Home » Recensioni » Crisi economica e ambientale: serve un’economia “buona”:

Crisi economica e ambientale: serve un’economia “buona”

luglio 2, 2012 Recensioni

“Why did no one see it coming?” Perché nessuno l’ha vista arrivare?

Così, nel novembre 2008, la regina Elisabetta si rivolgeva alla London School of Economics, tempio del pensiero economico mondiale, parlando della crisi. Ne seguiva ovvio imbarazzo e altrettanto ovvio clamore mediatico. Ma nessuna plausibile risposta.
L’episodio, che sarebbe anche comico se non fosse prima di tutto tragico, lo racconta Emanuele Campiglio all’inizio dell’agile saggio “L’economia buona (ed. Bruno Mondadori, 2012, pagg. 171, 14 euro).

“Questo è un periodo stimolante per parlare di economia”, esordisce Campiglio, ricercatore presso la New Economics Foundation di Londra e già autore di “Con il mondo sulle spalle. Questioni globali e limiti alla crescita (ed. OMP, 2010). Se crisi vuol dire anche opportunità, quello che stiamo vivendo è allora un buon momento per rivoluzionare il nostro modo di produrre e di consumare, a partire dai modelli teorici che hanno diretto le sorti dell’economia globale fino ad oggi. La crisi – sostiene Campiglio, sulla scorta di economisti “alternativi” come Nouriel Roubini, Robert Shiller e Steve Keen – non è arrivata dal nulla, ma l’Accademia non ha saputo (o voluto) riconoscerla, accecata da ingombranti paraocchi teorici. E se le teorie economiche soffrono di uno scollamento dalla realtà, la finanza dal canto suo ha prosperato in un mondo “autistico” di titoli derivati e subprime, diventando “una gigantesca entità a sé stante impossibile da controllare” e smarrendo il suo ruolo originario di appoggio all’impianto produttivo.

Di fronte a questa sorta di delirio di onnipotenza, è urgente tornare con i piedi per terra. L’economia “buona” è innanzitutto un’economia realistica, che tenga conto dei limiti dello sviluppo, delle risorse non infinite del pianeta e di un’idea di uomo ben più complessa e sfaccettata rispetto all’automa materialista riassunto nel concetto, caro alle teorie classiche, di homo oeconomicus.

È necessario allora ripartire da quelli che oggi sono i due problemi fondamentali dell’economia mondiale: l’emergenza ambientale e i limiti sociali (stagnazione dei livelli di benessere nei paesi occidentali e degrado del tessuto di relazioni) di un sistema fondato sul dogma della crescita. Questioni apparentemente distanti, ma in realtà strettamente connesse e che troverebbero soluzione in “una visione sistemica alternativa, che colleghi tutti i tasselli necessari”: il cosiddetto modello della decrescita. Consumo critico e collaborativo, green economy, etica della sobrietà, responsabilità d’impresa, rivoluzione dal basso, autoproduzione sono le parole d’ordine di una transizione – che non solo si profila come inevitabile, ma appare sempre più desiderabile – verso un sistema che “coniughi prosperità, stabilità, giustizia sociale e utilizzo intelligente delle risorse”.

Le direzioni da intraprendere verso tale cambiamento sono due, entrambe fondamentali: “dal basso”, attraverso i comportamenti individuali, e “dall’alto”, con politiche nazionali e internazionali integrate. Campiglio offre una sintetica ma completa panoramica dei due approcci, descrivendo e analizzando esempi di azioni micro e macro: dal movimento per la decrescita felice di Maurizio Pallante all’economia del dono di Serge Latouche, dal consumo critico alla rivoluzione organizzativa a livello locale delle Transition Towns, dalle “banche del tempo” alle varie e spesso ingegnose iniziative per la condivisione di beni e servizi, dai nuovi indicatori di sviluppo come la Felicità Interna Lorda al dibattito internazionale sulla Carbon Tax per disincentivare i comportamenti inquinanti, fino alla Terza Rivoluzione Industriale teorizzata da Jeremy Rifkin e adottata, nei suoi punti programmatici, dal Parlamento Europeo.

Insomma, una fotografia dello stato dell’arte, che ha però il pregio di non dar nulla per scontato,  a cominciare dalle origini della crisi (dalla bolla immobiliare americana in avanti). L’economia buona non è un semplice compendio di buone pratiche, ma un saggio-manuale che ha l’ambizione di fornire gli strumenti (almeno alcuni) per capire la realtà. La platea del dibattito – dice Campiglio – si è infatti oggi allargata: “le questioni economiche non sono più prerogativa di un circolo ristretto di esperti, ma sono aperte alle interpretazioni di singoli cittadini, comunità territoriali, organismi della società civile, studiosi e policy makers”, e “la formazione di un nuovo sistema economico non può che coinvolgere la società in tutta la sua articolazione”. Conviene, dunque, che non ci facciamo trovare impreparati. Del resto, per recuperare quel buon senso che la regina Elisabetta si sarebbe aspettata dal gotha dell’economia internazionale, non solo gli accademici devono scendere dalla torre d’avorio, ma anche la “società civile” deve abbandonare il timore reverenziale verso la sfera dell’economia e imparare a maneggiarne gli strumenti.

Giorgia Marino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende