Home » Recensioni » Confessioni di un ecopeccatore:

Confessioni di un ecopeccatore

febbraio 10, 2010 Recensioni

Courtesy of Harvardsquarelibrary“Il XX secolo è stato convulso. Passerà alla storia come l’era dell’oro della creatività umana, ma anche dell’umana follia. La festa che pose fine a tutto. Al contrario, il XXI secolo potrebbe essere il secolo in cui, alla fredda luce dell’alba, scopriremo se la nostra specie possiede le risorse necessarie per convivere con le conseguenze e riparare danni. Ci troviamo davanti ai terribili postumi di una sbornia, dato che le tossine rilasciate dai nostri secoli di bisbocce sono penetrate all’interno dell’organismo terrestre. Dobbiamo disintossicarci. Dobbiamo smaltire la sbornia. Dobbiamo affrontare tutti i danni che abbiamo provocato al pianeta, alle sue terre ai suoi mari e alla sua atmosfera, e calcolare il costo delle riparazioni. In una parola, dobbiamo crescere”.

Queste le conclusioni a cui giunge Fred Pearce al termine del suo viaggio alla ricerca delle origini dei prodotti che compriamo quotidianamente. Viaggio che lo ha portato a percorrere più di 180.000 chilometri attraversando 20 paesi e gli ha permesso di scrivere un libro articolato, documentato e complesso quale è Confessioni di un ecopeccatore (Edizioni Ambiente, €22,00).

Nel constatare semplicemente aprendo la dispensa di casa propria di essere diventato un “consumatore globalizzato”, Pearce, giornalista de The Independent, The Guardian e The London Daily Telegraph e consulente ambientale di New Scientist, si è deciso a scoprire quella che è la sua reale impronta di carbonio sul mondo e chi si nasconde dietro agli agi della nostra routine.

Dalle miniere d’oro del Sud Africa agli allevamenti di gamberi in Bangladesh, dalle fabbriche di giocattoli cinesi ai campi di cotone in Australia, Pearce indaga sugli aspetti economici, ambientali e morali di quel gigantesco processo chiamato “globalizzazione”, mette in discussione luoghi comuni e presunte verità care a una parte del pensiero ambientalista e indica soluzioni possibili ai grandi problemi della nostra epoca. E lo fa con tono mai disfattista, anzi con una profonda dose di ottimismo nell’umanità. Pearce crede in quella che definisce la “razza arcobaleno”, in questa contraddittoria e variegata specie che è la scimmia nuda, l’Homo Sapiens.

“Mentre cresciamo, scrive, dobbiamo rendere la nostra società più femminile ed ecologica, e diventare custodi migliori di questo pianeta. Non è certo che lo faremo. Non abbiamo nessuna ragione di credere che la nostra fortuna durerà ancora molto. Potremmo aver già procurato troppi danni ed essere condannati a vedere la nostra civiltà distrutta da sconvolgimenti climatici, da malattie, fame e guerre. Tuttavia, sono convinto che possediamo ancora la capacità e, forse, la lungimiranza, per correggere rotta”.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende