Home » Recensioni » “Come è profondo il mare”: l’inquinamento marino, tra inchiesta e romanzo di viaggio:

“Come è profondo il mare”: l’inquinamento marino, tra inchiesta e romanzo di viaggio

marzo 20, 2014 Recensioni

“È stata una sofferenza scrivere questo libro”. Quando Nicolò Carnimeo presenta così il suo ultimo saggio Come è profondo il mare, uscito quest’anno per Chiarelettere, non si fa fatica a credergli. Leggendo la sua appassionata – è il caso di dirlo, proprio in senso etimologico - inchiesta sull’inquinamento dei mari e degli oceani, non si trattengono le lacrime: di tristezza, ma soprattutto di rabbia e impotenza. È una soverchiante e insieme illuminante sensazione di disfatta, un’epifania della rovina che si avvicina a quella evocata, a suo tempo e per altri problemi, da Gomorra. Ma, è certo, nonostante la prosa potente e ispirata e la documentazione puntuale, il lavoro di Carnimeo non avrà neanche lontanamente l’eco del romanzo-inchiesta di Saviano: e questo perché, in fin dei conti, non c’è nessun colpevole occulto su cui riversare la rabbia; la colpa in questo caso è proprio di tutti, e la rimozione è la strada più comoda.

Giornalista, scrittore e docente di Diritto della Navigazione, Nicolò Carnimeo è prima di tutto un viaggiatore innamorato del mare. Più che un saggio, il suo è dunque il romanzo di un viaggio, dove il tesoro perduto è l’idillio spezzato tra l’uomo e il grande blu che lo ha generato, e gli eroi incontrati lungo il cammino sono uomini e donne che quella frattura cercano di ricomporre, studiando, lavorando, denunciando e lottando. A guidarlo, anzi a guidarli, è la consapevolezza di un legame ancestrale, quel bisogno di bellezza e speranza che il mare rappresenta, l’intima coscienza che “l’infinita distesa azzurra è il luogo dove possono realizzarsi sogni impossibili”. Eppure, osserva la biologa Rachel Carson, autrice del fondamentale “Il mare intorno a noi” (Einaudi, 1973), “proprio per la sua immensa estensione e la sua apparente lontananza il mare ha richiamato l’attenzione di coloro che hanno il problema dell’eliminazione”…

Da qui comincia il doloroso percorso alla scoperta di tutto ciò che le profondità marine, evocate dai versi di Lucio Dalla, hanno dovuto loro malgrado ingoiare: la plastica innanzitutto, in quantità abnormi e in crescita esponenziale; il mercurio e altri agenti chimici, con i loro effetti devastanti per la salute di persone e animali; gli ordigni bellici e le bombe chimiche, inquietante lascito di conflitti che sembrano non voler mai finire; e ovviamente le scorie nucleari, per le quali il mare, sin dagli anni Cinquanta, sembrò la tomba più sicura.

Moderno Dante, Carnimeo naviga tra i gironi infernali del mare di plastica, del mare di mercurio e del mare di tritolo, riportandoci terrificanti e indimenticabili immagini: come la macabra flottiglia di tartarughe morte in mezzo al Pacifico, strozzate dai sacchetti di plastica che avevano scambiato per meduse; i bambini nati deformi a Minamata, in Giappone, a causa dell’inquinamento da mercurio; la sabbia di plastica delle leggendarie (un tempo) spiagge hawaiane; la straziante agonia dei sette giovani capodogli spiaggiati sulle coste del Gargano, avvelenati dal mercurio e dall’incredibile quantità di immondizie ingurgitata; e, ancora, la discarica di ordigni bellici nascosta tra i preziosi fondali di un santuario naturalistico come le isole Tremiti.

Ognuno di questi inferni, però, ha i suoi Don Chisciotte, che non si rassegnano e che dedicano la propria vita al mare, nell’illusione che il mondo capisca quale delitto sia uccidere la bellezza e la speranza. Come il capitano californiano Charles Moore, di cui l’autore raccoglie l’avventuroso racconto della scoperta del Great Pacific Garbage Patch, la famigerata isola di plastica grande quanto un continente, ma invisibile ai satelliti. O il geniale oceanografo Curtis Ebbesmeyer che, seguendo la rotta di un esercito di paperelle da bagno disperse nel Pacifico, ha svelato il funzionamento dei gyre, le misteriose correnti oceaniche, e ha individuato altre quattro isole di rifiuti galleggianti. E poi Bruno Dumontet, caparbio velista bretone, che è riuscito a organizzare una spedizione per monitorare la preoccupante concentrazione di microframmenti di plastica in tutto il Mediterraneo; le biologhe Martina Ferraris ed Ester Cecere, che studiano le allarmanti invasioni di meduse e alghe aliene, arrivate a sconvolgere gli ecosistemi del nostro mare; Tracy Minter, che invece ha scovato dei batteri ghiotti di plastica, possibile speranza per il futuro; l’attivista siciliano Pippo Giaquinta, che si batte contro l’inquinamento da mercurio nel triangolo industriale, o meglio, “della morte”, tra Priolo, Melilli e Augusta; il capitano Natale De Grazia, morto in circostanze non ancora chiarite, mentre indagava sui “misteriosi” inabissamenti di navi cariche di rifiuti chimici e radioattivi nelle fosse più profonde del Tirreno…

Ultimi profeti, lucidi sognatori o semplicemente “gente comune con la forza di un’idea da difendere”: Nicolò Carnimeo li insegue in lungo e in largo per tutto il globo, ne rintraccia le storie, li incontra, ci parla, condivide visioni, partecipa alle loro spedizioni, naviga e si immerge con loro. “Non le bombe o le scorie radioattive devono essere l’eredità che lasciamo ai nostri figli, - conclude - ma l’esempio, la determinazione, le storie di chi al mare ha saputo donare se stesso trovando una nuova ragione di vita”. Perché se il mare, benché umiliato, sopravvivrà comunque, sono le sue creature, siamo noi, a rischiare davvero la fine. E allora non resta che augurarsi che quei Don Chisciotte si trasformino presto in super-eroi vittoriosi.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende