Home » Idee »Recensioni » Ecologisti per vocazione o per carriera?:

Ecologisti per vocazione o per carriera?

giugno 7, 2010 Idee, Recensioni

Alice Audouin, Courtesy of Kazeo.com

Alice Audouin, scrittrice francese, da anni si occupa di ambiente e di sviluppo sostenibile. Il suo romanzo, «Emilie, ecologista in carriera» pubblicato in Italia da Edizioni Ambiente, affronta le tematiche della green economy attraverso gli occhi di una ragazza che si avvicina ai problemi dello sviluppo sostenibile per ambizioni di carriera e non per vocazione o impegno.

Membro della giuria del Festival Cinemambiente di Torino, la Audouin spiega con lucidità: «È un libro pensato non per specialisti ma per gente che non si è mai avvicinata ai problemi ambientali. E si rivolge in particolare a un pubblico benestante, che è quello che per educazione e potere economico può davvero fare qualcosa per cambiare la situazione».

D) Nel suo romanzo racconta come lo sviluppo sostenibile e l’ambiente stiano diventando un ottimo business. È così?

R) In effetti sono sempre di più le imprese e le corporation che prestano attenzione a questi temi e cercano di trasformarli in opportunità di guadagno. Ma come società civile dobbiamo fare attenzione al fenomeno del greenwashing, che è una sorta di patina superficiale di ambientalismo che le aziende si danno per vendere un prodotto senza però cambiare nulla del loro modo di produrre o di inquinare.

D) Il marketing può essere una risorsa per la green economy?

R) Sì, a patto che si accompagni a scelte aziendali davvero responsabili verso l’ambiente e il territorio. In questo, devo dire, siamo molto in ritardo.

D) Nel suo libro lancia l’idea di un tetto individuale alle emissione di Co2. Di che cosa si tratta e davvero può funzionare?

R) Oggi esiste un mercato sulle quote di emissione di Co2 per le imprese: le aziende hanno un tetto massimo di produzione di anidride carbonica da rispettare e se lo superano possono comprare da imprese più virtuose una sorta di diritto a inquinare. Ebbene, la stessa cosa si potrebbe estendere alle singole persone, ad esempio ipotizzando una soglia di due tonnellate di anidride carbonica all’anno per persona. Faccio notare che negli Stati Uniti un individuo, medimanente, ne produce 12 tonnellate, in Francia 8. L’idea di per sé è realizzabile e inInghilterra ci sono studi di fattibilità abbastanza avanzati. A me sembra una soluzione estrema, un po’ autoritaria, ma se non si trovano altri strumenti, se le persone non si assumono quotidianamente le proprie responsabilità nei confronti del futuro del pianeta un giorno potrebbe essere una misura necessaria.

D) Che consigli pratici può dare a chi volesse ridurre il proprio impatto ambientale?

R) In primo luogo è utile ridurre o eliminare i viaggi in aereo e poi limitare l’uso dell’automobile privata e sfruttare di più i mezzi pubblici. Inoltre si può evitare il consumo di carne ed è bene scegliere cibi “bio”, che vengono coltivati senza pesticidi o concimi derivati dal petrolio.

D) La diffusione sempre maggiore che hanno alimentari “bio”, vestiti di cotone ecologico, e altri prodotti attenti all’ambiente, secondo lei aiutano la diffusione di una coscienza ecologica?

R) Certo. Per un cittadino-consumatore oggi è più facile effettuare scelte commerciali attente all’ambiente e questo, nel lungo termine, può portare a un cambiamento di mentalità.

D) Quanto c’è di autobiografico nel suo romanzo?

R) Alcuni episodi sono realmente accaduti ma io, a differenza di Emilie, mi sono avvicinata alle tematiche green per interesse e convinzione, non per opportunismo. Nel romanzo poi non ho messo il mio punto di vista di militante ambientalista: questo perchè volevo parlare a tutti, non solo agli specialisti, e perché cercavo di porre dei problemi più che fornire soluzioni.

D) Lei vive a Parigi. É una città attenta alla sostenibilità ambientale?

R) L’amministrazione municipale non tanto, invece alcuni quartieri, come ad esempio il 12° o il 14° arrondissement, stanno portando avanti delle forti politiche ambientali. In generale, a Parigi funziona molto bene il trasporto pubblico, e anche il servizio di bike-sharing è efficace».

D) E nel futuro quali progetti ha?

R) Voglio scrivere un nuovo romanzo che, ovviamente, affronterà ancora i temi ambientali.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende