Home » Rassegna Stampa » Verso Rio+20. I risultati del Forum di Nairobi:

Verso Rio+20. I risultati del Forum di Nairobi

marzo 10, 2011 Rassegna Stampa

Courtesy of eir@si, Flickr.comProssimo appuntamento Rio+20. L’accordo per una Conferenza sullo Sviluppo Sostenibile nell’ambito delle Nazioni Unite, è stata la conclusione della 26th edizione del Forum dei Ministri dell’Ambiente organizzato dall’Unep (United Nation Environment Programme) dal 21 al 24 Febbraio a Nairobi in Kenya.

Gli oltre 100 ministri che vi hanno partecipato, insieme a membri della società civile, del settore privato e di quello scientifico, hanno concordato all’unanimità nel sostenere l’esigenza di una nuova conferenza, che si svolgerà per l’appunto il prossimo anno in Brasile, con l’obiettivo di accelerare la transizione verso economie caratterizzate da basse emissioni di carbonio e da sistemi di efficienza energetica.

La Green Economy, si dice, dovrà diventare una realtà non solo per i Paesi sviluppati, ma anche per le economie emergenti come quella dell’India e della Cina, e per i Paesi in via di sviluppo. Per questo il Global Ministerial Environment Forum è stato dedicato alla promozione della green economy, quale modello di crescita da sostenere, non solo per i suoi benefici in campo strettamente ambientale, ma anche per i vantaggi che derivano direttamente al settore economico.

Su queste premesse il Commissario Europeo per l’Ambiente, Janez Potočnik, e il Sotto-Segretario Generale dell’Onu (nonché Direttore dell’Unep), Achim Steiner, hanno annunciato una nuova partnership strategica tra le due istituzioni, al fine di rafforzare ed implementare la cooperazione in campo energetico ed ambientale. Una collaborazione che richiama, per altro, gli stessi principi della Strategia Europea 2020 e il rapporto dellUnep “Towards a green economy”, che mirano a uno sviluppo sostenibile in tutti i sensi: economico, ambientale e sociale.

Una strategia di crescita basata sulla green economy può e deve creare sviluppo economico, nuovi posti di lavoro e aiutare a sradicare la povertà. In questa prospettiva la green economy può riconciliare la crescita economica con la protezione dell’ambiente: due concetti che fino ad ora sono stati antitetici”. E’ quanto sostenuto dal Commissario Potočnik, che durante il suo intervento ha anche precisato come “sarebbe necessario passare da un approccio caratterizzato dalla protezione dell’ambiente dai tradizionali meccanismi della crescita economica, ad un approccio in cui la stessa crescita economica, in chiave green, diventi un mezzo per proteggere l’ambiente”.

Si tratta di un nuovo tipo di messaggio e di modello che dovrebbe essere preso in considerazione dai Governi, soprattutto per quel che concerne il ruolo dei Ministri delle Finanze, del settore privato, e anche dei consumatori, i quali dovrebbero muoversi in base ad un consumo maggiormente consapevole delle risorse. Inoltre, è un modello di sviluppo che non prevede degli schemi di crescita prefissati e validi per qualsiasi Paese, ma dei mezzi, per la sua attuazione, molteplici e adattabili alle singole realtà: dagli investimenti nel campo dell’innovazione tecnologica all’uso efficiente delle risorse finanziarie e naturali, alla semplice prevenzione per non arrecare danni irreparabili all’ambiente e alla salute dell’uomo.

Oltre a dettare le linee guida per la Conferenza Rio+20 prevista per il prossimo anno, durante il Forum sono anche state adottate quelle che dovranno essere le azioni chiave nella strategia dell’Unep nei confronti del cambiamento climatico, quale obiettivo primario e fondamentale del Forum. Diciassette azioni che l’Unep si impegna a implementare nei prossimi anni, tra cui: l’attuazione di progetti e politiche per ridurre i cosiddetti “non-CO2 inquinanti”, ovvero tutte quelle sostanze diverse dal biossido di carbonio che contribuiscono in maniera significativa al cambiamento climatico;  l’impegno ad elaborare un sistema che provveda, in tempo reale, a informare i Governi sui dati e i trend ambientali; una assidua cooperazione tra l’Unep, l’Unesco, la Fao, l’Undp, affinchè si possa presto stabilire la prima sessione plenaria della Piattaforma Scientifico-Politica Intergovernativa sulla Biodiversità e gli Ecosistemi;

Ma sul piatto c’è anche un impegno più urgente: l’approvazione, da parte dei Governi, di un Fondo Ambientale dell’Unep, per il periodo 2012-2013, pari a 190 milioni di dollari, a favore dei Paesi in via di sviluppo, per aumentare e rafforzare le politiche ambientali interne con azioni pratiche e concrete. Giusto per ricordare che, senza investimenti, tutte queste belle parole rimarrebbero confinate al libro dei sogni.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende