Home » Recensioni » Crisi economica e ambientale: serve un’economia “buona”:

Crisi economica e ambientale: serve un’economia “buona”

luglio 2, 2012 Recensioni

“Why did no one see it coming?” Perché nessuno l’ha vista arrivare?

Così, nel novembre 2008, la regina Elisabetta si rivolgeva alla London School of Economics, tempio del pensiero economico mondiale, parlando della crisi. Ne seguiva ovvio imbarazzo e altrettanto ovvio clamore mediatico. Ma nessuna plausibile risposta.
L’episodio, che sarebbe anche comico se non fosse prima di tutto tragico, lo racconta Emanuele Campiglio all’inizio dell’agile saggio “L’economia buona (ed. Bruno Mondadori, 2012, pagg. 171, 14 euro).

“Questo è un periodo stimolante per parlare di economia”, esordisce Campiglio, ricercatore presso la New Economics Foundation di Londra e già autore di “Con il mondo sulle spalle. Questioni globali e limiti alla crescita (ed. OMP, 2010). Se crisi vuol dire anche opportunità, quello che stiamo vivendo è allora un buon momento per rivoluzionare il nostro modo di produrre e di consumare, a partire dai modelli teorici che hanno diretto le sorti dell’economia globale fino ad oggi. La crisi – sostiene Campiglio, sulla scorta di economisti “alternativi” come Nouriel Roubini, Robert Shiller e Steve Keen – non è arrivata dal nulla, ma l’Accademia non ha saputo (o voluto) riconoscerla, accecata da ingombranti paraocchi teorici. E se le teorie economiche soffrono di uno scollamento dalla realtà, la finanza dal canto suo ha prosperato in un mondo “autistico” di titoli derivati e subprime, diventando “una gigantesca entità a sé stante impossibile da controllare” e smarrendo il suo ruolo originario di appoggio all’impianto produttivo.

Di fronte a questa sorta di delirio di onnipotenza, è urgente tornare con i piedi per terra. L’economia “buona” è innanzitutto un’economia realistica, che tenga conto dei limiti dello sviluppo, delle risorse non infinite del pianeta e di un’idea di uomo ben più complessa e sfaccettata rispetto all’automa materialista riassunto nel concetto, caro alle teorie classiche, di homo oeconomicus.

È necessario allora ripartire da quelli che oggi sono i due problemi fondamentali dell’economia mondiale: l’emergenza ambientale e i limiti sociali (stagnazione dei livelli di benessere nei paesi occidentali e degrado del tessuto di relazioni) di un sistema fondato sul dogma della crescita. Questioni apparentemente distanti, ma in realtà strettamente connesse e che troverebbero soluzione in “una visione sistemica alternativa, che colleghi tutti i tasselli necessari”: il cosiddetto modello della decrescita. Consumo critico e collaborativo, green economy, etica della sobrietà, responsabilità d’impresa, rivoluzione dal basso, autoproduzione sono le parole d’ordine di una transizione – che non solo si profila come inevitabile, ma appare sempre più desiderabile – verso un sistema che “coniughi prosperità, stabilità, giustizia sociale e utilizzo intelligente delle risorse”.

Le direzioni da intraprendere verso tale cambiamento sono due, entrambe fondamentali: “dal basso”, attraverso i comportamenti individuali, e “dall’alto”, con politiche nazionali e internazionali integrate. Campiglio offre una sintetica ma completa panoramica dei due approcci, descrivendo e analizzando esempi di azioni micro e macro: dal movimento per la decrescita felice di Maurizio Pallante all’economia del dono di Serge Latouche, dal consumo critico alla rivoluzione organizzativa a livello locale delle Transition Towns, dalle “banche del tempo” alle varie e spesso ingegnose iniziative per la condivisione di beni e servizi, dai nuovi indicatori di sviluppo come la Felicità Interna Lorda al dibattito internazionale sulla Carbon Tax per disincentivare i comportamenti inquinanti, fino alla Terza Rivoluzione Industriale teorizzata da Jeremy Rifkin e adottata, nei suoi punti programmatici, dal Parlamento Europeo.

Insomma, una fotografia dello stato dell’arte, che ha però il pregio di non dar nulla per scontato,  a cominciare dalle origini della crisi (dalla bolla immobiliare americana in avanti). L’economia buona non è un semplice compendio di buone pratiche, ma un saggio-manuale che ha l’ambizione di fornire gli strumenti (almeno alcuni) per capire la realtà. La platea del dibattito – dice Campiglio – si è infatti oggi allargata: “le questioni economiche non sono più prerogativa di un circolo ristretto di esperti, ma sono aperte alle interpretazioni di singoli cittadini, comunità territoriali, organismi della società civile, studiosi e policy makers”, e “la formazione di un nuovo sistema economico non può che coinvolgere la società in tutta la sua articolazione”. Conviene, dunque, che non ci facciamo trovare impreparati. Del resto, per recuperare quel buon senso che la regina Elisabetta si sarebbe aspettata dal gotha dell’economia internazionale, non solo gli accademici devono scendere dalla torre d’avorio, ma anche la “società civile” deve abbandonare il timore reverenziale verso la sfera dell’economia e imparare a maneggiarne gli strumenti.

Giorgia Marino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende