Home » Idee »Recensioni »Top Contributors » “2 gradi”: pessimismo verso la politica e ottimismo per la tecnologia nel nuovo libro di Silvestrini:

“2 gradi”: pessimismo verso la politica e ottimismo per la tecnologia nel nuovo libro di Silvestrini Top Contributors

marzo 5, 2015 Idee, Recensioni, Top Contributors

Sarà possibile vincere le sfide legate all’accesso sempre più difficile a risorse scarse, soddisfare la domanda di una popolazione in crescita ed evitare l’alterazione degli equilibri ecologici del pianeta, in particolare fermare il riscaldamento globale entro la soglia dei due gradi che gli scienziati ritengono cruciale per i nostri sistemi economici e sociali?

Gianni Silvestrini nel suo nuovo libro “2°C” da poco uscito per le Edizioni Ambiente si interroga su questa fondamentale domanda e la risposta che offre è segnata da ottimismo per la disponibilità, attuale o ravvicinata, di tecnologie e soluzioni gestionali, ma anche dalla preoccupazione di chi sa che la transizione tecnologica non si afferma da sola e richiede politiche e interventi condivisi a scala globale. “Non sono le soluzioni tecniche che mancano, ma la convergenza di interessi concreti accompagnata da una consapevolezza crescente e diffusa”. Come dire: fiducia nell’innovazione tecnologica, preoccupazioni per la politica.

Titolo e grafica di copertina evocano i pericoli che ci attendono oltre la soglia dei due gradi, ma il libro non indugia sul terreno della denuncia del problema o del semplice aggiornamento sui negoziati “post Kyoto” che avranno a fine anno a Parigi un round decisivo. L’attenzione di Silvestrini è soprattutto dedicata all’analisi delle soluzioni possibili e dei casi di successo. Ne viene fuori un’agile, ricca e avvincente rassegna delle innovazioni tecnologiche nei più disparati settori dell’industria, dell’edilizia, dei trasporti e mobilità, dell’ICT e della transizione digitale e dei modi in cui esse possono essere diffuse e poi gestite con profitto nella vita di tutti i giorni. Nuovi materiali, smart manifacturing, chimica verde, economia circolare (i cicli di materia ed energia nelle produzioni industriali), manifattura additiva, valorizzazione dei servizi in sostituzione del possesso di beni; e poi ancora mezzi di trasporto a basso consumo e ICT applicata alla mobilità urbana e altro ancora. Queste, secondo Silvestrini, le chiavi della transizione, anche economica e sociale, che si annuncia in tante storie di successo nell’impresa come nell’amministrazione pubblica. Senza dimenticare che “un altro contributo verrà dall’ampliamento dell’economia informale e della sharing economy, in grado di soddisfare esigenze comuni, ridurre la pressione ambientale e prefigurare nuovi modelli di vita”.

Attenzione estrema quindi a tutte le innovazioni, non solo tecnologiche, ma anche politico-gestionali e finanziarie. A questo proposito occorre sottolineare due punti chiave della proposta di Silvestrini. Il primo riguarda la prospettiva, ormai in crisi, di disporre ancora di risorse naturali abbondanti e a buon mercato. Giustamente Silvestrini osserva che “abbiamo un giacimento virtuale di shale  gas e di shale oil negli inefficienti parchi edilizi e autoveicolare. Adeguati interventi di efficientamento energetico spinto delle abitazioni e un sistema di trasporto e mobilità degni sono le opportunità che abbiamo di renderci energeticaente meno dipendenti e di risparmiare ambiente e denaro”. E poi ancora abbiamo la possibilità di recuperare materie prime lungo tutto l’arco di cicli produttivi “aperti”, responsabili di montagne di scarti e rifiuti inutilizzati o inutilizzabili. Ridisegnare i cicli di produzione in modo che gli scarti di una lavorazione rappresentino in cascata la materia prima di un’altra rappresenta il nucleo concettuale dell’economia circolare. Il secondo punto riguarda le misure da adottare per dare gambe a queste sfide.

Silvestrini riprende e ripropone l’idea, molto condivisibile, dell’ecotassazione con effetto fiscale neutro. Ovvero la proposta da tempo in discussione di spostare il carico fiscale dai settori ecologicamente più virtuosi (interventi di efficienza energetica, riuso e riciclo di materiali, ricerca finalizzata all’innovazione ecologica, per fare solo qualche esempio) o dove la tassazione è oggi più controproducente (la tassa sui redditi da lavoro) verso il consumo e lo spreco di energia e materie prime. Una fase di basso prezzo del petrolio come l’attuale è il momento ideale per impostare finalmente una generalizzata carbon tax e per eliminare i sussidi alle fossili. Due temi, l’efficienza e l’ecotassazione che mettono bene in evidenza il rapporto stretto tra ecologia ed economia, tra opportunità di riconversione ecologica ed economica.Silvestrini dimostra, con una ricchissima messe di esperienze e dati tecnico-economici, che “ … nei prossimi decenni l’avvio di un funzionamento circolare dei processi produttivi e l’impiego delle tecnologie più avanzate dovrebbe consentire di ridurre l’impatto sull’ambiente e mantenere la temperatura dell’atmosfera sotto i 2 °C, con la produzione di un ammontare complessivo di beni materiali sostanzialmente costante, ma con la fornitura di servizi crescenti e una ricchezza più equamente distribuita….”. La vera sfida sarà il governo della transizione verso la sostenibilità e l’equilibrio, recuperando ritardi che ne farebbero ulteriormente aumentare i costi economici e sociali.

Giuseppe Gamba*

* Presidente della società AzzeroCO2 ed ex assessore allo Sviluppo Sostenibile della Provincia di Torino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende