Home » Idee »Recensioni » Ecologisti per vocazione o per carriera?:

Ecologisti per vocazione o per carriera?

giugno 7, 2010 Idee, Recensioni

Alice Audouin, Courtesy of Kazeo.com

Alice Audouin, scrittrice francese, da anni si occupa di ambiente e di sviluppo sostenibile. Il suo romanzo, «Emilie, ecologista in carriera» pubblicato in Italia da Edizioni Ambiente, affronta le tematiche della green economy attraverso gli occhi di una ragazza che si avvicina ai problemi dello sviluppo sostenibile per ambizioni di carriera e non per vocazione o impegno.

Membro della giuria del Festival Cinemambiente di Torino, la Audouin spiega con lucidità: «È un libro pensato non per specialisti ma per gente che non si è mai avvicinata ai problemi ambientali. E si rivolge in particolare a un pubblico benestante, che è quello che per educazione e potere economico può davvero fare qualcosa per cambiare la situazione».

D) Nel suo romanzo racconta come lo sviluppo sostenibile e l’ambiente stiano diventando un ottimo business. È così?

R) In effetti sono sempre di più le imprese e le corporation che prestano attenzione a questi temi e cercano di trasformarli in opportunità di guadagno. Ma come società civile dobbiamo fare attenzione al fenomeno del greenwashing, che è una sorta di patina superficiale di ambientalismo che le aziende si danno per vendere un prodotto senza però cambiare nulla del loro modo di produrre o di inquinare.

D) Il marketing può essere una risorsa per la green economy?

R) Sì, a patto che si accompagni a scelte aziendali davvero responsabili verso l’ambiente e il territorio. In questo, devo dire, siamo molto in ritardo.

D) Nel suo libro lancia l’idea di un tetto individuale alle emissione di Co2. Di che cosa si tratta e davvero può funzionare?

R) Oggi esiste un mercato sulle quote di emissione di Co2 per le imprese: le aziende hanno un tetto massimo di produzione di anidride carbonica da rispettare e se lo superano possono comprare da imprese più virtuose una sorta di diritto a inquinare. Ebbene, la stessa cosa si potrebbe estendere alle singole persone, ad esempio ipotizzando una soglia di due tonnellate di anidride carbonica all’anno per persona. Faccio notare che negli Stati Uniti un individuo, medimanente, ne produce 12 tonnellate, in Francia 8. L’idea di per sé è realizzabile e inInghilterra ci sono studi di fattibilità abbastanza avanzati. A me sembra una soluzione estrema, un po’ autoritaria, ma se non si trovano altri strumenti, se le persone non si assumono quotidianamente le proprie responsabilità nei confronti del futuro del pianeta un giorno potrebbe essere una misura necessaria.

D) Che consigli pratici può dare a chi volesse ridurre il proprio impatto ambientale?

R) In primo luogo è utile ridurre o eliminare i viaggi in aereo e poi limitare l’uso dell’automobile privata e sfruttare di più i mezzi pubblici. Inoltre si può evitare il consumo di carne ed è bene scegliere cibi “bio”, che vengono coltivati senza pesticidi o concimi derivati dal petrolio.

D) La diffusione sempre maggiore che hanno alimentari “bio”, vestiti di cotone ecologico, e altri prodotti attenti all’ambiente, secondo lei aiutano la diffusione di una coscienza ecologica?

R) Certo. Per un cittadino-consumatore oggi è più facile effettuare scelte commerciali attente all’ambiente e questo, nel lungo termine, può portare a un cambiamento di mentalità.

D) Quanto c’è di autobiografico nel suo romanzo?

R) Alcuni episodi sono realmente accaduti ma io, a differenza di Emilie, mi sono avvicinata alle tematiche green per interesse e convinzione, non per opportunismo. Nel romanzo poi non ho messo il mio punto di vista di militante ambientalista: questo perchè volevo parlare a tutti, non solo agli specialisti, e perché cercavo di porre dei problemi più che fornire soluzioni.

D) Lei vive a Parigi. É una città attenta alla sostenibilità ambientale?

R) L’amministrazione municipale non tanto, invece alcuni quartieri, come ad esempio il 12° o il 14° arrondissement, stanno portando avanti delle forti politiche ambientali. In generale, a Parigi funziona molto bene il trasporto pubblico, e anche il servizio di bike-sharing è efficace».

D) E nel futuro quali progetti ha?

R) Voglio scrivere un nuovo romanzo che, ovviamente, affronterà ancora i temi ambientali.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende