Home » Recensioni » “Boschi & bossoli”, lo scempio del paesaggio diventa un thriller:

“Boschi & bossoli”, lo scempio del paesaggio diventa un thriller

maggio 15, 2012 Recensioni

Sembra un monito per i No Tav della Val Susa, ma quella è un’altra storia, precisa Michael Gregorio, alias Michael Jacob e Daniela De Gregorio, parlando del libro appena sfornato “Boschi & Bossoli” edito da Edizioni Ambiente per la collana Verde Nero Noir.

“Siamo passati dai mantelli alle pallottole, dal romanzo gotico di fine ’800, con protagonista Kant alla contemporaneità della nostra corruzione” dice Daniela De Gregorio. Tutto inizia quando alcuni eco-attivisti vengono arrestati con l’accusa di associazione terroristica, un’azione utile a sviare l’attenzione dai veri pericoli affaristici di una piccola città. “Questo per noi è il primo thriller ambientato in Italia, per questo un romanzo molto speciale”, raccontano Jacob e De Gregorio, lui insegnante d’inglese e lei di storia e filosofia a Spoleto, ma ormai scrittori di professione tradotti in tutto il mondo (in Italia hanno pubblicato i loro romanzi, “Critica della ragion criminale”, “I giorni dell’espiazione” e “Luminosa tenebra”, con Einaudi).

“Questa volta abbiamo fatto in percorso inverso, abbiamo scritto in italiano, mentre di solito i nostri libri vengono scritti in inglese, pubblicati all’estero per poi venir tradotti in italiano, una nuova sfida” spiega la De Gregorio. C’è un po’ di tutto, un po’ di Belpaese e dei suoi disastri ambientali, dentro queste pagine. Le parole, le vicissitudini, le ferite sono quelle vissute dai cittadini delle coste e da quelli delle montagne, dai giovani e dai vecchi. Ci sono ricostruzioni promesse poi negate, abusi e appalti truccati, opere malsane e malfatte, la terra aggredita e il malaffare imperante. Ci sono gli onesti e i disonesti, ma coloro che non scelgono da che parte stare e che subiscono e che diventano, loro malgrado, co-responsabili.

Centro Italia: chiese medievali, paesi arroccati sulle colline, oliveti, boschi. Dopo il terremoto arrivano grandi finanziamenti per la ricostruzione e qualcuno ha deciso che quella sarà una zona di conquista. Cemento, corruzione, sangue, ferocia. È questo il contesto in cui si svolge l’operazione Boschi & Bossoli. Politici, architetti, generali: ognuno segue il proprio tornaconto. Chi vuole fare carriera, chi vuole distogliere l’attenzione dai suoi guai giudiziari, chi reclama potere. Fino alla magistratura che si presta a fare scempio della vita di quattro ragazzi innocenti. “E’ dal 2003 che siamo protagonisti di proteste che potremmo definire ambientaliste per salvaguardare la città dove viviamo. Come accade in tanti altri luoghi d’Italia, una serie di progetti urbanistici hanno imbruttito e deturpato il patrimonio più ricco della città. Insomma anche nella verde Umbria, il mattone impazza. Nonostante le manifestazioni, la raccolta di firme, le petizioni, i pubblici dibattiti e le marce, sono troppe le ferite inferte al territorio. Così abbiamo pensato che il romanzo potesse essere uno buono strumento per denunciare lo scempio, e tutto quello che gira intorno, delle nostre terre. Abbiamo immaginato una trama che si svolge in un luogo situato nel centro Italia che potrebbe essere qualunque luogo e che diventa terreno di scontro per una guerra subdola senza esclusione di colpi”, raccontano.

“Anni fa, cinque giovani che avevano protestato insieme a centinaia di altre persone in favore dell’integrità del paesaggio e della preservazione del centro storico, furono accusati di associazione terroristica, arrestati con una operazione che impiegò un numero di uomini e mezzi spropositato e degni dell’arresto dei più grandi boss mafiosi. Furono incarcerati per mesi, processati e un paio di loro furono trovati colpevoli di associazione di stampo terroristico. Abbiamo deciso di usare la loro storia come spunto, reinventandola, con personaggi di immaginazione”. E di immaginazione ce n’è poca. Alte cariche regionali, ministri, dirigenti di partito, direttori di banca, progetti che arrivano in giunta veloci, permessi tecnici, paesaggistici, centri commerciali e palazzoni di appartamenti. “Pensavo che ci arebbe stato un po’ più tempo”, dice ad un certo punto il sindaco Zenobi nel romanzo. “Costruire una schiera di villette bifamiliari sulla collina più bella con vista sopra la parte antica della città…Cazzo! Almeno facciamo calmare le acque con ‘sto centro commerciale ed il resto che sta per venir su. Ci saranno proteste dottor….”. E il direttore di banca risponde: “progresso e modernizzazione sono state spese a mano bassa durante la campagna elettorale. Da tutti…”. Perché tutto il mondo è paese, anche quando è immaginario.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende