Home » Idee »Recensioni » Ecologisti per vocazione o per carriera?:

Ecologisti per vocazione o per carriera?

giugno 7, 2010 Idee, Recensioni

Alice Audouin, Courtesy of Kazeo.com

Alice Audouin, scrittrice francese, da anni si occupa di ambiente e di sviluppo sostenibile. Il suo romanzo, «Emilie, ecologista in carriera» pubblicato in Italia da Edizioni Ambiente, affronta le tematiche della green economy attraverso gli occhi di una ragazza che si avvicina ai problemi dello sviluppo sostenibile per ambizioni di carriera e non per vocazione o impegno.

Membro della giuria del Festival Cinemambiente di Torino, la Audouin spiega con lucidità: «È un libro pensato non per specialisti ma per gente che non si è mai avvicinata ai problemi ambientali. E si rivolge in particolare a un pubblico benestante, che è quello che per educazione e potere economico può davvero fare qualcosa per cambiare la situazione».

D) Nel suo romanzo racconta come lo sviluppo sostenibile e l’ambiente stiano diventando un ottimo business. È così?

R) In effetti sono sempre di più le imprese e le corporation che prestano attenzione a questi temi e cercano di trasformarli in opportunità di guadagno. Ma come società civile dobbiamo fare attenzione al fenomeno del greenwashing, che è una sorta di patina superficiale di ambientalismo che le aziende si danno per vendere un prodotto senza però cambiare nulla del loro modo di produrre o di inquinare.

D) Il marketing può essere una risorsa per la green economy?

R) Sì, a patto che si accompagni a scelte aziendali davvero responsabili verso l’ambiente e il territorio. In questo, devo dire, siamo molto in ritardo.

D) Nel suo libro lancia l’idea di un tetto individuale alle emissione di Co2. Di che cosa si tratta e davvero può funzionare?

R) Oggi esiste un mercato sulle quote di emissione di Co2 per le imprese: le aziende hanno un tetto massimo di produzione di anidride carbonica da rispettare e se lo superano possono comprare da imprese più virtuose una sorta di diritto a inquinare. Ebbene, la stessa cosa si potrebbe estendere alle singole persone, ad esempio ipotizzando una soglia di due tonnellate di anidride carbonica all’anno per persona. Faccio notare che negli Stati Uniti un individuo, medimanente, ne produce 12 tonnellate, in Francia 8. L’idea di per sé è realizzabile e inInghilterra ci sono studi di fattibilità abbastanza avanzati. A me sembra una soluzione estrema, un po’ autoritaria, ma se non si trovano altri strumenti, se le persone non si assumono quotidianamente le proprie responsabilità nei confronti del futuro del pianeta un giorno potrebbe essere una misura necessaria.

D) Che consigli pratici può dare a chi volesse ridurre il proprio impatto ambientale?

R) In primo luogo è utile ridurre o eliminare i viaggi in aereo e poi limitare l’uso dell’automobile privata e sfruttare di più i mezzi pubblici. Inoltre si può evitare il consumo di carne ed è bene scegliere cibi “bio”, che vengono coltivati senza pesticidi o concimi derivati dal petrolio.

D) La diffusione sempre maggiore che hanno alimentari “bio”, vestiti di cotone ecologico, e altri prodotti attenti all’ambiente, secondo lei aiutano la diffusione di una coscienza ecologica?

R) Certo. Per un cittadino-consumatore oggi è più facile effettuare scelte commerciali attente all’ambiente e questo, nel lungo termine, può portare a un cambiamento di mentalità.

D) Quanto c’è di autobiografico nel suo romanzo?

R) Alcuni episodi sono realmente accaduti ma io, a differenza di Emilie, mi sono avvicinata alle tematiche green per interesse e convinzione, non per opportunismo. Nel romanzo poi non ho messo il mio punto di vista di militante ambientalista: questo perchè volevo parlare a tutti, non solo agli specialisti, e perché cercavo di porre dei problemi più che fornire soluzioni.

D) Lei vive a Parigi. É una città attenta alla sostenibilità ambientale?

R) L’amministrazione municipale non tanto, invece alcuni quartieri, come ad esempio il 12° o il 14° arrondissement, stanno portando avanti delle forti politiche ambientali. In generale, a Parigi funziona molto bene il trasporto pubblico, e anche il servizio di bike-sharing è efficace».

D) E nel futuro quali progetti ha?

R) Voglio scrivere un nuovo romanzo che, ovviamente, affronterà ancora i temi ambientali.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende