Home » Idee »Recensioni » I super-cibi (vegetariani) per la mente che scatenano la dopamina:

I super-cibi (vegetariani) per la mente che scatenano la dopamina

ottobre 7, 2013 Idee, Recensioni

La dieta a zero contenuto di carne e pesce e i suoi benefici sono stati al centro, come ogni anno, della Vegetarian Week, la Settimana Vegetariana Mondiale che si è conclusa ieri. E mentre sempre più spesso le librerie dedicano alle guide sui cibi vegetariani interi scaffali, la casa editrice Sonda ha istituito un premio letterario dedicato ai volumi sull’argomento, l’Empty Cages Prize.

Quest’anno il riconoscimento è andato a Neal Barnard, medico promotore di un’alimentazione sana e professore associato alla George Washington University, autore di Super cibi per la mente (a cura di Luciana Baroni).

Il libro di Barnard si legge in maniera scorrevole, tra aneddoti sul manager dei Beatles Brian Epstein e racconti sull’isola di Okinawa, e si rivela da subito un utilissimo compendio per chiunque voglia approfondire il rapporto tra alimentazione e funzionamento della nostra mente.

Ma il libro si spinge ben oltre, analizzando attraverso la correlazione tra studi clinici ed esempi concreti, l’incidenza dell’alimentazione sulla degenerazione della nostra capacità cognitiva e la sua prevenzione, fino a malattie come il morbo di Alzheimer, la demenza senile e i gravi disturbi cognitivi.

In un mondo dove la percentuale degli individui che si affacciano alla terza età è in forte aumento, diventa di fondamentale importanza cominciare a pensare ai cibi che danneggiano i percorsi neurali e saperli eliminare, privilegiando i cibi che invece aiutano la nostra mente a rimanere in forma ed elastica anche in età avanzata. L’importanza del mangiare bene per prevenire l’invecchiamento precoce del cervello passa ad esempio attraverso lingestione della giusta quantità (evitando l’eccesso) di metalli pesanti come rame, ferro e piombo, responsabili dell’inceppamento dei nostri processi neurali.

Questi tre metalli sono essenziali per il nostro organismo”, scrive Barnard, “il rame per formare gli enzimi, il ferro per formare i globuli rossi del sangue e lo zinco per la trasmissione nervosa, tanto per citare solo alcune tra molte altre funzioni. Sono metalli che si assumono mediante il cibo. Però, se vengono ingeriti in quantità eccessiva, possono danneggiare i neuroni. E la differenza tra una quantità innocua e una tossica è sorprendentemente piccola”.

Nel libro Bernard fa anche un parallelo tra l’assunzione di sostanze stupefacenti e l’assunzione di cibo nocivo, identificando nella dopamina il fattore scatenante: “La dopamina è un neurotrasmettitore, vale a dire una sostanza chimica naturale che trasporta i messaggi da un neurone all’altro”. La quale “aspetta che tu trovi qualcosa da mangiare – qualcosa di squisito, di saporito – e subito dopo, schizza fuori dal neurone e corre immediatamente a dare la buona notizia a quelli vicini. Gli altri neuroni fanno lo stesso e la dopamina viene spruzzata a catena, creando una piccola festa nel cervello che ti dà una sensazione di estremo benessere. Ma non è solo una questione di divertimento: il cervello usa la dopamina per far sì che ti ricordi l’aspetto, il suono e l’odore di questo momento di felicità, così da poterlo ripetere il più presto possibile”.

Spazio anche all’importanza del sonno ed ai suoi ritmi: “C’è chi non vuole dormire durante il giorno per paura poi di non dormire la notte. Probabile, se si tratta di un pisolino molto lungo. Ma una breve pennichella non interferisce con il sonno e potrebbe aiutarti a scrollare via un pò di tensione, facilitando il relax che poi favorirà il riposo notturno”.

L’ultima parte del libro è dedicata a menù e ricette ricche di “super cibi”, utili a salvaguardare non solo le nostre capacità cognitive ma anche un bene prezioso e insostituibile: i nostri ricordi. Nutrirsi in modo è corretto quindi non solo auspicabile, ma possibile, come ci ricorda un articolo del Wall Street Journal citato nel libro, nel quale si dice che “a parte il latte materno, tutti gli altri gusti sono acquisiti. In altre parole, il gusto si adatta a quel che mangi. Se ingerisci roba grassa e cibi salati, avrai sempre voglia di mangiare così. E se te ne liberi imparerai ad amare solo i cibi sani”.

Alessio Sciurpa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende