Home » Recensioni » “La società a costo marginale zero”. Visione o delirio di Rifkin?:

“La società a costo marginale zero”. Visione o delirio di Rifkin?

dicembre 23, 2014 Recensioni

È questo il futuro che ci aspetta secondo Jeremy Rifkin, uno degli economisti più visionari del panorama internazionale, impegnato nell’analisi e divulgazione degli sviluppi sociali determinati dalle innovazioni tecnologiche. Consulente dell’Unione Europea, è stato advisor di numerosi capi di Stato di tutto il mondo, inclusa Angela Merkel, e presiede la Foundation on Economic Trends. Il suo ultimo saggio si intitola appunto “La società a costo marginale zero” (Mondadori, € 22,00, 504 pp) e analizza gli elementi protagonisti di un processo in corso che tramite l’Internet delle Cose e l’affermarsi del Commons collaborativo porterebbe, secondo le sue osservazioni, all’eclissi del capitalismo.

Come spiega nel capitolo “Il grande salto di paradigma del capitalismo di mercato al Commons collaborativo”: “Poiché una parte sempre maggiore dei beni e servizi che costituiscono la vita economica della società muove verso il quasi azzeramento dei costi marginali e diventa praticamente gratuita, il mercato capitalistico si ritrarrà in nicchie sempre più ristrette, dove le imprese a scopo di lucro sopravviveranno ai margini dell’economia, contando su una base di consumatori sempre più limitata e rivolta a prodotti e servizi altamente specializzati”.

Ad accelerare il passaggio verso un nuovo paradigma sarebbe, secondo Rifkin, l’Internet delle Cose. “Lo European Research Cluster on the Internet of Things, un organismo istituito dalla Commissione Europea per agevolare il passaggio all’era dell’ubiquità informatica, ha mappato alcune delle miriadi di canali in cui l’Internet delle Cose si sta già articolando per collegare il pianeta in una rete distribuita a livello globale. L’IDC si sta introducendo nei più disparati settori dell’industria e del commercio. […] L’Internet delle cose sta trovando rapida applicazione anche nell’ambiente naturale, per una migliore gestione degli ecosistemi terrestri. […] sta anche trasformando il nostro modo di produrre e distribuire gli alimenti. […] Ad arricchire l’entusiasmo per la prospettiva dell’Intenet delle cose c’è il fatto che collegare tutto e tutti in una rete globale caratterizzata da un’estrema produttività ci proietta sempre più velocemente verso un’era di beni e servizi quasi gratuiti e con essa verso la contrazione del capitalismo nel prossimo mezzo secolo e l’affermazione del Commons collaborativo come modello dominante per l’organizzazione della vita economica”.

Una vision molto audace, in cui Rifkin teorizza l’affermarsi di una soluzione che in realtà non è affatto nuova. “Nella maggior parte dei casi il Commons ha visto la luce in società feudali dove potenti signorotti impoverivano le popolazioni locali costringendo a pagare tributi con il lavoro nei campi padronali o con la consegna di una parte della produzione sotto forma di tasse. In tale contesto, aggregarsi in un’economia basata sulla condivisione era l’unica via possibile per fare in modo che le modeste risorse residue fossero gestite al meglio. […] Ciò che conferisce oggi al Commons maggiore rilievo che in qualsiasi altro momento della sua lunga storia è che ora stiamo costruendo una piattaforma tecnologica globale ad alta tecnologia, le cui caratteristiche essenziali sono potenzialmente in grado di ottimizzare i valori e i principi operativi che animano quest’antica istituzione”.

Nel saggio Rifkin analizza in dettaglio le situazioni già presenti nella nostra vita quotidiana che sfruttano questo sistema: “I prosumers [consumatori diventati produttori in proprio, NdR] non solo producono e condividono a costo marginale quasi zero nel Commons collaborativo informazioni, materiale di intrattenimento, energia verde, merci realizzate con stampa 3D e corsi di massa online. Condividono a un costo marginale basso, in certi casi prossimo allo zero, anche automobili, case, vestiti e altri beni attraverso noleggi, affitti, gruppi di redistribuzione e cooperative”.

E prosegue: “I giovani imprenditori sociali stanno anche creando aziende sensibili all’ecologia, generando nuove imprese grazie al crowdfounding, il finanziamento partecipativo, nonché immettendo nella nuova economia forme di moneta sociale alternativa. Il risultato è che al ‘valore di scambio’ nel mercato si sta gradualmente sostituendo il ‘valore della condivisione’ nel Commons collaborativo. Quando i prosumers condividono beni e servizi in uno di questi spazi il codice che governa un’economia di scambio e di mercato perde decisamente d’importanza per la vita sociale”.

Il Commons collaborativo starebbe pertanto spostando l’attenzione dalla proprietà all’accessibilità: “I mercati stanno cominciando a cedere il passo alle reti, la proprietà sta diventando sempre meno importante dell’accessibilità, la ricerca dell’interesse personale è sempre più temperata dagli interessi collaborativi, e il tradizionale sogno di salire dalle stalle alle stelle sta perdendo terreno a vantaggio di un nuovo sogno: una qualità di vita sostenibile”.

Rifkin, infine, delinea anche la possibile configurazione politica futura: “Se il vecchio sistema favoriva l’interesse personale ed esclusivo nell’ambito di un mercato capitalistico, il sistema emergente favorisce l’intensa collaborazione in Commons di rete. Nell’era che si sta profilando l’antico sodalizio tra Stato e settore privato per l’organizzazione della vita economica della società cederà il passo a una cooperazione a tre, dove accanto a Stato e forze del mercato avrà sempre più voce in capitolo la gestione dei Commons”.

Difficile immaginare a breve la concretizzazione di questo nuovo assetto che Rifkin pare già dare per assodato a partire da “La fine del lavoro” del 1995. La transizione verso un cambiamento di paradigma è sicuramente auspicabile, ma l’eccesso di visione, talvolta, non aiuta la causa.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende