Home » Recensioni » Cinema in un ambiente diverso: “El Lupe de la Vaca”:

Cinema in un ambiente diverso: “El Lupe de la Vaca”

settembre 24, 2012 Recensioni

La giuria della sezione “Cinema in un ambiente diverso- composta da Andrea Gandiglio, direttore editoriale di Greenews.info, Michele Munerol di Air Dolomiti, dall’architetto Gianmaria Sforza e dalla regista Elena Maggioni – ha assegnato ieri sera, al Milano Film Festival il premio, sponsorizzato da Air Dolomiti e Aeroporto di Monaco, al film di Musa Syeed, “Valley of Saints“.  Di grande interesse anche gli altri lungometraggi in concorso, di cui pubblichiamo le recensioni a cura di Michele Munerol.

Il racconto della vita quotidiana di “El Coralito”, località rurale messicana dedita all’allevamento, attraverso le parole dei suoi abitanti, sembra un normalissimo soggetto di un “doc-film”. Almeno sulla carta. Ma a El Coralito si dice che si aggiri un “nanetto” con un occhio solo a cavallo di una vacca. E allora cambia tutto. Tradizione, superstizione, leggenda. “Lupe” incarna per la gente un vero e proprio protettore e patrono. Tutti ne parlano, ma nessuno in realtà l’ha quasi mai visto.

La componente “fantasy” del film si completa con le parole dei protagonisti – non attori, ma persone vere, spontanee – che parlano della presenza dei Goblin. Il “one eyed dwarf” viene espresso cinematograficamente grazie a un disegno animato dal sapore molto “comics”, trasformandolo così da patrono in un fumettistico supereroe, un po’ donchisciottesco nelle movenze. I dispettosi spiriti maligni vengono invece mostrati al pubblico attraverso l’inserimento di alcuni fotogrammi nelle sequenze rupestri. Bellissimo e suggestivo è il racconto di come si possono catturare e assecondare. A El Coralito le mucche hanno tutte un nome e rispondono quando vengono chiamate, a El Coralito la mungitura si fa ascoltando i Clash, a El Coralito ci si commuove quando i piccoli porcellini vengono allattati. La regista alterna sapientemente sequenze della dura e povera vita quotidiana a scene di idilliaca vita pastoral-naturale. Come se le attività dell’allevamento, legate all’intervento umano, fossero un tutt’uno armonico con il mondo boschivo e superstizioso circostante.

A caratterizzare El Coralito sono comunque, soprattutto, i suoi abitanti. Sudore e fatica durante il lavoro, ma anche folklore e un po’ di verve creativa, quasi artistica. Veri e propri personaggi di un “plot” filmico. Josè tuona contro le multinazionali che tagliano gli alberi (che lui conosce uno ad uno), tanto quanto gli abitanti del villaggio che uccidono gli animali senza motivo, sconvolgendo il connubio uomo-natura proprio del territorio. Don Chema, il mago del formaggio (che è “più geloso di una donna”), è zoppo, ma anche “più furbo di un coyote”. Ma sono i personaggi femminili i main characters. A cominciare da Luci, prova vivente che le donne di El Coralito non riposano mai: costruisce la propria casa a mano e cura i suoi maiali con una dedizione e una passione instancabili. Poi c’è Maria, la vera e propria matrona del pueblo, quasi un’incarnazione della “Madonna di Guadalupe”. In realtà è lei che rappresenta lo spirito più profondo de “El Lupe de la vaca”. Infine c’è Laronda, la piccola star, che, come una novella Caterina della “Bisbetica domata” di Shakespeare, si rende protagonista di un’invettiva contro gli uomini messicani: sono tutti ubriachi e non sanno ballare. E’ lei che danza mentre scorrono i titoli di coda che ricordano i costi del latte: 10 cents al produttore e 1 dollaro a chi lo compra. In mezzo il sudore e la fatica di chi non vuole abbandonare il proprio territorio.

Michele Munerol

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende