Home » Recensioni » “Boschi & bossoli”, lo scempio del paesaggio diventa un thriller:

“Boschi & bossoli”, lo scempio del paesaggio diventa un thriller

maggio 15, 2012 Recensioni

Sembra un monito per i No Tav della Val Susa, ma quella è un’altra storia, precisa Michael Gregorio, alias Michael Jacob e Daniela De Gregorio, parlando del libro appena sfornato “Boschi & Bossoli” edito da Edizioni Ambiente per la collana Verde Nero Noir.

“Siamo passati dai mantelli alle pallottole, dal romanzo gotico di fine ’800, con protagonista Kant alla contemporaneità della nostra corruzione” dice Daniela De Gregorio. Tutto inizia quando alcuni eco-attivisti vengono arrestati con l’accusa di associazione terroristica, un’azione utile a sviare l’attenzione dai veri pericoli affaristici di una piccola città. “Questo per noi è il primo thriller ambientato in Italia, per questo un romanzo molto speciale”, raccontano Jacob e De Gregorio, lui insegnante d’inglese e lei di storia e filosofia a Spoleto, ma ormai scrittori di professione tradotti in tutto il mondo (in Italia hanno pubblicato i loro romanzi, “Critica della ragion criminale”, “I giorni dell’espiazione” e “Luminosa tenebra”, con Einaudi).

“Questa volta abbiamo fatto in percorso inverso, abbiamo scritto in italiano, mentre di solito i nostri libri vengono scritti in inglese, pubblicati all’estero per poi venir tradotti in italiano, una nuova sfida” spiega la De Gregorio. C’è un po’ di tutto, un po’ di Belpaese e dei suoi disastri ambientali, dentro queste pagine. Le parole, le vicissitudini, le ferite sono quelle vissute dai cittadini delle coste e da quelli delle montagne, dai giovani e dai vecchi. Ci sono ricostruzioni promesse poi negate, abusi e appalti truccati, opere malsane e malfatte, la terra aggredita e il malaffare imperante. Ci sono gli onesti e i disonesti, ma coloro che non scelgono da che parte stare e che subiscono e che diventano, loro malgrado, co-responsabili.

Centro Italia: chiese medievali, paesi arroccati sulle colline, oliveti, boschi. Dopo il terremoto arrivano grandi finanziamenti per la ricostruzione e qualcuno ha deciso che quella sarà una zona di conquista. Cemento, corruzione, sangue, ferocia. È questo il contesto in cui si svolge l’operazione Boschi & Bossoli. Politici, architetti, generali: ognuno segue il proprio tornaconto. Chi vuole fare carriera, chi vuole distogliere l’attenzione dai suoi guai giudiziari, chi reclama potere. Fino alla magistratura che si presta a fare scempio della vita di quattro ragazzi innocenti. “E’ dal 2003 che siamo protagonisti di proteste che potremmo definire ambientaliste per salvaguardare la città dove viviamo. Come accade in tanti altri luoghi d’Italia, una serie di progetti urbanistici hanno imbruttito e deturpato il patrimonio più ricco della città. Insomma anche nella verde Umbria, il mattone impazza. Nonostante le manifestazioni, la raccolta di firme, le petizioni, i pubblici dibattiti e le marce, sono troppe le ferite inferte al territorio. Così abbiamo pensato che il romanzo potesse essere uno buono strumento per denunciare lo scempio, e tutto quello che gira intorno, delle nostre terre. Abbiamo immaginato una trama che si svolge in un luogo situato nel centro Italia che potrebbe essere qualunque luogo e che diventa terreno di scontro per una guerra subdola senza esclusione di colpi”, raccontano.

“Anni fa, cinque giovani che avevano protestato insieme a centinaia di altre persone in favore dell’integrità del paesaggio e della preservazione del centro storico, furono accusati di associazione terroristica, arrestati con una operazione che impiegò un numero di uomini e mezzi spropositato e degni dell’arresto dei più grandi boss mafiosi. Furono incarcerati per mesi, processati e un paio di loro furono trovati colpevoli di associazione di stampo terroristico. Abbiamo deciso di usare la loro storia come spunto, reinventandola, con personaggi di immaginazione”. E di immaginazione ce n’è poca. Alte cariche regionali, ministri, dirigenti di partito, direttori di banca, progetti che arrivano in giunta veloci, permessi tecnici, paesaggistici, centri commerciali e palazzoni di appartamenti. “Pensavo che ci arebbe stato un po’ più tempo”, dice ad un certo punto il sindaco Zenobi nel romanzo. “Costruire una schiera di villette bifamiliari sulla collina più bella con vista sopra la parte antica della città…Cazzo! Almeno facciamo calmare le acque con ‘sto centro commerciale ed il resto che sta per venir su. Ci saranno proteste dottor….”. E il direttore di banca risponde: “progresso e modernizzazione sono state spese a mano bassa durante la campagna elettorale. Da tutti…”. Perché tutto il mondo è paese, anche quando è immaginario.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende