionale e specialmente italiano. Con alle spalle questo tipo di progetti, il governo del nostro paese stima la possibilità di importare circa 3 TWh/anno di elettricità albanese da fonti rinnovabili (0,258 Mtep/anno) a partire dal 2016.

Ultimo passo: la Tunisia. Un collegamento sottomarino verrà realizzato in collaborazione tra Terna e Steg, la società elettrica tunisina. I due operatori, che hanno costituito la società mista El Med Elude, prevedono, oltre alla realizzazione del collegamento elettrico, anche quella di un polo di produzione in Tunisia da 1200 MW, destinato al mercato tunisino ed italiano. Accanto a questi progetti nasce da parte dello stesso gruppo l’idea di costituire una Merchant line anche per investimenti nel settore eolico. Secondo le stime, a partire dal 2018, potranno essere importabili ogni anno dalla Tunisia  0,6 TWh di elettricità da fonti rinnovabili, equivalenti a 0,052 Mtep.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende