Home » Recensioni » “Come è profondo il mare”: l’inquinamento marino, tra inchiesta e romanzo di viaggio:

“Come è profondo il mare”: l’inquinamento marino, tra inchiesta e romanzo di viaggio

marzo 20, 2014 Recensioni

“È stata una sofferenza scrivere questo libro”. Quando Nicolò Carnimeo presenta così il suo ultimo saggio Come è profondo il mare, uscito quest’anno per Chiarelettere, non si fa fatica a credergli. Leggendo la sua appassionata – è il caso di dirlo, proprio in senso etimologico - inchiesta sull’inquinamento dei mari e degli oceani, non si trattengono le lacrime: di tristezza, ma soprattutto di rabbia e impotenza. È una soverchiante e insieme illuminante sensazione di disfatta, un’epifania della rovina che si avvicina a quella evocata, a suo tempo e per altri problemi, da Gomorra. Ma, è certo, nonostante la prosa potente e ispirata e la documentazione puntuale, il lavoro di Carnimeo non avrà neanche lontanamente l’eco del romanzo-inchiesta di Saviano: e questo perché, in fin dei conti, non c’è nessun colpevole occulto su cui riversare la rabbia; la colpa in questo caso è proprio di tutti, e la rimozione è la strada più comoda.

Giornalista, scrittore e docente di Diritto della Navigazione, Nicolò Carnimeo è prima di tutto un viaggiatore innamorato del mare. Più che un saggio, il suo è dunque il romanzo di un viaggio, dove il tesoro perduto è l’idillio spezzato tra l’uomo e il grande blu che lo ha generato, e gli eroi incontrati lungo il cammino sono uomini e donne che quella frattura cercano di ricomporre, studiando, lavorando, denunciando e lottando. A guidarlo, anzi a guidarli, è la consapevolezza di un legame ancestrale, quel bisogno di bellezza e speranza che il mare rappresenta, l’intima coscienza che “l’infinita distesa azzurra è il luogo dove possono realizzarsi sogni impossibili”. Eppure, osserva la biologa Rachel Carson, autrice del fondamentale “Il mare intorno a noi” (Einaudi, 1973), “proprio per la sua immensa estensione e la sua apparente lontananza il mare ha richiamato l’attenzione di coloro che hanno il problema dell’eliminazione”…

Da qui comincia il doloroso percorso alla scoperta di tutto ciò che le profondità marine, evocate dai versi di Lucio Dalla, hanno dovuto loro malgrado ingoiare: la plastica innanzitutto, in quantità abnormi e in crescita esponenziale; il mercurio e altri agenti chimici, con i loro effetti devastanti per la salute di persone e animali; gli ordigni bellici e le bombe chimiche, inquietante lascito di conflitti che sembrano non voler mai finire; e ovviamente le scorie nucleari, per le quali il mare, sin dagli anni Cinquanta, sembrò la tomba più sicura.

Moderno Dante, Carnimeo naviga tra i gironi infernali del mare di plastica, del mare di mercurio e del mare di tritolo, riportandoci terrificanti e indimenticabili immagini: come la macabra flottiglia di tartarughe morte in mezzo al Pacifico, strozzate dai sacchetti di plastica che avevano scambiato per meduse; i bambini nati deformi a Minamata, in Giappone, a causa dell’inquinamento da mercurio; la sabbia di plastica delle leggendarie (un tempo) spiagge hawaiane; la straziante agonia dei sette giovani capodogli spiaggiati sulle coste del Gargano, avvelenati dal mercurio e dall’incredibile quantità di immondizie ingurgitata; e, ancora, la discarica di ordigni bellici nascosta tra i preziosi fondali di un santuario naturalistico come le isole Tremiti.

Ognuno di questi inferni, però, ha i suoi Don Chisciotte, che non si rassegnano e che dedicano la propria vita al mare, nell’illusione che il mondo capisca quale delitto sia uccidere la bellezza e la speranza. Come il capitano californiano Charles Moore, di cui l’autore raccoglie l’avventuroso racconto della scoperta del Great Pacific Garbage Patch, la famigerata isola di plastica grande quanto un continente, ma invisibile ai satelliti. O il geniale oceanografo Curtis Ebbesmeyer che, seguendo la rotta di un esercito di paperelle da bagno disperse nel Pacifico, ha svelato il funzionamento dei gyre, le misteriose correnti oceaniche, e ha individuato altre quattro isole di rifiuti galleggianti. E poi Bruno Dumontet, caparbio velista bretone, che è riuscito a organizzare una spedizione per monitorare la preoccupante concentrazione di microframmenti di plastica in tutto il Mediterraneo; le biologhe Martina Ferraris ed Ester Cecere, che studiano le allarmanti invasioni di meduse e alghe aliene, arrivate a sconvolgere gli ecosistemi del nostro mare; Tracy Minter, che invece ha scovato dei batteri ghiotti di plastica, possibile speranza per il futuro; l’attivista siciliano Pippo Giaquinta, che si batte contro l’inquinamento da mercurio nel triangolo industriale, o meglio, “della morte”, tra Priolo, Melilli e Augusta; il capitano Natale De Grazia, morto in circostanze non ancora chiarite, mentre indagava sui “misteriosi” inabissamenti di navi cariche di rifiuti chimici e radioattivi nelle fosse più profonde del Tirreno…

Ultimi profeti, lucidi sognatori o semplicemente “gente comune con la forza di un’idea da difendere”: Nicolò Carnimeo li insegue in lungo e in largo per tutto il globo, ne rintraccia le storie, li incontra, ci parla, condivide visioni, partecipa alle loro spedizioni, naviga e si immerge con loro. “Non le bombe o le scorie radioattive devono essere l’eredità che lasciamo ai nostri figli, - conclude - ma l’esempio, la determinazione, le storie di chi al mare ha saputo donare se stesso trovando una nuova ragione di vita”. Perché se il mare, benché umiliato, sopravvivrà comunque, sono le sue creature, siamo noi, a rischiare davvero la fine. E allora non resta che augurarsi che quei Don Chisciotte si trasformino presto in super-eroi vittoriosi.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende