Home » Rassegna Stampa » Riflettori su CasaClima: intervista a Dario Vineis, Presidente del Network Piemonte e Valle d’Aosta:

Riflettori su CasaClima: intervista a Dario Vineis, Presidente del Network Piemonte e Valle d’Aosta

febbraio 14, 2012 Rassegna Stampa

L’Agenzia CasaClima, da alcune settimane, sta attraversando una bufera politica e mediatica che, come prima vittima, ha avuto il suo stesso fondatore e direttore dimissionario Norbert Lantschner, che abbiamo intervistato per LaStampa.it. Ma cosa comporterà questo terremoto istituzionale per i Network territoriali sviluppatisi in Italia negli ultimi anni, su stimolo di quello che, fino a ieri, era un modello esemplare di interazione pubblico-privato? Ne abbiamo parlato con l’architetto Dario Vineis, Presidente del Network CasaClima Piemonte e Valle d’Aosta, uno dei primi e più attivi nel Paese.  “Progettare e realizzare una CasaClima – esordisce Vineis – vuol dire sottoscrivere un impegno, da parte del progettista e del costruttore, nei confronti del committente; impegno che vede certamente garantito il risparmio energetico dell’edificio ma anche , e soprattutto, una più elevata e generale qualità edilizia”. Ecco, in sintesi, in cosa consiste il valore di questo sistema e la ragione per la quale si è addirittura formato un comitato spontaneo di cittadini e professionisti, dal significativo nome Salviamo Casa Clima.

L’accettazione, da parte del Consiglio di Agenzia, delle dimissioni del Direttore Norbert Lantschner, non dovrebbe, a quanto pare,  modificare la linea di sviluppo verso la quale aveva iniziato a indirizzarsi l’Agenzia, ovvero quella dei Network regionali, che dovrebbero garantire la formazione e lo sviluppo di un territorio, indirizzare i piani di potenziamento delle reti micro-capillari per una progettazione sostenibile e organizzare i corsi di formazione per i tecnici del settore – a cui sarà demandato il compito di progettare, in modo sostenibile, il futuro dell’ambiente. La tensione rimane tuttavia alta.

D) Arch. Vineis, indipendentemente dalla vicenda delle “dimissioni forzate” o “volontarie” del Direttore di Casa Clima e senza entrare nel merito delle ragioni di Lantschner o del CdA, quali sono, secondo lei, i punti di forza dell’iniziativa Casa Clima che vanno preservati, soprattutto in relazione all’impatto per i network territoriali?

R) Il punto di forza dell’Agenzia è certamente l’ideazione di un sistema che garantisca la qualità dell’esecuzione, perché è soltanto attraverso il controllo applicato dall’Agenzia e attraverso la progettazione secondo una precisa direttiva tecnica che si possono ottenere risultati certi. In una costruzione ad alta efficienza energetica intendiamo la riduzione dei consumi e la riduzione delle emissioni del gas serra, obiettivi principali di CasaClima. Le potenzialità di questo modello si vedono e hanno maggior valore quando vengono diffuse su tutto il territorio nazionale, non rimanendo confinate solo in qualche area particolarmente virtuosa. I  programmi di sviluppo dell’Agenzia, tra l’altro, non comprendono solo sistemi di certificazione di edifici, ma prevedono, oggi, anche sistemi di certificazione ambientale, come il ClimaHabitat, ClimaWine, ClimaHotel e ClimaWelcome per il turismo sostenibile,  gli alberghi,  i quartieri, le aziende agricole e vitivinicole. Il punto di forza principale è però la diffusione territoriale di questi protocolli. I Network sono i presidi territoriali dell’Agenzia,  l’ultimo punto di arrivo attuale verso il quale essa si è sviluppata fuori dalla Provincia Autonoma. Dopo aver certificato, per norma, edifici in provincia di Bolzano, ha cominciato a certificare fuori dalla Provincia, ha formato i tecnici, ha fatto crescere imprese di costruzione, ma anche aziende che oggi producono materiali e prodotti di qualità, tanto quanto le aziende della Provincia di Bolzano, e, alla fine, ha fatto nascere questi Network,  cioè dei presidi territoriali, che coprono un’area ormai vastissima nel Paese. Da qui in poi bisogna che questo progetto si espanda ulteriormente e proprio grazie a questi presidi.

D) Ci saranno pure, tuttavia, dei punti di debolezza…

R) Forse uno di questi è che si tratta di un’Agenzia pubblica e un’azienda pubblica deve funzionare attraverso delle logiche che, probabilmente, in qualche caso sono distanti da quelle che il mondo attuale richiede, lontane anche dal mercato delle idee e da quello economico. Il rispetto di alcune logiche di carattere dirigenziale ha frenato la chiarezza e la comprensione di quelli che possono essere i programmi di sviluppo, che ci auguriamo vengano presto condivisi ed avviati.

D) In che cosa CasaClima dovrebbe migliorare il proprio ruolo e il proprio impatto verso i territori, in una prospettiva di breve e lungo periodo?

R) L’alternativa, oggi, potrebbe essere seguire una logica di sviluppo spostata sui Network, per catalizzare tutti quei soggetti pubblici o privati che intendano modificare il modo attuale di fare eco-sostenibilità nella costruzione e non solo. Ad esempio, per la redazione di Regolamenti Energetici, che premino quei cittadini e quelle imprese che danno la garanzia di aver ottenuto risultati di efficienza energetica a un certo livello, oltre la Normativa Regionale o Provinciale, che deve essere considerala il livello minimo da raggiungere. Ecco che i Regolamenti energetici possono diventare allora uno strumento per garantire il raggiungimento dei risultati e controllare, molto facilmente, gli incentivi che vengono rilasciati. Questo perché il sistema CasaClima è un sistema molto semplice e facilmente verificabile, e  siccome il denaro è pubblico, è bene che non vada sprecato.

D) In definitiva, che cosa si aspetta dunque per i network territoriale, in particolare per quello piemontese, dalle prossime attività e iniziative di Casa Clima?

R) Nel territorio Piemontese CasaClima è già molto presente attraverso il Network,  partecipa a molte iniziative sia di divulgazione che di informazione. Ciò è possibile sia attraverso il canale istituzionale, perché lavora attraverso Pubbliche Amministrazioni, sia attraverso canali privati, con la partecipazione a fiere ed eventi. Una delle cose più importanti che il Network ha realizzato, nel suo primo anno di attività, è la partecipazione quale MainPartner all’iniziativa di Torino Smart City. Due dei cinque progetti che sono stati redatti nei workshop sono stati sviluppati con la collaborazione di consulenti esperti  CasaClima, che hanno indirizzato i progetti secondo le sue direttive; voglio ricordarli e ringraziarli per nome, sono Silvia Brunello, Claudia Giordana, Luca Malavolta, Fabrizio Prato, Ivano Talmon. Oggi questa partnership con il Comune di Torino continua: nel progetto SmartCity abbiamo molti spunti di collaborazione, ma stiamo anche partecipando a molti gruppi di lavoro, e ad un progetto transfrontaliero, con alcune Pubbliche Amministrazioni e soggetti privati. Tutto ciò è un primo passo, che speriamo si possa sviluppare ulteriormente.

Valentina Burgassi

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende