Home » Idee »Recensioni » I super-cibi (vegetariani) per la mente che scatenano la dopamina:

I super-cibi (vegetariani) per la mente che scatenano la dopamina

ottobre 7, 2013 Idee, Recensioni

La dieta a zero contenuto di carne e pesce e i suoi benefici sono stati al centro, come ogni anno, della Vegetarian Week, la Settimana Vegetariana Mondiale che si è conclusa ieri. E mentre sempre più spesso le librerie dedicano alle guide sui cibi vegetariani interi scaffali, la casa editrice Sonda ha istituito un premio letterario dedicato ai volumi sull’argomento, l’Empty Cages Prize.

Quest’anno il riconoscimento è andato a Neal Barnard, medico promotore di un’alimentazione sana e professore associato alla George Washington University, autore di Super cibi per la mente (a cura di Luciana Baroni).

Il libro di Barnard si legge in maniera scorrevole, tra aneddoti sul manager dei Beatles Brian Epstein e racconti sull’isola di Okinawa, e si rivela da subito un utilissimo compendio per chiunque voglia approfondire il rapporto tra alimentazione e funzionamento della nostra mente.

Ma il libro si spinge ben oltre, analizzando attraverso la correlazione tra studi clinici ed esempi concreti, l’incidenza dell’alimentazione sulla degenerazione della nostra capacità cognitiva e la sua prevenzione, fino a malattie come il morbo di Alzheimer, la demenza senile e i gravi disturbi cognitivi.

In un mondo dove la percentuale degli individui che si affacciano alla terza età è in forte aumento, diventa di fondamentale importanza cominciare a pensare ai cibi che danneggiano i percorsi neurali e saperli eliminare, privilegiando i cibi che invece aiutano la nostra mente a rimanere in forma ed elastica anche in età avanzata. L’importanza del mangiare bene per prevenire l’invecchiamento precoce del cervello passa ad esempio attraverso lingestione della giusta quantità (evitando l’eccesso) di metalli pesanti come rame, ferro e piombo, responsabili dell’inceppamento dei nostri processi neurali.

Questi tre metalli sono essenziali per il nostro organismo”, scrive Barnard, “il rame per formare gli enzimi, il ferro per formare i globuli rossi del sangue e lo zinco per la trasmissione nervosa, tanto per citare solo alcune tra molte altre funzioni. Sono metalli che si assumono mediante il cibo. Però, se vengono ingeriti in quantità eccessiva, possono danneggiare i neuroni. E la differenza tra una quantità innocua e una tossica è sorprendentemente piccola”.

Nel libro Bernard fa anche un parallelo tra l’assunzione di sostanze stupefacenti e l’assunzione di cibo nocivo, identificando nella dopamina il fattore scatenante: “La dopamina è un neurotrasmettitore, vale a dire una sostanza chimica naturale che trasporta i messaggi da un neurone all’altro”. La quale “aspetta che tu trovi qualcosa da mangiare – qualcosa di squisito, di saporito – e subito dopo, schizza fuori dal neurone e corre immediatamente a dare la buona notizia a quelli vicini. Gli altri neuroni fanno lo stesso e la dopamina viene spruzzata a catena, creando una piccola festa nel cervello che ti dà una sensazione di estremo benessere. Ma non è solo una questione di divertimento: il cervello usa la dopamina per far sì che ti ricordi l’aspetto, il suono e l’odore di questo momento di felicità, così da poterlo ripetere il più presto possibile”.

Spazio anche all’importanza del sonno ed ai suoi ritmi: “C’è chi non vuole dormire durante il giorno per paura poi di non dormire la notte. Probabile, se si tratta di un pisolino molto lungo. Ma una breve pennichella non interferisce con il sonno e potrebbe aiutarti a scrollare via un pò di tensione, facilitando il relax che poi favorirà il riposo notturno”.

L’ultima parte del libro è dedicata a menù e ricette ricche di “super cibi”, utili a salvaguardare non solo le nostre capacità cognitive ma anche un bene prezioso e insostituibile: i nostri ricordi. Nutrirsi in modo è corretto quindi non solo auspicabile, ma possibile, come ci ricorda un articolo del Wall Street Journal citato nel libro, nel quale si dice che “a parte il latte materno, tutti gli altri gusti sono acquisiti. In altre parole, il gusto si adatta a quel che mangi. Se ingerisci roba grassa e cibi salati, avrai sempre voglia di mangiare così. E se te ne liberi imparerai ad amare solo i cibi sani”.

Alessio Sciurpa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende