Home » Recensioni » “Acqua e Terra”: un documentario a vent’anni dalla grande alluvione del Piemonte:

“Acqua e Terra”: un documentario a vent’anni dalla grande alluvione del Piemonte

novembre 4, 2014 Recensioni

Immagina un fiume che scorre sempre tranquillo, dove passi i primi pomeriggi di sole, dove impari a nuotare quando sei piccolo, dove porti la famiglia la domenica. Immagina che questo stesso fiume nell’arco di poche ore si mangi tutto ciò che trova: strade, ponti, case, alberi, terreni. È quello che è successo venti anni fa nel sud del Piemonte, quando il 5 e 6 novembre 1994 il Tanaro ha inondato le province di Cuneo, Asti e Alessandria lasciando alle cronache il disastro naturale più grave che il basso Piemonte abbia registrato fino a oggi.

A questo evento il regista Federico Moznich ha dedicato un documentario accurato e accorato, tornando sui luoghi dell’inondazione, parlando con le persone che hanno vissuto sulla pelle la paura della furia dell’acqua prima, la fatica e l’orgoglio della ripresa dopo. Un’occasione per rendere omaggio alle persone che non ci sono più (70 i morti a causa dell’inondazione), a quelle che hanno perso tutto o molto della loro vita quotidiana (più di 2.000 sono stati gli sfollati) e per riflettere su alcuni temi tuttora urgenti.

Intanto, la solidarietà manifestata dai volontari accorsi da tutta Italia per contribuire alla ricostruzione, insieme a Esercito, Croce Rossa, Vigili del Fuoco, Le Misericordie, Protezione Civile. Poi la capacità di reazione della Protezione Civile, che da pochi anni era stata ammodernata per fronteggiare eventi così catastrofici. Infine, la dichiarazione di amore, implicita ma evidente, per una terra offesa da un evento drammatico. Non solo da parte dei suoi abitanti, che hanno saputo rialzarsi in tempi rapidi diventando punto di riferimento per situazioni analoghe nel futuro, ma anche da parte del regista, che grazie al suo film ha potuto digitalizzare materiale di archivio altrimenti destinato all’usura del tempo.

Ma come ogni documentario che si rispetti deve fare, anche Acqua e Terra non mostra solo un risvolto della medaglia. Federico Moznich dà la parola a cittadini, sindaci, giornalisti per soffermarsi su questioni controverse come il ruolo delle istituzioni, dei media e delle amministrazioni in casi di emergenza come questi (simili alla situazione che si è ricreata a Genova poche settimane fa). Per sottolineare il livello di superficialità nella diffusione di informazioni tempestive, così come la noncuranza nella scelta di edificare su terreni non idonei all’urbanizzazione.

Quello di Moznich è un punto di vista sull’ambiente articolato e pragmatico, che denuncia problemi irrisolti e attualissim, ormai ricorrenti nel nostro Paese. Il film uscirà domani, esattamente venti anni dopo, il 5 novembre 2014, con una serie di proiezioni già programmate nei territori colpiti dal disastro e un sito di promozione dove reperire più informazioni sulla lavorazione del film e acquistare il DVD a sostegno della memoria storica del Piemonte.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende