Home » Cinemambiente »Recensioni » “Just eat it”: una storia di spreco alimentare:

“Just eat it”: una storia di spreco alimentare

giugno 5, 2014 Cinemambiente, Recensioni

Nell’anno dedicato alla prevenzione dello spreco alimentare in Italia, e mentre in Europa si discute se eliminare la data di scadenza per alcuni tipi di alimenti, la proiezione del film Just eat it nell’ambito del Festival Cinemambiente non poteva essere più tempestiva. Il documentario, firmato da Jen Rustemeyer e Grant Baldwin, racconta la loro esperienza di coppia impegnata per sei mesi a vivere di solo cibo scartato, ovvero di quel cibo confezionato prossimo alla scadenza che viene sistematicamente buttato dai supermercati oppure di quel cibo fresco che rimane invenduto al mercato perché esteticamente meno perfetto. L’esperimento si dimostra piuttosto sorprendente: circa 200 dollari di spesa in sei mesi.

Il documentario mette il dito in una grossa piaga, quello dello spreco alimentare, che a macchia d’olio coinvolge ben altri sprechi, da quello idrico a quello energetico, passando per la rete dei trasporti fino al mero danno economico. Mediante una formula cinematografica divertente e accattivante, Grant Baldwin alterna le sue vicende di cercatore di cibo alle interviste a figure di rilievo nell’ambito di questa tematica: Dana Gunders, Project Scientist nel settore Food & Agriculture presso il Natural Resources Defense Council di San Francisco, autrice del report “Wasted: How America is Losing Up to 40% of Its Food from Farm to Fork to Landfill”; Jonathan Bloom, giornalista e autore del libro American Wasteland; Tristram Stuart, scrittore e attivista, vincitore del premio ambientale internazionale Sophie Prize nel 2011 per il suo impegno contro lo spreco.

Una storia semplice che diventa lo specchio di una realtà da cui risultano evidenti grandi falle nel sistema alimentare nord-americano, riconoscibili tuttavia anche in altri paesi. Si parte dal sistema produttivo, che fornisce più cibo di quello che effettivamente si consuma. Si continua con il sistema distributivo, che vede i supermercati obbligati a disfarsi dei prodotti prossimi alla scadenza per quanto siano ancora integri e commestibili. Si finisce con la cultura del consumatore, abituato a scegliere prodotti esteticamente perfetti e a considerare lo spreco alimentare come qualcosa di lecito e senza conseguenze.

Ancora una volta, tutto parte da un meccanismo economico viziato che porta i paesi sviluppati a produrre più di quel che riescono a consumare privando di risorse quelle popolazioni che invece non hanno le stesse possibilità. Il progetto di Jen e Grant dimostra che basterebbe abbattere gli ostacoli culturali per creare una nuova sensibilità e una nuova consapevolezza. Solo grazie a questo cambiamento – che alcuni stanno iniziando a mettere in atto – è ipotizzabile una nuova gestione delle risorse che non solo permetterebbe una loro migliore distribuzione a livello globale, ma risulterebbe anche più vantaggiosa economicamente.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende