Home » Finanziamenti »Normative »Recensioni » “Energia senza bugie”: nel dossier di APER la verità sulle rinnovabili diventa fumetto:

“Energia senza bugie”: nel dossier di APER la verità sulle rinnovabili diventa fumetto

gennaio 9, 2013 Finanziamenti, Normative, Recensioni

Se in Italia le bollette sono care,  non è certo colpa degli incentivi per le energie rinnovabili. A ribadirlo è APER (l’Associazione Produttori di Energia da Fonte Rinnovabile) che, sull’argomento, intende fare chiarezza e, per questo, ha pubblicato una nuova edizione del dossier (disponibile sul sito internet di APER da dicembre 2012) dal significativo titolo di “Energie senza bugie”.

Con il dossier, APER risponde  a chi ha sostenuto e sostiene la riduzione degli incentivi a favore delle energie rinnovabili, in particolare di quelli del Conto Energia. Secondo i sostenitori delle riduzioni, infatti, i meccanismi di incentivazione porterebbero ad un aggravio dei costi per gli utenti finali dell’energia elettrica, cioè cittadini e imprese, dato che le risorse destinate dallo Stato alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, sotto forma di incentivi, sarebbero recuperate con voci di costo aggiuntive nelle nostre bollette.

Nel dossier, invece, APER analizza l’impatto delle fonti rinnovabili nella bolletta energetica degli italiani presentando costi e benefici legati allo sviluppo di fotovoltaico, idroelettrico, eolico, bioenergie e geotermia in Italia. E si scopre, così, che in bolletta paghiamo ancora per lo smantellamento (il “decommisioning”) delle vecchie centrali nucleari (la voce corrispondente della nostra bolletta è la A2, per un costo totale di 20 milioni di euro) oppure che i grandi consumatori hanno sconti compensati dalle bollette degli altri o, ancora, che sotto la voce rinnovabili, in realtà, si finanzia anche altro. E’ il caso del famigerato CIP6, contributo nato per sostenere le fonti rinnovabili e trasformato in un sussidio per le fonti “assimilate alle rinnovabili”, in realtà quelle che usano gli scarti della lavorazione del petrolio per produrre energia.

Secondo quanto riportato nel dossier, dunque, la parte più consistente dei costi delle nostre bollette è quella rappresentata dalle fonti fossili, passate dal 31% al 57% del totale. Gli incentivi alle rinnovabili, invece, sono soltanto il 13% e, per APER, rappresentano il futuro dell’energia in Italia: i soldi spesi per il sostegno degli impianti che producono energia verde rappresentano già oggi un risparmio nella “fattura energetica italiana”, stimabile tra i 30 e i 76 miliardi di euro, derivante dal non dover dipendere dai fornitori, quasi tutti esteri, di  gas, carbone e petrolio: nel 2011 circa il 76% dell’elettricità ha avuto origine fuori dall’Italia, di cui il 14%  importata dai nostri vicini e il 62% prodotta con i nostri impianti ma con materia prima fossile in gran parte importata. Per il  restante 24% è totalmente Made in Italy, e si tratta di energia da fonti rinnovabili.

Se l’Italia raggiungerà i suoi obiettivi sulle rinnovabili, nel 2020 sarà due volte più indipendente dalle forniture estere. Secondo  APER, infatti, il prezzo del petrolio, negli ultimi dieci anni, è aumentato del 300% e quello del gas del 400%. Oggi, pertanto, per la bolletta elettrica una famiglia tipo paga 524 euro all’anno anziché 338, il 55% in più.  Favorire la produzione in Italia di energia da fonte rinnovabile consentirebbe, dunque, di rendere il nostro Paese indipendente dall’aumento dei prezzi delle fonti fossili nonché più autonomo nell’approvvigionamento energetico dall’estero. Nel 2011, ad esempio, sono stati spesi circa 7,5 miliardi di euro per gli incentivi alle rinnovabili (di cui  il 56% per il fotovoltaico, il 20% per le biomasse, l’11% per l’eolico, l’11% per l’idroelettrico e il 2% per il geotermico). Per far capire l’ordine di grandezza APER affianca alle spese per le rinnovabili quelle per le scommesse e le lotterie. Nel  2011 sono stati giocati in Italia 79,8 miliardi di euro. In pratica un italiano ha speso in media per le scommesse più di 10 volte rispetto a quanto ha speso per  le rinnovabili mentre,  per usare la stessa battuta riportata in una delle vignette che accompagnano il dossier, “L’energia è come la pizza, se la fai in casa ti costa meno !”.

Nel  2011, infatti, è stato raggiunto un record: si sono spesi 59 miliardi di euro per l’approvvigionamento energetico. Soldi finiti in mano ai già ricchi sceicchi arabi e agli oligarchi russi. “Per questo – dice il dossier – a meno che non speri di finanziare il futuro acquisto della tua squadra del cuore da parte di uno di questi signori, non ci sembra proprio un buon affare!!”. Le rinnovabili, invece, oltre ai benefici ambientali, consentirebbero una capillare diffusione sul territorio (la cosiddetta generazione distribuita) in grado di risparmiare anche sui costi di mantenimento della rete elettrica nazionale che pesano oggi in bolletta per il 13% dei costi.

Inoltre, in tempi di crisi economica, le rinnovabili, se saranno rispettati gli impegni della SEN (Strategia Energetica Nazionale), potranno portare a circa 50/60 miliardi di investimenti nei prossimi 8 anni e un totale stimato di 120 mila occupati che, se saranno perseguiti anche gli obiettivi fissati in sede europea da qui al 2020, potranno arrivare anche a 250 mila. “Più di baristi e avvocati”, si dice nel dossier, che oggi in Italia non arrivano a  200 mila.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende