Home » Recensioni » Green Banking: dal marketing al societing:

Green Banking: dal marketing al societing

febbraio 2, 2011 Recensioni

green-bankingE’ ormai noto che anche il settore bancario intende avvicinarsi alle istanze della cosiddetta green economy. Dagli anni Novanta ad oggi, il contesto culturale e di coscienza civica  è infatti notevolmente maturato, con inevitabili ripercussioni sull’agire economico: oggi il prezzo del prodotto e il profitto che genera non possono più rappresentare gli unici criteri di valutazione e soddisfazione per il consumatore e, di conseguenza, non possono nemmeno risultare i parametri esclusivi per la valutazione di una gestione aziendale. Ogni processo, strategia e risultato aziendale deve dunque essere valutato, ormai, in rapporto agli effetti generati su tutti gli stakeholder, i portatori di interesse, del contesto di riferimento.

In un’epoca in cui il consumatore si dimostra decisamente più riflessivo e critico, anche le banche e l’intero sistema finanziario devono quindi perseguire l’obiettivo della responsabilità sociale, senza che ciò significhi tuttavia aumento dei costi e perdite di profitto. II marketing finanziario è dunque costretto a cambiare perché sta cambiando la società: affermazione apparentemente semplice, che nasconde però una complessità non adeguatamente analizzata, ma molto spesso banalizzata.

Questo nuovo tipo di approccio è oggetto del libro “Green Banking”, edito da Franco Angeli, in cui sono chiamati ad offrire il proprio contributo giornalisti, docenti ed esperti. Il coordinamento della discussione è di Marco Fedeli, direttore di Globiz e docente di Marketing ed Economia Aziendale all’Università di Genova.

Fra gli interventi salienti raccolti nel volume quelli di Angelo Perrino, direttore e fondatore del quotidiano online Affari Italiani, sulla RSI (Responsabilità Sociale d’Impresa), di Maurizio Belpietro, direttore di Libero, di Pasquale De Vita, presidente di Confindustria Energia, di Angelo Gentili, segretario nazionale di Legambiente e di Umberto Paolucci vicepresidente di Microsoft.

Il dibattito ruota intorno alla possibilità stessa di coniugare business e sviluppo sostenibile. Il “green banking” e la responsabilità sociale, infatti, non dovrebbero essere studiati solo per accontentare alcune coscienze, ma per risultare anche efficaci economicamente. La ristrutturazione di mentalità e visione offre alle banche e alle imprese l’opportunità di accreditarsi come attori credibili e affidabili nelle diverse community, sempre più interessate a nuovi modelli di sviluppo e benessere che oltrepassino la mera materialità. Fedeli ricorre, in questo caso, al concetto di “societing” già elaborato dal sociologo dei consumi Giampaolo Fabris, compianto creatore del blog Societingblog.

Investire su tecnologie e procedure innovative, evolutive e ecosostenibili, definisce un nuovo scenario di business pulito, che non nuoce alla collettività. Le banche e le imprese dovrebbero dunque mettere a punto modelli di business più efficaci e performanti per rispondere ai nuovi bisogni del consumatore, per evitare di rimanere anacronistiche rispetto alla “vision” della società e del mondo che sta emergendo.

Per comprendere concretamente di cosa si sta parlando, nell’ultima sezione del libro, sono illustrate alcune “best practices” di banche – sia quelle medio-piccole che puntano sul localismo ed il radicamento, sia i grandi gruppi. Una scheda è dedicata all’investimento di Intesa Sanpaolo per l’installazione di impianti fotovoltaici e la formazione professionale riguardante la loro gestione; un’altra a Montepaschi e al suo impegno per la promozione delle energie rinnovabili e del risparmio energetico; quella conclusiva alle iniziative ambientali di UniCredit.

Il dibattito resta comunque aperto e destinato a occupare un posto fisso nell’agenda pubblica, viste le criticità “etiche” che ancora vedono coinvolti i grandi gruppi bancari, talvolta incerti nella scelta tra le generiche iniziative isolate di beneficenza e un reale programma di cambiamento sistemico. Il lavoro di Marco Fedeli ha comunque il merito di sollecitare la riflessione su queste tematiche e tentare di sistematizzare l’approccio alla sostenibilità, non solo ambientale, del sistema bancario.

Gaetano Farina

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende