Home » Provati per voi »Recensioni » Consigli per ecomamme, nona puntata: il gioco:

Consigli per ecomamme, nona puntata: il gioco

maggio 16, 2013 Provati per voi, Recensioni

Non c’è balcone che tenga. Con l’arrivo dei primi giorni di piacevole sole, i bambini vogliono stare all’aperto e non sentono ragioni né orari. I giocattoli perdono tutto il loro appeal e così, se l’ora della pappa è vicina, meglio armarsi di thermos con il pranzo per il bambino e scegliere un parco o un percorso con vicino bar o strutture attrezzate per sedersi, mangiare e cambiare pannolini.

Aria più pulita tra gli alberi, uccelli e insetti da conoscere e rincorrere, altri bambini con cui giocare: i giardini pubblici sono isole di felicità piene di stimoli per chi inizia a muoversi sulle proprie gambe. Ma cosa proporre a nostro figlio se la pioggia rende impraticabile i prati? O se il caldo è eccessivo per stare sotto il sole? Esistono possibilità di gioco divertenti ed educative, che insegnano a interagire col mondo e con il prossimo, a rispettare l’ambiente e a ridurre gli sprechi. Basta saper individuare le “agenzie” cui indirizzarsi.

A Bologna, per esempio, la Fondazione Villa Ghigi organizza escursioni e laboratori con le scuole a diretto contatto con la natura: sui colli, “i bambini, accompagnati anche da una loro insegnante, trascorrono con noi una settimana nel bosco, dormendo in tenda e svolgendo ogni attività all’aperto” spiega Silvia Salvatorelli. Oltre a progetti sulla conoscenza degli alberi, con “la scuola nel bosco” vengono proposti ai bambini giochi di abilità o di squadra, per imparare a riconoscere la piccola fauna locale e a costruire oggetti attraverso l’uso intelligente di ciò che offre il bosco. Da quest’anno, inoltre, la Fondazione organizzerà anche corsi di gioco-apprendimento dedicati ai piccoli degli asili nido.

Bambini di ogni età possono trovare il loro angolo giochi in Salaborsa, mediateca cuore cittadino, aperta a fasi alterne anche di domenica. Nell’apposita sezione Salaborsa ragazzi tutto è pensato a misura loro: dai volumi agli arredi, un colorato e invitante avvio alla lettura. E per il cambio del bambino, bagno dotato di fasciatoio.

Anche il Museo dei Bambini di Roma prevede visite di utenti sin da 0 a 3 anni e per classi dei nidi, offrendo esperienze sensoriali di giochi con le ombre, percorsi tattili e di apprendimento attraverso “mestieri”.

Per i bambini più grandi, invece, sono divertenti le numerossime iniziative del museo “A come Ambiente” di Torino. Il 15 maggio è dedicato per esempio alla qualità dell’aria, tema proposto in modo ludico, con spettacoli e giocoleria di eco-artisti di strada, laboratori di manualità creativa con materiali poveri e imballaggi, un grande gioco da strada ed un laboratorio scientifico dal titolo “esperimenti d’aria”. Ricco anche il programma del museo per la giornata mondiale dell’ambiente, il 5 giugno prossimo.

Sotto la Mole, inoltre, è da segnalare il circuito di biblioteche civiche “babyfriendly”, concepite per offrire “ai piccoli e alle loro famiglie sale e spazi allegri e accoglienti, attrezzati anche per il cambio pannolino – si legga in una nota – corsi gratuiti per la prima infanzia dedicati alle mamme a ai papà, oltreché libri, attività e iniziative aperte a tutti”. Tredici Biblioteche civiche torinesi, disseminate tra Corso Unione Sovietica a sud fino a Corso Cincinnato, aderiscono al Progetto Babyfriendly . Nato tre anni fa e senza scopo di lucro, iniziativa di alcuni genitori, il progetto raccoglie più di 70 locali pubblici ed esercizi commerciali a prova di bambino. L’adesivo babyfriendly.it apposto nelle varie sedi, indica di quali strumenti la struttura disponga (seggioloni, fasciatoi, giocattoli, libri e oggetti per intrattenere i bimbi). In tutte le sedi si può anche allattare al seno.

Infine, se proprio una malattia vi costringe tra le mura domestiche, una consolazione efficace può venire dalla cara, vecchia televisione. In piccole dosi, magari per far distrarre il piccolo durante l’aerosol, e su programmi selezionati, può sorprendere positivamente. Come per Peppa pig, cartone animato di Rai yoyò, ambientato in un mondo animale antropizzato e colorato. Sebbene sia buffo pensare che un maiale si preoccupi di rassettare e pulire, nella famiglia di Peppa succede anche questo. I protagonisti delle vicende sono maiali, asini, pecore e cani che curano orti, vanno ai giardini pubblici, a scuola, al supermercato, viaggiano su strade e autobus, perfino in elicottero. In una puntata, ai maialini, benchè piccoli, mamma e papà mostrano i bidoni della raccolta differenziata, fanno loro provare a dividere i vari rifiuti per poi portarli all’isola ecologica.

In un’altra, invece, Peppa e il fratellino George sono in visita alla stazione dei pompieri. Arriva una richiesta di soccorso: è Papà pig, che con gli amici aveva organizzato un barbecue nel bosco. Il fuoco rischia di scatenare un brutto incendio: la coniglio-pompiere spegnerà tutto in tempo, ma ribandendo che occorre cautela e attenzione.

Global grover, sempre su Rai Yoyò, è un pupazzo blu giramondo che nei suoi viaggi incontra usi e stili di vita diversi. Nella puntata sull’Olanda mostra come la cultura di quel Paese crei baby-ciclisti sin dai primi anni di vita: grazie alle biciclette di legno senza pedali, il bambino impara a restare in equilibrio inforcando il manubrio e correndo sulle proprie gambe. A 4 anni è pronto per pedalare davvero. Ben venga quindi un certo tipo di tv, se è un modo di intrattenere che parla anche di scarsità delle risorse ed educa i bambini al rispetto per l’ambiente.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende