Home » Recensioni » Green Banking: dal marketing al societing:

Green Banking: dal marketing al societing

febbraio 2, 2011 Recensioni

green-bankingE’ ormai noto che anche il settore bancario intende avvicinarsi alle istanze della cosiddetta green economy. Dagli anni Novanta ad oggi, il contesto culturale e di coscienza civica  è infatti notevolmente maturato, con inevitabili ripercussioni sull’agire economico: oggi il prezzo del prodotto e il profitto che genera non possono più rappresentare gli unici criteri di valutazione e soddisfazione per il consumatore e, di conseguenza, non possono nemmeno risultare i parametri esclusivi per la valutazione di una gestione aziendale. Ogni processo, strategia e risultato aziendale deve dunque essere valutato, ormai, in rapporto agli effetti generati su tutti gli stakeholder, i portatori di interesse, del contesto di riferimento.

In un’epoca in cui il consumatore si dimostra decisamente più riflessivo e critico, anche le banche e l’intero sistema finanziario devono quindi perseguire l’obiettivo della responsabilità sociale, senza che ciò significhi tuttavia aumento dei costi e perdite di profitto. II marketing finanziario è dunque costretto a cambiare perché sta cambiando la società: affermazione apparentemente semplice, che nasconde però una complessità non adeguatamente analizzata, ma molto spesso banalizzata.

Questo nuovo tipo di approccio è oggetto del libro “Green Banking”, edito da Franco Angeli, in cui sono chiamati ad offrire il proprio contributo giornalisti, docenti ed esperti. Il coordinamento della discussione è di Marco Fedeli, direttore di Globiz e docente di Marketing ed Economia Aziendale all’Università di Genova.

Fra gli interventi salienti raccolti nel volume quelli di Angelo Perrino, direttore e fondatore del quotidiano online Affari Italiani, sulla RSI (Responsabilità Sociale d’Impresa), di Maurizio Belpietro, direttore di Libero, di Pasquale De Vita, presidente di Confindustria Energia, di Angelo Gentili, segretario nazionale di Legambiente e di Umberto Paolucci vicepresidente di Microsoft.

Il dibattito ruota intorno alla possibilità stessa di coniugare business e sviluppo sostenibile. Il “green banking” e la responsabilità sociale, infatti, non dovrebbero essere studiati solo per accontentare alcune coscienze, ma per risultare anche efficaci economicamente. La ristrutturazione di mentalità e visione offre alle banche e alle imprese l’opportunità di accreditarsi come attori credibili e affidabili nelle diverse community, sempre più interessate a nuovi modelli di sviluppo e benessere che oltrepassino la mera materialità. Fedeli ricorre, in questo caso, al concetto di “societing” già elaborato dal sociologo dei consumi Giampaolo Fabris, compianto creatore del blog Societingblog.

Investire su tecnologie e procedure innovative, evolutive e ecosostenibili, definisce un nuovo scenario di business pulito, che non nuoce alla collettività. Le banche e le imprese dovrebbero dunque mettere a punto modelli di business più efficaci e performanti per rispondere ai nuovi bisogni del consumatore, per evitare di rimanere anacronistiche rispetto alla “vision” della società e del mondo che sta emergendo.

Per comprendere concretamente di cosa si sta parlando, nell’ultima sezione del libro, sono illustrate alcune “best practices” di banche – sia quelle medio-piccole che puntano sul localismo ed il radicamento, sia i grandi gruppi. Una scheda è dedicata all’investimento di Intesa Sanpaolo per l’installazione di impianti fotovoltaici e la formazione professionale riguardante la loro gestione; un’altra a Montepaschi e al suo impegno per la promozione delle energie rinnovabili e del risparmio energetico; quella conclusiva alle iniziative ambientali di UniCredit.

Il dibattito resta comunque aperto e destinato a occupare un posto fisso nell’agenda pubblica, viste le criticità “etiche” che ancora vedono coinvolti i grandi gruppi bancari, talvolta incerti nella scelta tra le generiche iniziative isolate di beneficenza e un reale programma di cambiamento sistemico. Il lavoro di Marco Fedeli ha comunque il merito di sollecitare la riflessione su queste tematiche e tentare di sistematizzare l’approccio alla sostenibilità, non solo ambientale, del sistema bancario.

Gaetano Farina

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende