Home » Recensioni » Farsi un’idea last minute. Il libro di De Paoli sul nucleare:

Farsi un’idea last minute. Il libro di De Paoli sul nucleare

giugno 13, 2011 Recensioni

Si chiuderà oggi alle 15 la consultazione referendaria in cui gli italiani sono chiamati a votare, tra gli altri quesiti, anche per la produzione di energia da fonte elettronucleare - il tema che, verosimilmente porterà più elettori alle urne.

Parlare e scrivere di energia nucleare non è affatto facile, e dovrebbe essere un esercizio riservato a pochi compenti. Farlo poi in maniera obiettiva  - senza eccedere nelle critica, spesso strumentale, o nell’esaltazione, spesso decontestualizzata e ancor più asservita ad una vana gloria – è davvero merce rara. Da quando, il 22 maggio 2008, l’allora ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, proclamò il nucleare davanti agli industriali riuniti nell’assemblea annuale si è sviluppato alla grande quello che, almeno per l’Italia, è l’unico indotto certo del nucleare: libri e convegni – i secondi, per la verità, spesso più equilibrati dei primi. Sì, perché tra i numerosissimi libri, ben pochi sono quelli che permettono al lettore di farsi un’idea compiuta sulla materia. Tra questi vi è senz’altro “L’energia nucleare – Costi e benefici di una tecnologia controversa” (Edizioni Il Mulino, pp. 152, € 9,80), di Luigi De Paoli professore di Economica dell’Energia e dell’Ambiente all’Università Bocconi di Milano.

Pur di provenienza bocconiana l’autore, di formazione, è però ingegnere nucleare, ragione che spiega perché il testo non si limita ad analizzare la questione sotto il profilo economico. Ampio spazio è dedicato alla trattazione dei principali problemi tecnici, con una notevole capacità di coniugare sintesi e correttezza scientifica. Anche perché non è certo facile, in così poche pagine, fornire in modo esauriente e corredato da dati, tutte le principali nozioni di base sull’energia nucleare, necessarie alla comprensione di una tecnologia che, oltre ad essere controversa, è estremamente complessa. O forse così controversa proprio perché molto complessa, come ha già avuto modo di scrivere Giovan Battista Zorzoli, altro grande esperto del tema. Molti dimenticano o non vogliono ricordare, del resto, che l’energia nucleare è nata sotto la cattiva stella dell’arma che può distruggere il mondo.

Il libro di De Paoli è uscito pochi giorni dopo il disastro nella centrale giapponese di Fukushima e da allora (non poteva essere diversamente), il dibattito si spostato sulla sicurezza e sugli effetti biologici della radioattività, dove quelli che erano vecchi timori sono ridiventati vive paure, sufficienti, da sole, a far pendere, la bilancia dalla parte dell’abrogazione di ogni futura possibilità di ricorrere all’energia da fonte nucleare.

De Paoli, da “tecnico”, non si limita ovviamente ai timori istintivi, ma, pur convinto dell’elevato livello di sicurezza raggiunto dai nuovi impianti nucleari, non manca di svolgere una serrata critica all’approccio probabilistico che si è affiancato alla tradizionale metodologia della “difesa in profondità” - elementi dove appunto vanno trovate le cause dell’incidente giapponese. L’autore si sofferma molto e si misura con il problema dell’accettabilità sociale, dimostrando attenzione e rispetto verso le motivazioni dell’opinione pubblica, che non può essere ignorata su questioni di questa portata. I fatti di questi ultimi giorni – uscita dal nucleare di Germania e Svizzera, proteste e malcontento diffusi altrove – sembrano dar ragione all’autore.

Nel caso dell’Italia, la situazione è anche più intricata, tanto che è sembrato, in più occasioni, che la produzione di energia nucleare più che un fine fosse un mezzo di distrazione di massa… Il modus operandi del governo intorno alla questione referendaria ne è stato quasi una certificazione. Anche se il quorum di ieri sera era già al 41% (risultato che fa ben sperare), non è quindi possibile escludere che di nucleare si torni a parlare. Avere perciò un volumetto del genere in casa non potrà che essere d’aiuto per evitare facili raggiri.

Antonio Sileo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende