Home » Recensioni » Il crollo della civiltà occidentale: viaggio in un futuro possibile:

Il crollo della civiltà occidentale: viaggio in un futuro possibile

luglio 6, 2015 Recensioni

“La fantascienza costruisce un futuro immaginario, la storia tenta di ricostruire il passato. In definitiva entrambe cercano di comprendere il presente. In questo saggio abbiamo fuso insieme i due generi, immaginando uno storico del futuro che rievoca un passato che è il nostro presente e il nostro (possibile) futuro”. Così gli autori de Il crollo della civiltà occidentale (Piano B Edizioni, 144 pp, 14,00 €) raccontano il loro ultimo libro. Naomi Oreskes insegna Storia della Scienza e Scienze Planetarie all’Università di Harvard, mentre Erik M. Conwey è storico della scienza e della tecnologia e lavora alla NASA. Insieme hanno deciso di scrivere un’opera che viaggia a metà fra saggio e fiction.

Ambientato nel 2393 – trecento anni dopo i tragici eventi che portarono al collasso climatico, sociale, economico e demografico delle grandi potenze occidentali del Ventesimo secolo – racconta di un giovane storico della Seconda Repubblica Popolare Cinese che cerca di esaminare e comprendere le cause del crollo della civiltà occidentale. Pubblicato a luglio 2014 negli Stati Uniti, tradotto in tedesco e francese, è uscito da poco anche in Italia. È uno dei libri che quest’anno ha fatto più discutere sul tema dell’ambiente: la critica al sistema capitalista e all’inedia degli Stati democratici si fa pungente grazie alla drammaticità che concede la fiction, mentre l’approccio divulgativo e documentato proprio del saggio lascia spazio a numerosi spunti di riflessione storica e scientifica.

La struttura del volume è originale: a un’introduzione che mette a fuoco la situazione ambientale attuale dal punto di vista delle dinamiche politiche ed economiche, segue una prefazione in cui gli autori spiegano brevemente lo spirito del libro, parlando del suo protagonista: “Egli giunge alla conclusione che sulla civiltà occidentale si era abbattuto un secondo Medioevo, un’età oscura in cui negazione e auto-inganno – ben radicati nella fissazione ideologica del ‘libero’ mercato – resero inermi le nazioni più potenti del mondo di fronte alla tragedia. Di più: coloro che avrebbero dovuto comprendere il problema – gli scienziati – furono paralizzati dalle loro stesse pratiche culturali, le quali richiedevano standard eccessivamente rigorosi per l’accettazione di tesi di qualsiasi genere – anche quelle che riguardavano minacce imminenti”. Segue poi lo sviluppo dell’intreccio, arricchito in alcuni casi da cartine di luoghi a noi ben noti – da New York alla Florida fino ai Paesi Bassi – raccontati come luoghi profondamente modificati se non addirittura annullati dai cambiamenti climatici. La parte finale prevede un “lessico dei termini arcaici” - in cui compaiono concetti per noi al momento fondamentali come capitalismo, comunismo, ambiente - insieme a una lunga intervista agli autori.

Con un espediente narrativo interessante, “Il crollo della civiltà occidentale” riesce a far vedere al lettore la direzione intrapresa dalla nostra civiltà e il suo possibile epilogo se non si interviene subito per fermare la corsa verso l’autodistruzione. “Per lo storico che studia questo periodo tragico della storia umana, il fatto più sorprendente è che le vittime sapevano cosa stava accadendo e perché stava accadendo”. Una visione distopica? Secondo Eric Conway “Molti attivisti nel dibattito sul cambiamento climatico sembrano credere che questo provocherà l’estinzione dell’uomo. Ma non è ciò che risulta osservando i precedenti episodi di cambiamenti climatici della storia umana. Le nostre organizzazioni sociali, politiche e culturali cambiano in risposta al clima. A volte le strutture di governance sopravvivono, altre no. Ma gli esseri umani lo faranno – detto ciò se continueremo a solcare l’attuale sentiero del combustibile fossile, tra poche centinaia di anni saremo molto meno numerosi. Certamente non ci sarò più per vederlo! A mio avviso questo libro dà speranza. Ci sarà un futuro per l’umanità, anche se non sarà più dominato dalla cultura occidentale”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende