Home » Rassegna Stampa » Verso Rio+20. I risultati del Forum di Nairobi:

Verso Rio+20. I risultati del Forum di Nairobi

marzo 10, 2011 Rassegna Stampa

Courtesy of eir@si, Flickr.comProssimo appuntamento Rio+20. L’accordo per una Conferenza sullo Sviluppo Sostenibile nell’ambito delle Nazioni Unite, è stata la conclusione della 26th edizione del Forum dei Ministri dell’Ambiente organizzato dall’Unep (United Nation Environment Programme) dal 21 al 24 Febbraio a Nairobi in Kenya.

Gli oltre 100 ministri che vi hanno partecipato, insieme a membri della società civile, del settore privato e di quello scientifico, hanno concordato all’unanimità nel sostenere l’esigenza di una nuova conferenza, che si svolgerà per l’appunto il prossimo anno in Brasile, con l’obiettivo di accelerare la transizione verso economie caratterizzate da basse emissioni di carbonio e da sistemi di efficienza energetica.

La Green Economy, si dice, dovrà diventare una realtà non solo per i Paesi sviluppati, ma anche per le economie emergenti come quella dell’India e della Cina, e per i Paesi in via di sviluppo. Per questo il Global Ministerial Environment Forum è stato dedicato alla promozione della green economy, quale modello di crescita da sostenere, non solo per i suoi benefici in campo strettamente ambientale, ma anche per i vantaggi che derivano direttamente al settore economico.

Su queste premesse il Commissario Europeo per l’Ambiente, Janez Potočnik, e il Sotto-Segretario Generale dell’Onu (nonché Direttore dell’Unep), Achim Steiner, hanno annunciato una nuova partnership strategica tra le due istituzioni, al fine di rafforzare ed implementare la cooperazione in campo energetico ed ambientale. Una collaborazione che richiama, per altro, gli stessi principi della Strategia Europea 2020 e il rapporto dellUnep “Towards a green economy”, che mirano a uno sviluppo sostenibile in tutti i sensi: economico, ambientale e sociale.

Una strategia di crescita basata sulla green economy può e deve creare sviluppo economico, nuovi posti di lavoro e aiutare a sradicare la povertà. In questa prospettiva la green economy può riconciliare la crescita economica con la protezione dell’ambiente: due concetti che fino ad ora sono stati antitetici”. E’ quanto sostenuto dal Commissario Potočnik, che durante il suo intervento ha anche precisato come “sarebbe necessario passare da un approccio caratterizzato dalla protezione dell’ambiente dai tradizionali meccanismi della crescita economica, ad un approccio in cui la stessa crescita economica, in chiave green, diventi un mezzo per proteggere l’ambiente”.

Si tratta di un nuovo tipo di messaggio e di modello che dovrebbe essere preso in considerazione dai Governi, soprattutto per quel che concerne il ruolo dei Ministri delle Finanze, del settore privato, e anche dei consumatori, i quali dovrebbero muoversi in base ad un consumo maggiormente consapevole delle risorse. Inoltre, è un modello di sviluppo che non prevede degli schemi di crescita prefissati e validi per qualsiasi Paese, ma dei mezzi, per la sua attuazione, molteplici e adattabili alle singole realtà: dagli investimenti nel campo dell’innovazione tecnologica all’uso efficiente delle risorse finanziarie e naturali, alla semplice prevenzione per non arrecare danni irreparabili all’ambiente e alla salute dell’uomo.

Oltre a dettare le linee guida per la Conferenza Rio+20 prevista per il prossimo anno, durante il Forum sono anche state adottate quelle che dovranno essere le azioni chiave nella strategia dell’Unep nei confronti del cambiamento climatico, quale obiettivo primario e fondamentale del Forum. Diciassette azioni che l’Unep si impegna a implementare nei prossimi anni, tra cui: l’attuazione di progetti e politiche per ridurre i cosiddetti “non-CO2 inquinanti”, ovvero tutte quelle sostanze diverse dal biossido di carbonio che contribuiscono in maniera significativa al cambiamento climatico;  l’impegno ad elaborare un sistema che provveda, in tempo reale, a informare i Governi sui dati e i trend ambientali; una assidua cooperazione tra l’Unep, l’Unesco, la Fao, l’Undp, affinchè si possa presto stabilire la prima sessione plenaria della Piattaforma Scientifico-Politica Intergovernativa sulla Biodiversità e gli Ecosistemi;

Ma sul piatto c’è anche un impegno più urgente: l’approvazione, da parte dei Governi, di un Fondo Ambientale dell’Unep, per il periodo 2012-2013, pari a 190 milioni di dollari, a favore dei Paesi in via di sviluppo, per aumentare e rafforzare le politiche ambientali interne con azioni pratiche e concrete. Giusto per ricordare che, senza investimenti, tutte queste belle parole rimarrebbero confinate al libro dei sogni.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende