Home » Recensioni » “Eventi estremi”: la sottile analogia tra clima e finanza:

“Eventi estremi”: la sottile analogia tra clima e finanza

novembre 3, 2011 Recensioni

Turbolenze sui mercati finanziari annunciate dopo l’ennesimo crollo delle Borse europee e turbolenza atlantica in arrivo sull’Europa del Sud come previsione del servizio Meteo di Sky per lo stesso giorno del novembre 2010. Così si apre lo stimolante saggio di Tonino Perna, dal titolo Eventi estremi. Come salvare il pianeta e noi stessi dalle tempeste climatiche e finanziarie”, pubblicato da Altreconomia Edizioni.

Il linguaggio di economia e clima sembra infatti essere diventato comune, le stesse parole raccontano processi e meccanismi talmente “simili” da portare a pensare che siano collegati da una medesima causa madre: “fluttuazioni giganti provocate da una fortissima accelerazione dei processi”.

Un punto di vista nuovo, un’analisi originale e mai sentita, un paragone che lascia basiti inizialmente, che incuriosisce e che viene spiegato e motivato in modo convincente dall’autore, economista e sociologo, docente di Sociologia Economica presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli studi di Messina.

Innanzitutto è il tempo - il momento in cui questi eventi estremi avvengono - che li accomuna. Contemporanei ai nostri tempi, la grandiosità e le dimensioni di questi fenomeni sono indice di due sistemi – quello economico e quello ambientale – che stanno crollando e, anche, che si condizionano a vicenda. Non è un caso, quindi.

La speculazione finanziaria sfrutta i mutamenti climatici come -nell’economia reale – governi e grandi imprese sfruttano i disastri naturali per rafforzare il loro potere. Si può affermare, senza tema di smentite, che la crisi ambientale dà una mano all’espansione del capitalismo finanziario, ma ha un costo sempre più insopportabile per la maggioranza della popolazione”. Nell’estate del 2010, per citare uno degli esempi del testo, l’alluvione che ha colpito il Pakistan ha obbligato 12 milioni di persone a lasciare le campagne per recarsi nelle periferie delle città. I consumi urbani e le attività economiche cittadine hanno un’impronta ecologica maggiore rispetto ai consumi rurali e questo trasferimento di massa non ha fatto altro che aumentare la CO2 emessa nel Paese.

Altre volte è addirittura il mercato stesso la causa di tante carestie. Ne è un esempio palese la Cina, che con il suo sviluppo sconsiderato e irragionevole sta depredando il proprio territorio e mettendo a rischio il benessere di mezzo mondo. Con l’obiettivo di crescere e produrre, la Cina è oggi un paese ecologicamente devastato, ma ne è consapevole e, astutamente, si porta avanti nella previsione dell’impoverimento delle proprie terre. “La strategia del governo cinese è ormai chiara: procurarsi, nel resto del mondo, terreni agricoli e allevamenti zootecnici per sopperire al deficit presente e soprattutto futuro”. Questo comporta condizioni di vita (benessere, istruzione, servizi sociali) già oggi pessime nelle campagne cinesi, un futuro peggioramento delle condizioni di vita nelle campagne controllate dalla Cina in altri paesi del mondo e un controllo economico e sociale da parte di una unica grande potenza, possibile causa di privilegi e conflitti anche sociali.

Il quadro è chiaro e decisamente poco ottimistico. Gli eventi estremi delle economie e del clima stanno creando un sistema sbilanciato e pericoloso, pronto a scoppiare. È necessaria un’economia altra, diversa, più sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale, per salvare “Gaia” e i suoi abitanti.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende