Home » Idee »Recensioni » Ecologisti per vocazione o per carriera?:

Ecologisti per vocazione o per carriera?

giugno 7, 2010 Idee, Recensioni

Alice Audouin, Courtesy of Kazeo.com

Alice Audouin, scrittrice francese, da anni si occupa di ambiente e di sviluppo sostenibile. Il suo romanzo, «Emilie, ecologista in carriera» pubblicato in Italia da Edizioni Ambiente, affronta le tematiche della green economy attraverso gli occhi di una ragazza che si avvicina ai problemi dello sviluppo sostenibile per ambizioni di carriera e non per vocazione o impegno.

Membro della giuria del Festival Cinemambiente di Torino, la Audouin spiega con lucidità: «È un libro pensato non per specialisti ma per gente che non si è mai avvicinata ai problemi ambientali. E si rivolge in particolare a un pubblico benestante, che è quello che per educazione e potere economico può davvero fare qualcosa per cambiare la situazione».

D) Nel suo romanzo racconta come lo sviluppo sostenibile e l’ambiente stiano diventando un ottimo business. È così?

R) In effetti sono sempre di più le imprese e le corporation che prestano attenzione a questi temi e cercano di trasformarli in opportunità di guadagno. Ma come società civile dobbiamo fare attenzione al fenomeno del greenwashing, che è una sorta di patina superficiale di ambientalismo che le aziende si danno per vendere un prodotto senza però cambiare nulla del loro modo di produrre o di inquinare.

D) Il marketing può essere una risorsa per la green economy?

R) Sì, a patto che si accompagni a scelte aziendali davvero responsabili verso l’ambiente e il territorio. In questo, devo dire, siamo molto in ritardo.

D) Nel suo libro lancia l’idea di un tetto individuale alle emissione di Co2. Di che cosa si tratta e davvero può funzionare?

R) Oggi esiste un mercato sulle quote di emissione di Co2 per le imprese: le aziende hanno un tetto massimo di produzione di anidride carbonica da rispettare e se lo superano possono comprare da imprese più virtuose una sorta di diritto a inquinare. Ebbene, la stessa cosa si potrebbe estendere alle singole persone, ad esempio ipotizzando una soglia di due tonnellate di anidride carbonica all’anno per persona. Faccio notare che negli Stati Uniti un individuo, medimanente, ne produce 12 tonnellate, in Francia 8. L’idea di per sé è realizzabile e inInghilterra ci sono studi di fattibilità abbastanza avanzati. A me sembra una soluzione estrema, un po’ autoritaria, ma se non si trovano altri strumenti, se le persone non si assumono quotidianamente le proprie responsabilità nei confronti del futuro del pianeta un giorno potrebbe essere una misura necessaria.

D) Che consigli pratici può dare a chi volesse ridurre il proprio impatto ambientale?

R) In primo luogo è utile ridurre o eliminare i viaggi in aereo e poi limitare l’uso dell’automobile privata e sfruttare di più i mezzi pubblici. Inoltre si può evitare il consumo di carne ed è bene scegliere cibi “bio”, che vengono coltivati senza pesticidi o concimi derivati dal petrolio.

D) La diffusione sempre maggiore che hanno alimentari “bio”, vestiti di cotone ecologico, e altri prodotti attenti all’ambiente, secondo lei aiutano la diffusione di una coscienza ecologica?

R) Certo. Per un cittadino-consumatore oggi è più facile effettuare scelte commerciali attente all’ambiente e questo, nel lungo termine, può portare a un cambiamento di mentalità.

D) Quanto c’è di autobiografico nel suo romanzo?

R) Alcuni episodi sono realmente accaduti ma io, a differenza di Emilie, mi sono avvicinata alle tematiche green per interesse e convinzione, non per opportunismo. Nel romanzo poi non ho messo il mio punto di vista di militante ambientalista: questo perchè volevo parlare a tutti, non solo agli specialisti, e perché cercavo di porre dei problemi più che fornire soluzioni.

D) Lei vive a Parigi. É una città attenta alla sostenibilità ambientale?

R) L’amministrazione municipale non tanto, invece alcuni quartieri, come ad esempio il 12° o il 14° arrondissement, stanno portando avanti delle forti politiche ambientali. In generale, a Parigi funziona molto bene il trasporto pubblico, e anche il servizio di bike-sharing è efficace».

D) E nel futuro quali progetti ha?

R) Voglio scrivere un nuovo romanzo che, ovviamente, affronterà ancora i temi ambientali.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende