Home » Recensioni » “Just eat it”: una storia di spreco alimentare:

“Just eat it”: una storia di spreco alimentare

giugno 5, 2014 Recensioni

Nell’anno dedicato alla prevenzione dello spreco alimentare in Italia, e mentre in Europa si discute se eliminare la data di scadenza per alcuni tipi di alimenti, la proiezione del film Just eat it nell’ambito del Festival Cinemambiente non poteva essere più tempestiva. Il documentario, firmato da Jen Rustemeyer e Grant Baldwin, racconta la loro esperienza di coppia impegnata per sei mesi a vivere di solo cibo scartato, ovvero di quel cibo confezionato prossimo alla scadenza che viene sistematicamente buttato dai supermercati oppure di quel cibo fresco che rimane invenduto al mercato perché esteticamente meno perfetto. L’esperimento si dimostra piuttosto sorprendente: circa 200 dollari di spesa in sei mesi.

Il documentario mette il dito in una grossa piaga, quello dello spreco alimentare, che a macchia d’olio coinvolge ben altri sprechi, da quello idrico a quello energetico, passando per la rete dei trasporti fino al mero danno economico. Mediante una formula cinematografica divertente e accattivante, Grant Baldwin alterna le sue vicende di cercatore di cibo alle interviste a figure di rilievo nell’ambito di questa tematica: Dana Gunders, Project Scientist nel settore Food & Agriculture presso il Natural Resources Defense Council di San Francisco, autrice del report “Wasted: How America is Losing Up to 40% of Its Food from Farm to Fork to Landfill”; Jonathan Bloom, giornalista e autore del libro American Wasteland; Tristram Stuart, scrittore e attivista, vincitore del premio ambientale internazionale Sophie Prize nel 2011 per il suo impegno contro lo spreco.

Una storia semplice che diventa lo specchio di una realtà da cui risultano evidenti grandi falle nel sistema alimentare nord-americano, riconoscibili tuttavia anche in altri paesi. Si parte dal sistema produttivo, che fornisce più cibo di quello che effettivamente si consuma. Si continua con il sistema distributivo, che vede i supermercati obbligati a disfarsi dei prodotti prossimi alla scadenza per quanto siano ancora integri e commestibili. Si finisce con la cultura del consumatore, abituato a scegliere prodotti esteticamente perfetti e a considerare lo spreco alimentare come qualcosa di lecito e senza conseguenze.

Ancora una volta, tutto parte da un meccanismo economico viziato che porta i paesi sviluppati a produrre più di quel che riescono a consumare privando di risorse quelle popolazioni che invece non hanno le stesse possibilità. Il progetto di Jen e Grant dimostra che basterebbe abbattere gli ostacoli culturali per creare una nuova sensibilità e una nuova consapevolezza. Solo grazie a questo cambiamento – che alcuni stanno iniziando a mettere in atto – è ipotizzabile una nuova gestione delle risorse che non solo permetterebbe una loro migliore distribuzione a livello globale, ma risulterebbe anche più vantaggiosa economicamente.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende