Home » Provati per voi »Recensioni » Girandolo, un seggiolone in legno PEFC che non finisce di stupire:

Girandolo, un seggiolone in legno PEFC che non finisce di stupire

aprile 19, 2012 Provati per voi, Recensioni

L’ho scoperto al Fuori Salone del Mobile di Milano, dove è in esposizione allo spazio KidsRoomZoom2 di via Mellerio 1, e mi ha subito conquistato. Per la sua forma originale e il design attentamente studiato, ma anche per la passione con cui la sua creatrice, Stefania Omodeo, mamma e designer di Casale Monferrato, ne racconta la genesi. Ti accorgi subito di essere di fronte a un prodotto “genuino”, nato per soddisfare un bisogno e non per indurlo.  Girandolo è un seggiolone multifunzione per bambini che, a seconda di come lo si ribalta, può anche diventare una barchetta a dondolo o un tavolino con seggiola incorporata, per disegnare o anche per mangiare.

Il prodotto viene consegnato smontato, in una scatola di cartone che ne riduce l’ingombro dell’80%, limitando il carico e i costi di trasporto. Seguendo le istruzioni all’interno (precise e scaricabili anche sul sito Girandolo.net) lo si monta in una ventina di minuti, anche senza essere dei maghi della manualità. Ma chi ama il “fai da te” può anche risparmiare sul prezzo (196 euro invece di 285), ordinando la versione “Naturale“, in legno grezzo, e poi realizzando in proprio le finiture a cera o colore e il cuscino, secondo le indicazioni fornite dal produttore nella sezione “Come si fa“.

Tutti i seggioloni sono realizzati interamente in legno massello di pioppo da foreste europee certificate PEFC e con collanti privi di formaldeide. Anche le vernici delle versioni colorate sono composte con materie prime naturali atossiche e i tessuti del cuscino sono 100% cotone bio da commercio Fair Trade, filati e tinti in Italia da aziende tessili locali.


Girandolo, studiato per bambini dai 6 ai 36 mesi, è conforme alle direttive europee sulla sicurezza CE EN 14988 e, nonostante la forma inconsueta, è decisamente stabile anche nella sua posizione verticale di seggiolone. Per massima precauzione il produttore consiglia tuttavia di utilizzarlo sempre con la supervisione di un adulto e riservare gli altri utilizzi ai bambini di almeno 3 anni. Io l’ho testato con mio figlio di 2 anni e posso dire che le funzioni “proprie” (barchetta a dondolo e tavolino) sono apprezzatissime e molto sicure, mentre è bene dare un occhio per prevenire i rischi di utilizzo improprio insiti nella creatività e curiosità del bambino, come la scalata dalla seggiola al piano del tavolino, per alzarsi in piedi di slancio, come se si fosse conquistata la vetta della montagna.

Girandolo viene prodotto secondo un processo in parte industriale e in parte artigianale, in serie limitate da 50 pezzi, per non immettere sul mercato quantità superiori alle richieste (secondo uno spirito rigorosamente anticonsumistico). In segheria avviene la prima fase di lavorazione, dall’arrivo dei tronchi al taglio a controllo numerico, per passare poi direttamente allo Studio Omodeo, dove avviene la finitura artigianale, che consente maggiore accuratezza e l’uso di prodotti ecosostenibili, che sarebbero difficilmente adottabili industrialmente.

Il prodotto è in vendita, ad un prezzo sempre uguale e definito dal produttore, sul sito Girandolo.net, in alcuni negozi specializzati del Piemonte e, da oggi (visto il nostro entusiasmo), anche via e-commerce, con spedizione in tutta l’Unione Europea, su Greencommerce. Il prezzo per la versione grezza, da rifinire per conto proprio, è 196 euro, 240 euro per la versione in colore naturale trattata a cera, 269 euro per le versioni colorate e 45 euro in più per il cuscino, necessario per i bambini più piccoli e vivamente consigliato anche per quelli più grandi, per non sacrificarli a una seduta altrimenti troppo spartana.

Andrea Gandiglio, provato il 18.04.2012

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende