Home » Finanziamenti »Normative »Recensioni » “Energia senza bugie”: nel dossier di APER la verità sulle rinnovabili diventa fumetto:

“Energia senza bugie”: nel dossier di APER la verità sulle rinnovabili diventa fumetto

gennaio 9, 2013 Finanziamenti, Normative, Recensioni

Se in Italia le bollette sono care,  non è certo colpa degli incentivi per le energie rinnovabili. A ribadirlo è APER (l’Associazione Produttori di Energia da Fonte Rinnovabile) che, sull’argomento, intende fare chiarezza e, per questo, ha pubblicato una nuova edizione del dossier (disponibile sul sito internet di APER da dicembre 2012) dal significativo titolo di “Energie senza bugie”.

Con il dossier, APER risponde  a chi ha sostenuto e sostiene la riduzione degli incentivi a favore delle energie rinnovabili, in particolare di quelli del Conto Energia. Secondo i sostenitori delle riduzioni, infatti, i meccanismi di incentivazione porterebbero ad un aggravio dei costi per gli utenti finali dell’energia elettrica, cioè cittadini e imprese, dato che le risorse destinate dallo Stato alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, sotto forma di incentivi, sarebbero recuperate con voci di costo aggiuntive nelle nostre bollette.

Nel dossier, invece, APER analizza l’impatto delle fonti rinnovabili nella bolletta energetica degli italiani presentando costi e benefici legati allo sviluppo di fotovoltaico, idroelettrico, eolico, bioenergie e geotermia in Italia. E si scopre, così, che in bolletta paghiamo ancora per lo smantellamento (il “decommisioning”) delle vecchie centrali nucleari (la voce corrispondente della nostra bolletta è la A2, per un costo totale di 20 milioni di euro) oppure che i grandi consumatori hanno sconti compensati dalle bollette degli altri o, ancora, che sotto la voce rinnovabili, in realtà, si finanzia anche altro. E’ il caso del famigerato CIP6, contributo nato per sostenere le fonti rinnovabili e trasformato in un sussidio per le fonti “assimilate alle rinnovabili”, in realtà quelle che usano gli scarti della lavorazione del petrolio per produrre energia.

Secondo quanto riportato nel dossier, dunque, la parte più consistente dei costi delle nostre bollette è quella rappresentata dalle fonti fossili, passate dal 31% al 57% del totale. Gli incentivi alle rinnovabili, invece, sono soltanto il 13% e, per APER, rappresentano il futuro dell’energia in Italia: i soldi spesi per il sostegno degli impianti che producono energia verde rappresentano già oggi un risparmio nella “fattura energetica italiana”, stimabile tra i 30 e i 76 miliardi di euro, derivante dal non dover dipendere dai fornitori, quasi tutti esteri, di  gas, carbone e petrolio: nel 2011 circa il 76% dell’elettricità ha avuto origine fuori dall’Italia, di cui il 14%  importata dai nostri vicini e il 62% prodotta con i nostri impianti ma con materia prima fossile in gran parte importata. Per il  restante 24% è totalmente Made in Italy, e si tratta di energia da fonti rinnovabili.

Se l’Italia raggiungerà i suoi obiettivi sulle rinnovabili, nel 2020 sarà due volte più indipendente dalle forniture estere. Secondo  APER, infatti, il prezzo del petrolio, negli ultimi dieci anni, è aumentato del 300% e quello del gas del 400%. Oggi, pertanto, per la bolletta elettrica una famiglia tipo paga 524 euro all’anno anziché 338, il 55% in più.  Favorire la produzione in Italia di energia da fonte rinnovabile consentirebbe, dunque, di rendere il nostro Paese indipendente dall’aumento dei prezzi delle fonti fossili nonché più autonomo nell’approvvigionamento energetico dall’estero. Nel 2011, ad esempio, sono stati spesi circa 7,5 miliardi di euro per gli incentivi alle rinnovabili (di cui  il 56% per il fotovoltaico, il 20% per le biomasse, l’11% per l’eolico, l’11% per l’idroelettrico e il 2% per il geotermico). Per far capire l’ordine di grandezza APER affianca alle spese per le rinnovabili quelle per le scommesse e le lotterie. Nel  2011 sono stati giocati in Italia 79,8 miliardi di euro. In pratica un italiano ha speso in media per le scommesse più di 10 volte rispetto a quanto ha speso per  le rinnovabili mentre,  per usare la stessa battuta riportata in una delle vignette che accompagnano il dossier, “L’energia è come la pizza, se la fai in casa ti costa meno !”.

Nel  2011, infatti, è stato raggiunto un record: si sono spesi 59 miliardi di euro per l’approvvigionamento energetico. Soldi finiti in mano ai già ricchi sceicchi arabi e agli oligarchi russi. “Per questo – dice il dossier – a meno che non speri di finanziare il futuro acquisto della tua squadra del cuore da parte di uno di questi signori, non ci sembra proprio un buon affare!!”. Le rinnovabili, invece, oltre ai benefici ambientali, consentirebbero una capillare diffusione sul territorio (la cosiddetta generazione distribuita) in grado di risparmiare anche sui costi di mantenimento della rete elettrica nazionale che pesano oggi in bolletta per il 13% dei costi.

Inoltre, in tempi di crisi economica, le rinnovabili, se saranno rispettati gli impegni della SEN (Strategia Energetica Nazionale), potranno portare a circa 50/60 miliardi di investimenti nei prossimi 8 anni e un totale stimato di 120 mila occupati che, se saranno perseguiti anche gli obiettivi fissati in sede europea da qui al 2020, potranno arrivare anche a 250 mila. “Più di baristi e avvocati”, si dice nel dossier, che oggi in Italia non arrivano a  200 mila.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende