Home » Idee »Recensioni »Top Contributors » “2 gradi”: pessimismo verso la politica e ottimismo per la tecnologia nel nuovo libro di Silvestrini:

“2 gradi”: pessimismo verso la politica e ottimismo per la tecnologia nel nuovo libro di Silvestrini Top Contributors

marzo 5, 2015 Idee, Recensioni, Top Contributors

Sarà possibile vincere le sfide legate all’accesso sempre più difficile a risorse scarse, soddisfare la domanda di una popolazione in crescita ed evitare l’alterazione degli equilibri ecologici del pianeta, in particolare fermare il riscaldamento globale entro la soglia dei due gradi che gli scienziati ritengono cruciale per i nostri sistemi economici e sociali?

Gianni Silvestrini nel suo nuovo libro “2°C” da poco uscito per le Edizioni Ambiente si interroga su questa fondamentale domanda e la risposta che offre è segnata da ottimismo per la disponibilità, attuale o ravvicinata, di tecnologie e soluzioni gestionali, ma anche dalla preoccupazione di chi sa che la transizione tecnologica non si afferma da sola e richiede politiche e interventi condivisi a scala globale. “Non sono le soluzioni tecniche che mancano, ma la convergenza di interessi concreti accompagnata da una consapevolezza crescente e diffusa”. Come dire: fiducia nell’innovazione tecnologica, preoccupazioni per la politica.

Titolo e grafica di copertina evocano i pericoli che ci attendono oltre la soglia dei due gradi, ma il libro non indugia sul terreno della denuncia del problema o del semplice aggiornamento sui negoziati “post Kyoto” che avranno a fine anno a Parigi un round decisivo. L’attenzione di Silvestrini è soprattutto dedicata all’analisi delle soluzioni possibili e dei casi di successo. Ne viene fuori un’agile, ricca e avvincente rassegna delle innovazioni tecnologiche nei più disparati settori dell’industria, dell’edilizia, dei trasporti e mobilità, dell’ICT e della transizione digitale e dei modi in cui esse possono essere diffuse e poi gestite con profitto nella vita di tutti i giorni. Nuovi materiali, smart manifacturing, chimica verde, economia circolare (i cicli di materia ed energia nelle produzioni industriali), manifattura additiva, valorizzazione dei servizi in sostituzione del possesso di beni; e poi ancora mezzi di trasporto a basso consumo e ICT applicata alla mobilità urbana e altro ancora. Queste, secondo Silvestrini, le chiavi della transizione, anche economica e sociale, che si annuncia in tante storie di successo nell’impresa come nell’amministrazione pubblica. Senza dimenticare che “un altro contributo verrà dall’ampliamento dell’economia informale e della sharing economy, in grado di soddisfare esigenze comuni, ridurre la pressione ambientale e prefigurare nuovi modelli di vita”.

Attenzione estrema quindi a tutte le innovazioni, non solo tecnologiche, ma anche politico-gestionali e finanziarie. A questo proposito occorre sottolineare due punti chiave della proposta di Silvestrini. Il primo riguarda la prospettiva, ormai in crisi, di disporre ancora di risorse naturali abbondanti e a buon mercato. Giustamente Silvestrini osserva che “abbiamo un giacimento virtuale di shale  gas e di shale oil negli inefficienti parchi edilizi e autoveicolare. Adeguati interventi di efficientamento energetico spinto delle abitazioni e un sistema di trasporto e mobilità degni sono le opportunità che abbiamo di renderci energeticaente meno dipendenti e di risparmiare ambiente e denaro”. E poi ancora abbiamo la possibilità di recuperare materie prime lungo tutto l’arco di cicli produttivi “aperti”, responsabili di montagne di scarti e rifiuti inutilizzati o inutilizzabili. Ridisegnare i cicli di produzione in modo che gli scarti di una lavorazione rappresentino in cascata la materia prima di un’altra rappresenta il nucleo concettuale dell’economia circolare. Il secondo punto riguarda le misure da adottare per dare gambe a queste sfide.

Silvestrini riprende e ripropone l’idea, molto condivisibile, dell’ecotassazione con effetto fiscale neutro. Ovvero la proposta da tempo in discussione di spostare il carico fiscale dai settori ecologicamente più virtuosi (interventi di efficienza energetica, riuso e riciclo di materiali, ricerca finalizzata all’innovazione ecologica, per fare solo qualche esempio) o dove la tassazione è oggi più controproducente (la tassa sui redditi da lavoro) verso il consumo e lo spreco di energia e materie prime. Una fase di basso prezzo del petrolio come l’attuale è il momento ideale per impostare finalmente una generalizzata carbon tax e per eliminare i sussidi alle fossili. Due temi, l’efficienza e l’ecotassazione che mettono bene in evidenza il rapporto stretto tra ecologia ed economia, tra opportunità di riconversione ecologica ed economica.Silvestrini dimostra, con una ricchissima messe di esperienze e dati tecnico-economici, che “ … nei prossimi decenni l’avvio di un funzionamento circolare dei processi produttivi e l’impiego delle tecnologie più avanzate dovrebbe consentire di ridurre l’impatto sull’ambiente e mantenere la temperatura dell’atmosfera sotto i 2 °C, con la produzione di un ammontare complessivo di beni materiali sostanzialmente costante, ma con la fornitura di servizi crescenti e una ricchezza più equamente distribuita….”. La vera sfida sarà il governo della transizione verso la sostenibilità e l’equilibrio, recuperando ritardi che ne farebbero ulteriormente aumentare i costi economici e sociali.

Giuseppe Gamba*

* Presidente della società AzzeroCO2 ed ex assessore allo Sviluppo Sostenibile della Provincia di Torino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende