Home » Recensioni » Come trasformarsi da predatori a imprenditori. Facendo il bene dell’ambiente e dell’azienda:

Come trasformarsi da predatori a imprenditori. Facendo il bene dell’ambiente e dell’azienda

gennaio 7, 2014 Recensioni

Da predatori a imprenditori. Come le imprese dovranno rispondere alla sfida della sostenibilità per non farsi rovinare dalle tasse”. Il nuovo libro di Diego Masi, edito da Fausto Lupetti Editore, nasce dall’esperienza maturata dall’autore attraverso l’associazione no profit Alice for Children (a cui sono devoluti i diritti), fondata insieme alla moglie Daria per aiutare gli orfani di Nairobi, e in particolare quelli che nascono e vivono nelle baraccopoli e nelle discariche delle periferie. Un libro, dunque, che parte da un presente solo apparentemente astratto e lontano per spiegare alle aziende perché e come attuare, concretamente, politiche aziendali di corporate giving e social innovation. Il perché è drammaticamente semplice: è l’unica scelta possibile di aziende che vivono in un Pianeta sull’orlo di una una crisi sistemica.

Il libro inizia da un’analisi della situazione attuale e dal possibile futuro prossimo a cui stiamo andando incontro, esaminando le cinque variabili da cui dipende il nostro domani: la tendenza demografica, la domanda di risorse naturali, la globalizzazione dei beni e dei capitali, il cambiamento climatico e la rivoluzione tecnologica. E’ questa la tesi descritta da Laurence Smith, studioso americano, nel libro “2050, il futuro del nuovo Nord”: il primo pilastro è la “transizione demografica”, che ci porterà a uno scenario di un aumento della popolazione mondiale di 2,5 miliardi di persone entro 2050. Le risorse sono limitate e perciò da utilizzare con parsimonia, anche a fronte dell’incremento dei consumi da parte dei Paesi in via di sviluppo, mentre il processo di globalizzazione prosegue: se tutti gli abitanti della Terra consumassero quanto un occidentale, ci vorrebbero 11 Terre a disposizione per distribuire a ciascuno le risorse necessarie a soddisfare i bisogni veri e indotti dal consumismo. L’altro pilastro da tenere in considerazione è il riscaldamento del Pianeta: i cambiamenti climatici, causati dai gas ad effetto serra come la CO2, porteranno un ulteriore elemento di pressione sulla sostenibilità del nostro futuro, con aumenti medi globali della temperatura tra i 2° e i 4° gradi centigradi. La tecnologia, ultimo dei cinque pilastri esaminati, è infine lo “strumento che unisce, integra e connette tutte le variabili analizzate”: i progressi tecnologi potranno agire frenando o accelerando i processi che governeranno il nostro futuro.

Ma in questo panorama complesso, come si inserisce il ruolo dell’impresa? Masi nota come le imprese siano esposte a un grave rischio, alla base della loro stessa sopravvivenza: i consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità, come pure i cittadini, nel loro ruolo di elettori, e le istituzioni. Si accorgeranno presto che alcune sporadiche azioni sul sociale o per l’ambiente non sono sufficienti: è necessario strutturare dei veri e propri piani per innescare il cambiamento. “La domanda che una impresa dovrebbe farsi è sostanzialmente una sola, a prescindere dalla sensibilità del management: per rispondere alla sfida della sostenibilità, mi faccio rovinare dalle tasse o anticipo i problemi con progetti di corporate giving originali e seri? Lascio un segno della mia presenza sulla Terra in modo che mi ricordino o lascio un segno sulla Terra, forse di profitti ma senz’altro di spoliazione? Lavoro per gli azionisti o per i figli degli azionisti?”.

Masi confronta la struttura delle no profit tradizionali con il caso degli Stati Uniti e delle fondazioni finanziate in larga misura dalle aziende private: le no profit avrebbero bisogno di rendere le loro strutture più efficienti e trasparenti. Generalmente la struttura di donazione tramite fondazioni, d’altro canto, seppur più efficiente dal punto di vista dell’impiego delle risorse finanziarie, presenta “una debolezza che non può essere trascurata: non denuncia, non sensibilizza il largo pubblico e di conseguenza impedisce che dal basso si creino movimenti atti a fare pressione sui Governi affinché i problemi possano essere risolti”.

L’autore accompagna le aziende in un viaggio verso l’economia sociale: sei tappe per arrivare a lasciare un segno positivo sulla nostra società, sulla strada della sostenibilità. E, diversamente da quanto molti imprenditori ancora credono, alla fine del percorso, il bene delle aziende viene a coincidere con il bene comune, sia per l’ambiente che per le generazioni future. Un perfetto win-win.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende