Home » Recensioni » “Good things to do”: la scommessa di Samsø, avanguardia della Danimarca:

“Good things to do”: la scommessa di Samsø, avanguardia della Danimarca

novembre 13, 2013 Recensioni

Vivere di energia rinnovabile al 100%. È questo l’obiettivo che si è posto, entro il 2050, il governo danese, che intanto si è già aggiudicato il prestigioso premio Gifts to the Earth, assegnato dal WWF a quelle nazioni, imprese e altre organizzazioni che dimostrino di contribuire in modo significativo alla conservazione dell’ambiente. “La Danimarca è la dimostrazione  che è possibile sviluppare una società sostenibile e al tempo stesso garantire la crescita economica e il benessere. Come organizzazione globale per la conservazione, il WWF riconosce la leadership danese su questa importante questione”, dice Jim Leape Direttore Generale del WWF Internazionale. Una leadership che è stata protagonista anche del documentario Good things to do di Barbara Ferrari e Thomas Peres, realizzato nel 2012 e recentemente premiato all’edizione 2013 del Clorofilla Film Festival curato da Legambiente.

Il documentario racconta l’interessante caso di Samsø, un’isola danese situata nel Kattegat, con poco più di 4.000 abitanti, che dal 1997 non utilizza più combustibili fossili grazie a un impianto di pannelli solari e pale eoliche offshore e in terraferma. “Una mattina abbiamo letto un trafiletto sul giornale – ci racconta Barbara Ferrari – che illustrava brevemente questo progetto. Lo abbiamo subito considerato un esperimento estremamente interessante e abbiamo iniziato a cercare più informazioni. Trovati i contatti e pianificato il viaggio, a fine settembre siamo partiti!”. La scommessa di questo piccolo comune è ambiziosa: diventare un esempio da replicare su grande scala, per avviare l’intera nazione verso l’indipendenza energetica.

Come ci spiega Barbara: “Se si analizzano le risorse rinnovabili presenti sul territorio e le si trasformano con le attuali tecnologie disponibili si può riprodurre questo esperimento in moltissime altre situazioni. La percentuale del fabbisogno energetico globale che potrebbe in futuro essere soddisfatta dalle rinnovabili è ovviamente proporzionale all’impegno che i governi decideranno di dedicare alla questione… Ma aldilà del raggiungimento dell’obiettivo 100%, anche una fetta consistente della produzione rappresenterebbe un miglioramento e una prima conquista”.

La pellicola mostra le soluzioni adottate da Samsø non solo rispetto a energia eolica e solare, ma anche per quanto riguarda l’uso di biomassa, prodotta interamente dall’isola stessa: 3 Kg di paglia danno la stessa quantità di energia di 1 kg di petrolio ma a costi inferiori, con una produzione locale maggiormente controllata e con evidenti benefici sia per l’economia sia per l’ambiente.

Good things to do ha il merito di mettere in evidenza due elementi fondamentali, estremamente importanti: come racconta Barbara, “durante le riprese abbiamo conosciuto molte persone con un forte senso della comunità (da questo punto di vista ci sarebbe molto da imparare per noi italiani) e inserite in un’organizzazione sociale molto efficiente”. Il primo elemento vincente del modello Samsø sta dunque nel senso di appartenenza della popolazione: solo coinvolgendo in prima persona tutti i suoi abitanti Samsø ha ottenuto un interesse costante per le questioni energetiche comuni. Ecco perché è stata offerta ai singoli cittadini la possibilità di partecipare all’acquisto delle pale. Diventando co-proprietari dell’impianto eolico, tutti sono motivati a seguirne gli sviluppi e a tenerlo in buone condizioni. Perché – e qui subentra il secondo principio fondamentale – ciò che spinge queste persone a occuparsi attivamente dell’impianto è curarne l’applicazione pratica e il vantaggio concreto che ne consegue. Un contadino investe nell’acquisto di una pala perché vendendo la sua percentuale di energia guadagna di più che con la sua attività rurale. Un risultato concreto cui si aggiunge anche l’aspetto positivo di fare qualcosa di positivo per l’ambiente e la collettività.

Aggiunge la regista del documentario: “I cittadini danesi sono pochi, ma hanno un contatto diretto con le loro istituzioni, con chi li rappresenta. La cosa che più li distingue dal resto del mondo è che sono sempre aggiornati, puntano a informare e informarsi ed essendo pochi hanno molte più possibilità di realizzare progetti sostenuti dalle istituzioni stesse. Nel resto del mondo dovrebbe diffondersi la stessa cultura ambientale che è stata trasmessa ai cittadini danesi. Bisognerebbe partire dalle scuole e dai singoli cittadini, crescere generazioni più consapevoli. In Italia, ad esempio, le realtà green sono quasi tutte iniziative portate avanti da singoli che si sono informati. Quello che realmente ci manca è il supporto delle istituzioni”.

Il documentario prosegue raccontando i dintorni di Samsø, non meno interessanti. Dalla vita quotidiana di Hortjshøj, un villaggio a emissioni zero, all’attività della sede dell’Ove, l’organizzazione danese per l’energia rinnovabile, che punta a rendere la Danimarca 100% rinnovabile già entro il 2030, vent’anni prima rispetto al termine che si è posto il governo! Chissà che non vincano loro la scommessa.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende