Home » Recensioni » “I have always been a dreamer”. Ascesa e declino di due metropoli:

“I have always been a dreamer”. Ascesa e declino di due metropoli

giugno 4, 2013 Recensioni

Detroit e Dubai. Due città a confronto, due simboli di rinascita economica in epoche diverse. Sono i due punti di vista che la regista Sabine Gruffat sceglie di prendere in considerazione per il suo documentario I have always been a dreamer, nell’intento di raccontare  quali sono gli effetti di una rapida crescita economica sulla geografia urbana e sulla società di una città “boom & bust”. Da un lato Detroit, centro industriale simbolo della rinascita americana grazie all’epoca fordista del primo Novecento. Dall’altro Dubai, rappresentazione contemporanea di un boom economico senza uguali che ha scatenato imprenditori, architetti, investitori di tutto il mondo in una gara edilizia e immobiliare tuttora in corso.

La regista lavora per contrasti, alternando le riprese delle due città, che diventano l’una il rovescio della medaglia dell’altra. Dopo il forte sviluppo economico durato fino circa gli anni Cinquanta, Detroit piano piano si è spenta, diventando una città senza più interessi dal punto di vista economico per il resto del mondo occidentale, abbandonata a se stessa e lasciata al degrado, sia sociale sia urbano. Le foto di Camilo Vergara hanno in parte illustrato il ritratto di una città ormai inaridita. “Quello che volevo comunicare” spiega la regista in sala “era dimostrare che Detroit non è solo come tutti la immaginano: per questo ho voluto raccontare le storie di quelle persone che abitano in questa città e che con le loro azioni vogliono cambiarla per migliorarla”. Come per esempio la tenacia del titolare di uno dei pochi cinema rimasti aperti in centro, nonostante le difficoltà dovute alla criminalità; l’intraprendenza di alcuni giovani che vogliono dotare la città di pensiline costruite con materiali di recupero per le fermate del bus tuttora inesistenti; la volontà di un giovane falegname  di riciclare e riutilizzare in modo utile il legno di quegli alberi che infestano i giardini delle case ormai abbandonate.

Dall’altra parte dell’Oceano, Dubai. Capitale del boom edilizio dal 2007, è letteralmente invasa da grattacieli che ospitano uffici, residenze, hotel. Qui il lusso sembra a portata di mano. La città è diventata il teatro di sperimentazioni architettoniche ardite, nonché dei progetti commerciali più diversi: da un parco vivente con dinosauri realizzati secondo tecnologie sofisticatissime con il sostegno del British Museum, alle piste da sci ricostruite con tanto di neve sintetica lanciata sulle piste ogni giorno. Una città in pieno sviluppo ed espansione che ospita per l’80% abitanti non originari. E, di nuovo, Sabine ci mostra le contraddizioni. Ci racconta lo stile di vita delle fascia più povera di immigrati, indiani o filippini per la maggior parte, che si adeguano a vivere in 10 in una stanza. Ci spiega che non tutto il commercio che passa per il porto di Dubai è legale, al contrario. Ci informa che, nonostante i 50 km di spiaggia naturale, se ne stanno realizzando altri 80 artificiali per sfruttare l’interesse immobiliare degli appartamenti lungo la costa.

Sabine non è interessata alle ragioni che hanno creato questi due estremi: “le città che crescono molto in fretta solitamente hanno anche un decadimento molto rapido, è un processo che capita”. La Gruffat è piuttosto interessata “a dare una visione dall’alto di queste due città, che ben interpretano il boom economico e le sue conseguenze sul territorio, sulla vita delle persone, sulla politica, sulle condizioni di convivenza fra più culture”. Un ritratto riuscito, non solo grazie alle interviste. Le riprese sono spesso silenziose, girate ad altezza uomo, gli occhi di Sabine (sembra di conoscerla da sempre) diventano i nostri. Nessun giudizio, solo il reportage di alcune situazioni che la regista seleziona per noi. Un viaggio che ci suggerisce riflessioni anche complesse, dal livello di influenza dei modelli produttivi sulla società al concetto di capitalismo distruttivo.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende