Home » Recensioni » Green Italy: come superare la crisi pensando in verde:

Green Italy: come superare la crisi pensando in verde

marzo 20, 2012 Recensioni

Venticinque storie da Nord a Sud di imprese, istituzioni e associazioni italiane che hanno saputo andare oltre la difficoltà trovando la chiave non solo per risalire la china, ma anche per diventare nuova eccellenza. Questo il corpo centrale di Green Italy, il nuovo libro di Ermete Realacci, edito da Chiarelettere e uscito a febbraio in libreria.

L’autore – ambientalista e parlamentare, presidente onorario di Legambiente – ha voluto scrivere un libro dall’ottimismo controcorrente, per dimostrare che la solita affermazione “la crisi è un’opportunità” non è vuota di significato e soprattutto non è vuota né di persone né di valori. Come sostiene infatti Ivan Lo Bello, presidente di Confindustria Sicilia, nella prefazione al volume “Viviamo la fase più complessa e difficile della nostra storia repubblicana. Mai come ora crisi economica e morale si sono intrecciate, in una profonda recessione che ha radici nazionali e internazionali. Per questo abbiamo bisogno di idee nuove come quelle proposte in questo libro: per mettere in moto le energie migliori del paese e affrontare la crisi”. Un invito accorato, non di maniera.

Realacci vuole sottolineare che il nostro paese ha già il proprio futuro in mano, deve solo rendersi conto che la risposta alla crisi sta nella green economy. “Ce la possiamo fare, se perseguiremo con convinzione la riconversione ecologica della nostra economia, dei consumi e degli stili di vita, scommettendo su una green economy tricolore, che sposi i saperi e le vocazioni nazionali […] Ce la faremo se sapremo innovare senza dimenticare chi siamo, e senza dimenticare i più deboli. Se torneremo, insomma, a fare l’Italia”.

Ciò che l’autore scrive è validato, al di là di ogni ideologia, da ben venticinque case history che, nei settori più diversi – dalla chimica all’artigianato, dalle fonti rinnovabili alla produzione di arredi – raccontano come un momento di difficoltà o una scelta operata per caso si sono trasformati nella possibilità di adattare, ad applicazioni differenti, il know how acquisito. Entrando in nuovi mondi dove produrre in modo sostenibile è possibile e ottenendo livelli di eccellenza riconosciuti internazionalmente.

Comune denominatore di queste storie è la capacità di “vestire a nuovo” vocazioni e tradizioni nazionali passando attraverso l’ampia cruna di opportunità della green economy. La lungimiranza di puntare su qualità, ricerca e conoscenza per produrre un’economia più sostenibile e innovativa. Come afferma Gabriele Centazzo, presidente e designer di Valcucine, insignito, nel 2011, con il Premio dei Premi per l’Innovazione dal Presidente Giorgio Napolitano,C’è solo una fabbrica a impatto zero. L’energia che usa deriva al cento per cento dal sole. Produce legno, utilizza come materie prime l’anidride carbonica e le sostanze nutritive della terra. I suoi rifiuti sono l’ossigeno e le foglie. È l’albero. Noi ci ispiriamo a quella fabbrica”.

Lo spaccato che ci offre Realacci è quello di un’Italia silenziosa e nascosta, ancorata alle sue radici ma in grado di proiettarsi nel futuro scommettendo ancora una volta sul capitale umano e sul Made in Italy. L’autore ha scelto di metterla in luce perché possa essere di ispirazione, nonché regalare una dose di fiducia: “una rassegna di casi come quelli presentati in Green Italy – scrive nella postfazione Alberto Meomartini, presidente Assolombarda – diventa, allora, un mattone di grande valore: fatti e realtà – tutt’affatto il contrario di sogni, immagini, utopie – offerti sotto una descrizione che ne pone in luce tratti caratteristici che le affermano come novità e come possibilità, come esempi passibili di espansione, riproduzione. La strada che Ermete Realacci ci propone, che leggiamo in filigrana dietro queste venticinque storie d’eccellenza tricolore, è una delle più promettenti in questo mondo dove dobbiamo imparare di nuovo a chiamare le cose. La green economy è oggi la via lungo la quale già tante imprese cercano e trovano la soluzione alla crisi”.

Da segnalare che, nella pagina finale dei ringraziamenti, l’autore informa i suoi lettori che le emissioni di CO2 prodotte per realizzare il libro saranno compensate con AzzeroCO2 piantando alberi nel Parco del Delta del Po e che i proventi della vendita del libro saranno interamente devoluti alle iniziative di Legambiente e di Symbola, la Fondazione per le Qualità Italiane, nata con l’obiettivo di promuovere un nuovo modello di sviluppo orientato alla qualità in cui si fondono tradizione, territorio, innovazione tecnologica, ricerca e design. Un gesto di coerenza che fa piacere.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende