Home » Nazionali »Politiche »Recensioni » Mezzogiorno d’Italia, una miniera per le rinnovabili:

Mezzogiorno d’Italia, una miniera per le rinnovabili

giugno 18, 2010 Nazionali, Politiche, Recensioni

"energia e territorio", Courtesy of srmezzogiorno.itC’è una brevissima favola di Esopo in cui il vento e il sole discutono animosamente per decidere chi sia il più forte: alla fine vince il sole che riesce a vincere la scommessa.

C’è una “favola” moderna, invece, in cui a litigare siamo noi umani mentre la posta in gioco è rappresentata proprio dal sole, dal vento e da tutte le risorse naturali. Che tardiamo a sfruttare nella maniera migliore. 

Si tratta di una ricerca realizzata dall’Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, Energia e territorio, che ha indagato il rapporto tra le regioni del Sud Italia – una vera “miniera per lo sviluppo di fonti rinnovabili” – e le loro scelte energetiche. Un’indagine che Francesco Saverio Coppola, direttore dell’associazione nata per volontà di Intesa Sanpaolo – ha presentato mercoledì nella capitale, raccontando risultati e modello interpretativo: il Mezzogiorno d’Italia rappresenta il 98% di tutto l’eolico italiano in termini di gigawatt prodotti, il 33% dell’energia solare e quasi il 60% di energia da biomasse. Cifre importanti insomma, che danno anche l’idea di una certa vitalità imprenditoriale e dell’interesse che il mondo della finanza nutre per il comparto energetico.

Tutto bene dunque? Naturalmente no. All’analisi del territorio meridionale, così ricco di risorse ambientali, e alla volontà di investimento da parte del decisore pubblico (accanto a forme di partenariato con il settore privato), fanno da contraltare critico i rappresentanti del mondo del credito e quelli dell’imprenditoria (come Edison, Enel, Eni e Terna) che, in qualità di player del settore, sono stati interpellati dai ricercatori, su strategie e politiche da mettere in atto. I ricercatori hanno costruito così un vero e proprio modello interpretativo, sulla base di precisi indicatori, che ha consentito di rilevare l’estrema disomogeneità nel governo delle politiche energetiche tra le otto regioni meridionali. Approvazione del Piano energetico regionale, rapporto tra produzione e consumo di energia, spesa energetica, numero di imprese attive nel settore e relativa dinamicità: ne viene fuori così una sorta di “carta d’identità energetica”, utile a valutare – secondo indici di natura normativa e programmatica, territoriale, finanziaria e di mercato – l’atteggiamento assunto da ciascun territorio regionale nell’ambito del sistema energetico del Paese.

Questi indicatori riguardano altrettante macro aree, ciascuna delle quali corrisponde a una criticità emersa dalla ricerca. La prima riguarda il fronte normativo, che soffre una “frammentazione delle competenze” suddivise negli anni tra Stato e Regioni (ed enti locali), che ha allungato a dismisura tutti i processi di decisionali e autorizzativi (pensiamo, ad esempio, ai numerosi passaggi richiesti per rendere operativo un impianto). Per cui si verifica una contraddizione – tutta italiana – in base alla quale le stesse Regioni, da un lato, sono libere di programmare gli interventi in campo energetico tramite il Piano Energetico Ambientale Regionale (il Pear), che non essendo però vincolante nei contenuti e nei metodi, finisce con l’essere attuato in modo disomogeneo.

Quello che serve al settore è dunque la definizione di una politica energetica che indichi, con precisione, obiettivi e linee guida  allo scopo di coordinare le iniziative centrali con quelle prese a livello regionale e locale. Sul punto, Confindustria chiede, a nome del mondo produttivo, “la riforma del Titolo V della Costituzione” (che prevede la “potestà legislativa concorrente di Stato e Regioni” in materia di trasporto e distribuzione dell’energia). E che, dunque, la materia energetica – con riferimento alle infrastrutture di rete di interesse nazionale – torni alla competenza esclusiva dello Stato.

La seconda area di ricerca è quella relativa al territorio e qui i dati sono piuttosto noti: l’Italia sopporta un costo dell’energia superiore agli altri paesi dell’Unione del 37 % e risulta il primo Paese importatore di energia elettrica al mondo; il suo mix di fonti per la generazione elettrica è fortemente squilibrato a vantaggio del gas (56%) che, insieme al petrolio (6% sono entrambi di importazione, con un ricorso ridotto al carbone (14%) e un apporto delle rinnovabili pari al 18%.

Una posizione, quella italiana sull’energia, che incrociando tutte le coordinate dell’indagine, è corretto definire “vulnerabile”. La dipendenza dall’estero non è dovuta solo all’insufficiente produzione nazionale ma soprattutto al ritardo accumulato nella realizzazione dei nuovi impianti per cui è risultato antieconomico utilizzare quelli vecchi e, addirittura, più conveniente acquistare energia dagli altri paesi.

La ricerca ha riscontrato che, nella distribuzione per aree geografiche della produzione di energia, il Sud gioca un ruolo centrale con il 36% della generazione totale, segue il Nord Ovest con poco più del 30%, il Nord Est con il 20,5% e il Centro con il 13%. Tra le regioni meridionali, la Puglia la fa da padrone con una produzione del 34,2% sul totale del Mezzogiorno, seguita da Sicilia e Sardegna. Quanto alla ripartizione per fonte, sempre in riferimento al Meridione, circa il 91% deriva dal comparto termico, a cui si affiancano, l’idrico e l’eolico. E in tutte le regioni del Sud, la maggior quantità di energia elettrica è assorbita dal settore industriale con il 43% (dato che è in linea con quello nazionale).

Oltre alla dipendenza degli approvvigionamenti, l’altro nodo riguarda  le infrastrutture, con una rete di trasmissione, più densa al Nord ma che, man mano che si scende lungo lo Stivale, si fa sempre più rarefatta, con linee obsolete e poco affidabili: è chiaro che dallo sviluppo della rete dipende anche la stessa capacità di tener testa ai consumi elettrici.

Il relativo potenziamento, su cui è impegnato il gestore della rete di trasmissione, Terna, soffre poi iter autorizzativi lunghi (imputabili anche alla ripartizione di competenze tra i diversi livelli di governo) e l’opposizione degli enti locali interessati alla realizzazione di nuovi progetti. A questo proposito, Terna ha previsto investimenti di sviluppo per 3,3 miliardi di euro da qui al 2014, di cui oltre il 70% concentrati al Centro Sud.

E così si apre anche il capitolo degli ostacoli di natura finanziaria. Si tratta della terza macro area di indagine, da cui dipendono il consolidamento della filiera per le imprese che investono in rinnovabili, ma anche gli stessi investimenti in innovazione tecnologica. L’Italia crea ancora poco in casa e, prevalentemente, importa buona parte della tecnologia riguardante l’eolico e il fotovoltaico: questo significa prezzi alti degli impianti e lunghi tempi di attesa.

Quanto alla distribuzione della spesa per l’energia, tra Centro Nord e Mezzogiorno, nel 2007 le risorse spese dalle Regioni settentrionali sono state pari al 69% contro il 31 del Sud. Ma il capitolo finanziario include anche l’avvio di un piano di sensibilizzazione dei consumatori su efficienza e risparmio energetico e sull’uso efficiente dei fondi comunitari, la cui esistenza è spesso ignorata. E infatti la finanza comunitaria non ha prodotto i risultati sperati: lo dimostrano i dati raccolti dall’indagine: in base all’analisi dei Por (Programma Operativo Regionale: il documento di programmazione per l’utilizzo dei Fondi Strutturali Europei) si evince che la spesa per il settore energetico sul totale, tocca valori minimi (la quota più alta è quella sarda con l’11%, segue la Sicilia con l’8% mentre toccano il valore minimo del 4%, Campania e Puglia).

Interessante, invece, lo spazio che si ritaglia il capitale privato con lo strumento del project financing (che permette la realizzazione di opere pubbliche senza oneri finanziari per la pubblica amministrazione): per il comparto delle energie rinnovabili, nelle otto regioni del Sud Italia, sono state censite ben 80 gare di finanza di progetto per un ammontare complessivo pari a circa 255 milioni di euro. L’indagine territoriale vera e propria ha richiesto il contributo del mondo delle imprese, della finanza, delle associazioni di categoria e delle istituzioni. E c’è un risultato univoco e comune: la chiara indicazione della necessità di una “scelta strategica” nell’utilizzo delle fonti rinnovabili e delle tecnologie altamente efficienti dal punto di vista energetico. Che faccia del Mezzogiorno, il fulcro dello sviluppo di tutto il comparto ma a un’unica condizione: quella di sfruttare il vantaggio competitivo potenziale che il Sud possiede. Un “disegno” complessivo in cui tutti gli attori facciano la propria parte, compreso il mondo del credito che finanzi infrastrutture e imprese attive sul territorio, e ne sostenga l’innovazione – vera leva per la competitività di tutto il sistema.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende