Home » Recensioni » Confessioni di un ecopeccatore:

Confessioni di un ecopeccatore

febbraio 10, 2010 Recensioni

Courtesy of Harvardsquarelibrary“Il XX secolo è stato convulso. Passerà alla storia come l’era dell’oro della creatività umana, ma anche dell’umana follia. La festa che pose fine a tutto. Al contrario, il XXI secolo potrebbe essere il secolo in cui, alla fredda luce dell’alba, scopriremo se la nostra specie possiede le risorse necessarie per convivere con le conseguenze e riparare danni. Ci troviamo davanti ai terribili postumi di una sbornia, dato che le tossine rilasciate dai nostri secoli di bisbocce sono penetrate all’interno dell’organismo terrestre. Dobbiamo disintossicarci. Dobbiamo smaltire la sbornia. Dobbiamo affrontare tutti i danni che abbiamo provocato al pianeta, alle sue terre ai suoi mari e alla sua atmosfera, e calcolare il costo delle riparazioni. In una parola, dobbiamo crescere”.

Queste le conclusioni a cui giunge Fred Pearce al termine del suo viaggio alla ricerca delle origini dei prodotti che compriamo quotidianamente. Viaggio che lo ha portato a percorrere più di 180.000 chilometri attraversando 20 paesi e gli ha permesso di scrivere un libro articolato, documentato e complesso quale è Confessioni di un ecopeccatore (Edizioni Ambiente, €22,00).

Nel constatare semplicemente aprendo la dispensa di casa propria di essere diventato un “consumatore globalizzato”, Pearce, giornalista de The Independent, The Guardian e The London Daily Telegraph e consulente ambientale di New Scientist, si è deciso a scoprire quella che è la sua reale impronta di carbonio sul mondo e chi si nasconde dietro agli agi della nostra routine.

Dalle miniere d’oro del Sud Africa agli allevamenti di gamberi in Bangladesh, dalle fabbriche di giocattoli cinesi ai campi di cotone in Australia, Pearce indaga sugli aspetti economici, ambientali e morali di quel gigantesco processo chiamato “globalizzazione”, mette in discussione luoghi comuni e presunte verità care a una parte del pensiero ambientalista e indica soluzioni possibili ai grandi problemi della nostra epoca. E lo fa con tono mai disfattista, anzi con una profonda dose di ottimismo nell’umanità. Pearce crede in quella che definisce la “razza arcobaleno”, in questa contraddittoria e variegata specie che è la scimmia nuda, l’Homo Sapiens.

“Mentre cresciamo, scrive, dobbiamo rendere la nostra società più femminile ed ecologica, e diventare custodi migliori di questo pianeta. Non è certo che lo faremo. Non abbiamo nessuna ragione di credere che la nostra fortuna durerà ancora molto. Potremmo aver già procurato troppi danni ed essere condannati a vedere la nostra civiltà distrutta da sconvolgimenti climatici, da malattie, fame e guerre. Tuttavia, sono convinto che possediamo ancora la capacità e, forse, la lungimiranza, per correggere rotta”.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende