Home » Idee »Recensioni »Top Contributors » “2 gradi”: pessimismo verso la politica e ottimismo per la tecnologia nel nuovo libro di Silvestrini:

“2 gradi”: pessimismo verso la politica e ottimismo per la tecnologia nel nuovo libro di Silvestrini Top Contributors

marzo 5, 2015 Idee, Recensioni, Top Contributors

Sarà possibile vincere le sfide legate all’accesso sempre più difficile a risorse scarse, soddisfare la domanda di una popolazione in crescita ed evitare l’alterazione degli equilibri ecologici del pianeta, in particolare fermare il riscaldamento globale entro la soglia dei due gradi che gli scienziati ritengono cruciale per i nostri sistemi economici e sociali?

Gianni Silvestrini nel suo nuovo libro “2°C” da poco uscito per le Edizioni Ambiente si interroga su questa fondamentale domanda e la risposta che offre è segnata da ottimismo per la disponibilità, attuale o ravvicinata, di tecnologie e soluzioni gestionali, ma anche dalla preoccupazione di chi sa che la transizione tecnologica non si afferma da sola e richiede politiche e interventi condivisi a scala globale. “Non sono le soluzioni tecniche che mancano, ma la convergenza di interessi concreti accompagnata da una consapevolezza crescente e diffusa”. Come dire: fiducia nell’innovazione tecnologica, preoccupazioni per la politica.

Titolo e grafica di copertina evocano i pericoli che ci attendono oltre la soglia dei due gradi, ma il libro non indugia sul terreno della denuncia del problema o del semplice aggiornamento sui negoziati “post Kyoto” che avranno a fine anno a Parigi un round decisivo. L’attenzione di Silvestrini è soprattutto dedicata all’analisi delle soluzioni possibili e dei casi di successo. Ne viene fuori un’agile, ricca e avvincente rassegna delle innovazioni tecnologiche nei più disparati settori dell’industria, dell’edilizia, dei trasporti e mobilità, dell’ICT e della transizione digitale e dei modi in cui esse possono essere diffuse e poi gestite con profitto nella vita di tutti i giorni. Nuovi materiali, smart manifacturing, chimica verde, economia circolare (i cicli di materia ed energia nelle produzioni industriali), manifattura additiva, valorizzazione dei servizi in sostituzione del possesso di beni; e poi ancora mezzi di trasporto a basso consumo e ICT applicata alla mobilità urbana e altro ancora. Queste, secondo Silvestrini, le chiavi della transizione, anche economica e sociale, che si annuncia in tante storie di successo nell’impresa come nell’amministrazione pubblica. Senza dimenticare che “un altro contributo verrà dall’ampliamento dell’economia informale e della sharing economy, in grado di soddisfare esigenze comuni, ridurre la pressione ambientale e prefigurare nuovi modelli di vita”.

Attenzione estrema quindi a tutte le innovazioni, non solo tecnologiche, ma anche politico-gestionali e finanziarie. A questo proposito occorre sottolineare due punti chiave della proposta di Silvestrini. Il primo riguarda la prospettiva, ormai in crisi, di disporre ancora di risorse naturali abbondanti e a buon mercato. Giustamente Silvestrini osserva che “abbiamo un giacimento virtuale di shale  gas e di shale oil negli inefficienti parchi edilizi e autoveicolare. Adeguati interventi di efficientamento energetico spinto delle abitazioni e un sistema di trasporto e mobilità degni sono le opportunità che abbiamo di renderci energeticaente meno dipendenti e di risparmiare ambiente e denaro”. E poi ancora abbiamo la possibilità di recuperare materie prime lungo tutto l’arco di cicli produttivi “aperti”, responsabili di montagne di scarti e rifiuti inutilizzati o inutilizzabili. Ridisegnare i cicli di produzione in modo che gli scarti di una lavorazione rappresentino in cascata la materia prima di un’altra rappresenta il nucleo concettuale dell’economia circolare. Il secondo punto riguarda le misure da adottare per dare gambe a queste sfide.

Silvestrini riprende e ripropone l’idea, molto condivisibile, dell’ecotassazione con effetto fiscale neutro. Ovvero la proposta da tempo in discussione di spostare il carico fiscale dai settori ecologicamente più virtuosi (interventi di efficienza energetica, riuso e riciclo di materiali, ricerca finalizzata all’innovazione ecologica, per fare solo qualche esempio) o dove la tassazione è oggi più controproducente (la tassa sui redditi da lavoro) verso il consumo e lo spreco di energia e materie prime. Una fase di basso prezzo del petrolio come l’attuale è il momento ideale per impostare finalmente una generalizzata carbon tax e per eliminare i sussidi alle fossili. Due temi, l’efficienza e l’ecotassazione che mettono bene in evidenza il rapporto stretto tra ecologia ed economia, tra opportunità di riconversione ecologica ed economica.Silvestrini dimostra, con una ricchissima messe di esperienze e dati tecnico-economici, che “ … nei prossimi decenni l’avvio di un funzionamento circolare dei processi produttivi e l’impiego delle tecnologie più avanzate dovrebbe consentire di ridurre l’impatto sull’ambiente e mantenere la temperatura dell’atmosfera sotto i 2 °C, con la produzione di un ammontare complessivo di beni materiali sostanzialmente costante, ma con la fornitura di servizi crescenti e una ricchezza più equamente distribuita….”. La vera sfida sarà il governo della transizione verso la sostenibilità e l’equilibrio, recuperando ritardi che ne farebbero ulteriormente aumentare i costi economici e sociali.

Giuseppe Gamba*

* Presidente della società AzzeroCO2 ed ex assessore allo Sviluppo Sostenibile della Provincia di Torino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende