Home » Idee »Recensioni »Smart City » “Le città sostenibili”: una visione di futuro per gli smart citizens italiani:

“Le città sostenibili”: una visione di futuro per gli smart citizens italiani

maggio 29, 2013 Idee, Recensioni, Smart City

«L’aria di città ci rende liberi». Uno slogan, o forse una sorta di mantra da ripetere ogni volta che si parli di politiche di sostenibilità ambientale. Ad ogni modo solo un inizio per il saggio “Le città sostenibili” (Bruno Mondadori, 14 euro) scritto da Andrea Poggio, vicedirettore generale di Legambiente e già promotore di una campagna di grande successo sugli stili di vita ecologici (viviconstile.org). Breve ma denso di spunti e informazioni, il libro sembra infatti porsi un ambizioso obiettivo, ben al di là sia della mera divulgazione di dati, che della proposta – pure efficace, come lo stesso autore ha dimostrato, in certi contesti – di facili parole d’ordine che si imprimano nella memoria dei destinatari, “attaccandosi” nel migliore dei casi anche ai loro comportamenti. Il tentativo di Poggio è invece la costruzione di una narrazione, intesa come visione condivisa di futuro, attorno a un tema spesso ancora considerato “tecnico” come le smart cities.

«Nel bel mezzo della crisi economica e sociale più lunga e complicata da oltre mezzo secolo – scrive – sapere che un mondo nuovo sta nascendo è una speranza per tutti. Il futuro sostenibile, lo sviluppo durevole, si realizza prima nelle città». Ma per fare le smart cities ci vogliono innanzitutto gli smart citizens: che sono certo cittadini informati e consapevoli, ma soprattutto sono persone a cui è stata offerta una visione di futuro in cui avere fiducia e riconoscersi. E se è vero che sulla costruzione di tale visione da qualche anno stanno lavorando in molti (ad esempio l’architetto torinese Carlo Ratti, a capo del Senseable City Lab di Boston), è anche vero che agli italiani ancora manca un racconto credibile sul “loro” futuro. Ora, su tale mancanza si aprirebbero orizzonti sin troppo vasti di riflessione (basti pensare alla sfera politica…), ma per quel che attiene al discorso sulle smart cities, il lavoro di Andrea Poggio è appunto un mattone verso il riempimento di questo vuoto.

Per costruire la sua narrazione, Poggio si serve dunque di tre personaggi, non veri, ma verosimili: la studentessa Giulia, l’impiegato Camillo e la professionista, poi candidata sindaco, Paola. Una sorta di attualizzazione tripartita della casalinga di Voghera, o meglio, una sua versione virtuosa: il paradigma dell’Italia migliore, insomma, di cui seguiamo la trasformazione da cittadini “old style” in nuovi e consapevoli smart citizens. È forse un espediente un po’ naif, che all’inizio fa pensare alla sceneggiatura di una pubblicità progresso, ma che in effetti offre all’autore il sistema per tenere insieme in modo coerente i tanti e diversi aspetti dell’universo smart city.

Insieme a Giulia, Camillo e Paola, in un’aula universitaria, a un seminario di aggiornamento professionale o nel bel mezzo di una campagna elettorale, impariamo così cosa significa per una città essere “resiliente” e adattarsi agli imminenti cambiamenti climatici, quali sono i vantaggi del cohousing in termini di risparmio energetico e di risorse, quali le politiche più efficaci per ridurre il traffico di automobili in città e incoraggiare l’uso del trasporto pubblico o, ancora meglio, dei propri piedi, cosa sono gli eco quartieri e le “strade di cittadinanza”, e dove sono (anche in Italia) le città dove tutto questo è già realtà. E ancora, veniamo “sfidati” a confrontarci con le loro impronte ecologiche, ovvero la quantità di CO2 equivalente prodotta in un anno (la media europea pro-capite è di 10-11 tonnellate) e scopriamo come i principi del green building e il recupero di vecchi edifici, senza nuovo consumo di suolo, possano portare a una “crescita verde”, da contrapporre a una “decrescita” che, in periodo di recessione, non può che essere vissuta come infelice.

L’approccio è decisamente (e giustamente) pragmatico. Conscio della necessità di un cambiamento culturale radicale, Poggio sa che questo non arriverà a suon di proclami o, peggio, di imposizioni e divieti. «Non penso che si possa avere un approccio ideologico, tutto spettacolo e sacrificio, ai cambiamenti necessari della nostra vita – fa dire a uno dei suoi personaggi – Quello che ci guida è un sano e lungimirante egoismo. Facciamo ciò che ci sembra giusto e utile per vivere meglio insieme agli altri nella nostra città». Bisogna dunque mettere in campo soluzioni pratiche e dimostrare come queste non solo siano necessarie, ma vantaggiose per tutti.
E, sempre per essere pragmatico, Poggio riporta anche i costi e i benefici che queste soluzioni (in campo energetico, per l’edilizia, la mobilità, le risorse umane e materiali) avrebbero in Italia: secondo una recente ricerca (Ambrosetti-ABB), «gli investimenti necessari per rendere smart la totalità dei sistemi urbani del nostro paese ammonterebbero a 22 miliardi di euro l’anno sino al 2030 […], mentre i margini di ottimizzazione sarebbero enormi, tra 128 e 160 miliardi di euro l’anno, pari a 8-10% del PIL attuale». Si potrebbe anche optare per una soluzione intermedia, puntando sulle nostre dieci maggiori città: l’investimento si ridurrebbe a un decimo, ma i vantaggi sarebbero proporzionalmente molto minori. E soprattutto si perderebbe l’idea di rete estesa e collaborativa di città, di sistema integrato che comprenda non solo le metropoli, ma anche i piccoli e medi centri.
Quello che immagina Andrea Poggio è così un nuovo Rinascimento italiano, il cui perno siano dei centri urbani trasformati in vere e proprie “città-regione” che, ben collegate tra loro, offrano una moderna alternativa alla «città infinita, tutta periferia, tutta residenza e lavoro», caratteristica del XX secolo. Non una bella fantasia, ma una visione di futuro davvero possibile e realizzabile, che avrebbe benefici tangibili sulla qualità della vita di ognuno.

Per dimostrarlo – conclude l’autore – e convincere i tanti italiani già disillusi da investimenti che promettono senza mai concretizzare nulla, si dovrebbe proporre un obiettivo significativo per tutti: come «un aumento del 10% in cinque anni del tempo realmente libero». Allora sì, si potrebbe davvero gridare che l’aria di città rende liberi.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende