Home » Recensioni » Green Italy: come superare la crisi pensando in verde:

Green Italy: come superare la crisi pensando in verde

marzo 20, 2012 Recensioni

Venticinque storie da Nord a Sud di imprese, istituzioni e associazioni italiane che hanno saputo andare oltre la difficoltà trovando la chiave non solo per risalire la china, ma anche per diventare nuova eccellenza. Questo il corpo centrale di Green Italy, il nuovo libro di Ermete Realacci, edito da Chiarelettere e uscito a febbraio in libreria.

L’autore – ambientalista e parlamentare, presidente onorario di Legambiente – ha voluto scrivere un libro dall’ottimismo controcorrente, per dimostrare che la solita affermazione “la crisi è un’opportunità” non è vuota di significato e soprattutto non è vuota né di persone né di valori. Come sostiene infatti Ivan Lo Bello, presidente di Confindustria Sicilia, nella prefazione al volume “Viviamo la fase più complessa e difficile della nostra storia repubblicana. Mai come ora crisi economica e morale si sono intrecciate, in una profonda recessione che ha radici nazionali e internazionali. Per questo abbiamo bisogno di idee nuove come quelle proposte in questo libro: per mettere in moto le energie migliori del paese e affrontare la crisi”. Un invito accorato, non di maniera.

Realacci vuole sottolineare che il nostro paese ha già il proprio futuro in mano, deve solo rendersi conto che la risposta alla crisi sta nella green economy. “Ce la possiamo fare, se perseguiremo con convinzione la riconversione ecologica della nostra economia, dei consumi e degli stili di vita, scommettendo su una green economy tricolore, che sposi i saperi e le vocazioni nazionali […] Ce la faremo se sapremo innovare senza dimenticare chi siamo, e senza dimenticare i più deboli. Se torneremo, insomma, a fare l’Italia”.

Ciò che l’autore scrive è validato, al di là di ogni ideologia, da ben venticinque case history che, nei settori più diversi – dalla chimica all’artigianato, dalle fonti rinnovabili alla produzione di arredi – raccontano come un momento di difficoltà o una scelta operata per caso si sono trasformati nella possibilità di adattare, ad applicazioni differenti, il know how acquisito. Entrando in nuovi mondi dove produrre in modo sostenibile è possibile e ottenendo livelli di eccellenza riconosciuti internazionalmente.

Comune denominatore di queste storie è la capacità di “vestire a nuovo” vocazioni e tradizioni nazionali passando attraverso l’ampia cruna di opportunità della green economy. La lungimiranza di puntare su qualità, ricerca e conoscenza per produrre un’economia più sostenibile e innovativa. Come afferma Gabriele Centazzo, presidente e designer di Valcucine, insignito, nel 2011, con il Premio dei Premi per l’Innovazione dal Presidente Giorgio Napolitano,C’è solo una fabbrica a impatto zero. L’energia che usa deriva al cento per cento dal sole. Produce legno, utilizza come materie prime l’anidride carbonica e le sostanze nutritive della terra. I suoi rifiuti sono l’ossigeno e le foglie. È l’albero. Noi ci ispiriamo a quella fabbrica”.

Lo spaccato che ci offre Realacci è quello di un’Italia silenziosa e nascosta, ancorata alle sue radici ma in grado di proiettarsi nel futuro scommettendo ancora una volta sul capitale umano e sul Made in Italy. L’autore ha scelto di metterla in luce perché possa essere di ispirazione, nonché regalare una dose di fiducia: “una rassegna di casi come quelli presentati in Green Italy – scrive nella postfazione Alberto Meomartini, presidente Assolombarda – diventa, allora, un mattone di grande valore: fatti e realtà – tutt’affatto il contrario di sogni, immagini, utopie – offerti sotto una descrizione che ne pone in luce tratti caratteristici che le affermano come novità e come possibilità, come esempi passibili di espansione, riproduzione. La strada che Ermete Realacci ci propone, che leggiamo in filigrana dietro queste venticinque storie d’eccellenza tricolore, è una delle più promettenti in questo mondo dove dobbiamo imparare di nuovo a chiamare le cose. La green economy è oggi la via lungo la quale già tante imprese cercano e trovano la soluzione alla crisi”.

Da segnalare che, nella pagina finale dei ringraziamenti, l’autore informa i suoi lettori che le emissioni di CO2 prodotte per realizzare il libro saranno compensate con AzzeroCO2 piantando alberi nel Parco del Delta del Po e che i proventi della vendita del libro saranno interamente devoluti alle iniziative di Legambiente e di Symbola, la Fondazione per le Qualità Italiane, nata con l’obiettivo di promuovere un nuovo modello di sviluppo orientato alla qualità in cui si fondono tradizione, territorio, innovazione tecnologica, ricerca e design. Un gesto di coerenza che fa piacere.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende