Home » Recensioni » Il crollo della civiltà occidentale: viaggio in un futuro possibile:

Il crollo della civiltà occidentale: viaggio in un futuro possibile

luglio 6, 2015 Recensioni

“La fantascienza costruisce un futuro immaginario, la storia tenta di ricostruire il passato. In definitiva entrambe cercano di comprendere il presente. In questo saggio abbiamo fuso insieme i due generi, immaginando uno storico del futuro che rievoca un passato che è il nostro presente e il nostro (possibile) futuro”. Così gli autori de Il crollo della civiltà occidentale (Piano B Edizioni, 144 pp, 14,00 €) raccontano il loro ultimo libro. Naomi Oreskes insegna Storia della Scienza e Scienze Planetarie all’Università di Harvard, mentre Erik M. Conwey è storico della scienza e della tecnologia e lavora alla NASA. Insieme hanno deciso di scrivere un’opera che viaggia a metà fra saggio e fiction.

Ambientato nel 2393 – trecento anni dopo i tragici eventi che portarono al collasso climatico, sociale, economico e demografico delle grandi potenze occidentali del Ventesimo secolo – racconta di un giovane storico della Seconda Repubblica Popolare Cinese che cerca di esaminare e comprendere le cause del crollo della civiltà occidentale. Pubblicato a luglio 2014 negli Stati Uniti, tradotto in tedesco e francese, è uscito da poco anche in Italia. È uno dei libri che quest’anno ha fatto più discutere sul tema dell’ambiente: la critica al sistema capitalista e all’inedia degli Stati democratici si fa pungente grazie alla drammaticità che concede la fiction, mentre l’approccio divulgativo e documentato proprio del saggio lascia spazio a numerosi spunti di riflessione storica e scientifica.

La struttura del volume è originale: a un’introduzione che mette a fuoco la situazione ambientale attuale dal punto di vista delle dinamiche politiche ed economiche, segue una prefazione in cui gli autori spiegano brevemente lo spirito del libro, parlando del suo protagonista: “Egli giunge alla conclusione che sulla civiltà occidentale si era abbattuto un secondo Medioevo, un’età oscura in cui negazione e auto-inganno – ben radicati nella fissazione ideologica del ‘libero’ mercato – resero inermi le nazioni più potenti del mondo di fronte alla tragedia. Di più: coloro che avrebbero dovuto comprendere il problema – gli scienziati – furono paralizzati dalle loro stesse pratiche culturali, le quali richiedevano standard eccessivamente rigorosi per l’accettazione di tesi di qualsiasi genere – anche quelle che riguardavano minacce imminenti”. Segue poi lo sviluppo dell’intreccio, arricchito in alcuni casi da cartine di luoghi a noi ben noti – da New York alla Florida fino ai Paesi Bassi – raccontati come luoghi profondamente modificati se non addirittura annullati dai cambiamenti climatici. La parte finale prevede un “lessico dei termini arcaici” - in cui compaiono concetti per noi al momento fondamentali come capitalismo, comunismo, ambiente - insieme a una lunga intervista agli autori.

Con un espediente narrativo interessante, “Il crollo della civiltà occidentale” riesce a far vedere al lettore la direzione intrapresa dalla nostra civiltà e il suo possibile epilogo se non si interviene subito per fermare la corsa verso l’autodistruzione. “Per lo storico che studia questo periodo tragico della storia umana, il fatto più sorprendente è che le vittime sapevano cosa stava accadendo e perché stava accadendo”. Una visione distopica? Secondo Eric Conway “Molti attivisti nel dibattito sul cambiamento climatico sembrano credere che questo provocherà l’estinzione dell’uomo. Ma non è ciò che risulta osservando i precedenti episodi di cambiamenti climatici della storia umana. Le nostre organizzazioni sociali, politiche e culturali cambiano in risposta al clima. A volte le strutture di governance sopravvivono, altre no. Ma gli esseri umani lo faranno – detto ciò se continueremo a solcare l’attuale sentiero del combustibile fossile, tra poche centinaia di anni saremo molto meno numerosi. Certamente non ci sarò più per vederlo! A mio avviso questo libro dà speranza. Ci sarà un futuro per l’umanità, anche se non sarà più dominato dalla cultura occidentale”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende