Home » Impressioni di viaggio »Recensioni »Rubriche » La Mela verde:

La Mela verde

Con ”La Mela verde” di Ilaria Burgassi, da New York, diamo inizio ad una serie di “impressioni di viaggio” dei nostri inviati all’estero per cercare di capire meglio, attraverso semplici dettagli e indicatori di tendenza, come viene interpretata e vissuta la sostenibilità ambientale nei principali Paesi del mondo. I prossimi interventi saranno di Andrea Gandiglio dalla Cornovaglia (Regno Unito) e da Vancouver (Canada) e di Elena Marcon da Mumbai (India).

New York, 5th AvenueNew York, la Grande Mela, città delle mille luci e dei mille grattacieli, dei milioni di abitanti che vivono uno vicino all’altro, dell’architettura che si estende in verticale per fare spazio a tutti. A prima vista l’idea è quella di una metropoli inquinata e poco all’avanguardia in quanto a sostenibilità ambientale. Come spesso accade, tuttavia, l’apparenza inganna o fornisce una visione parziale delle cose e quello che potrebbe essere considerato un mero deserto di cemento, spazzatura e gas di scarico, può, per altro verso, costituire un buon modello di responsabilità ambientale urbana.

 Secondo recenti studi, infatti, New York risulta addirittura la città più verde degli Stati Uniti essendo quella che brucia meno litri di benzina e con il minor numero di auto in circolazione, oltre ad essere quella che consuma meno energia elettrica, ammassa meno rifiuti ed emette meno CO2 per abitante.

Entrando nello specifico, ben il 77% della popolazione di Manhattan non ha una macchina e, estendendo la statistica anche alle zone di Brooklyn, Queens, Bronx e Staten Island i possessori di una vettura non superano il 46%.

Bus, metropolitana, bici o gli ecologici “piedi” sono il mezzo di locomozione di cui l’82% dei residenti a Manhattan fa uso quotidianamente. Questo consente una notevole riduzione dei gas serra immessi nell’atmosfera: ogni abitante produce annualmente 7,1 tonnellate di CO2 rispetto alla media di 24,5 tonnellate degli altri americani.

La densità urbana di New York diventa poi, paradossalmente, un’ulteriore arma a favore della tutela dell’ambiente: la concentrazione di 8,2 milioni di abitanti nello stesso luogo ha delineato infatti uno scenario di sviluppo verticale della città in cui è praticamente impossibile la costruzione di parcheggi e di conseguenza non è conveniente muoversi in automobile.

Tuttavia, se dal punto di vista dell’inquinamento prodotto dalle vetture in circolazione, l’alta densità abitativa risulta essere un vantaggio, non si può dire la stessa cosa dal punto di vista delle emissioni di carbonio degli edifici. Esse sono infatti causate dal massiccio consumo energetico degli immobili, che costituisce i due terzi delle emissioni totali della città. Per affrontare il problema, l’amministrazione locale ha promosso una campagna al fine di diminuire il consumo energetico del 30% entro il 2030.

La campagna si articola attraverso una serie di normative e di incentivi volti alla diffusione dei cosiddetti green building, come gli edifici dotati di green roof, ovvero un tetto a giardino, in grado di proteggere dalle escursioni termiche, di conservare l’umidità utile e di raccogliere l’acqua piovana che verrà destinata alle piante e ai servizi igienici. Questi edifici sono interamente costruiti utilizzando materiali riciclati (o comunque rinnovabili nel tempo) e che non necessitano dunque di spazi attrezzati per lo smaltimento. Eventuali “scarti” vengono riutilizzati per altri edifici.

One Jackson SquareUn esempio di questa architettura d’avanguardia è il One Jackson Square, un  palazzo in vetro e acciaio che si sta affermando come manifesto di un nuovo trend di edilizia metropolitana green. Proprio per incoraggiare questa tendenza, è stato recentemente promosso il Green Building Contest, una competizione in cui verrà premiato l’edificio ecologico che più sarà in grado di incarnare la perfetta sintesi di tecnologia moderna e design sostenibile.

Il sindaco Michael Bloomberg ha inoltre inserito, nel suo piano a favore di uno stile di vita ecocompatibile, una normativa che prevede che tutti gli edifici oltre i 4.000 mq di superficie debbano possedere un  “passaporto energetico”, ovvero una certificazione di efficienza energetica rinnovabile di 10 anni in 10 anni. La regolamentazione, che dovrebbe essere definitivamente approvata entro il 2010, diventerà attiva a partire dal 2013 ed è previsto uno stanziamento di 16 milioni di dollari per aiutare i proprietari delle abitazioni ad adeguarsi ai nuovi standard. Grazie a questi fondi si prevede la riduzione di 3 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 in un anno.

Alla scorsa estate risale invece il lancio dell’iniziativa, sempre del sindaco Bloomberg, a sostegno dell’installazione di turbine eoliche in cima ai grattacieli di New York. Queste dovranno essere strutturate in modo da fornire direttamente alle case l’energia necessaria, senza inviarla alla rete elettrica. L’Energy Research and Development Authority offrirà incentivi ai proprietari delle case coprendo il 50% del costo iniziale delle turbine.

Il futuro che la città di New York sta cercando di costruire pare dunque essere orientato, sempre più, in una direzione sostenibile, con una particolare attenzione ai trasporti e all’edilizia quali principali drivers di cambiamento: meno auto, grattacieli ecologici, incentivi per la diffusione dei pannelli solari e di turbine eoliche. Un trend che si riscontra anche nelle iniziative e nella comunicazione delle aziende. Starbucks, con Shared Planet, o le grandi marche di acqua minerale, come Fiji o Poland Spring, sono solo alcuni dei nomi impegnati sul fronte della responsabilità sociale e ambientale, supportate da agenzie di comunicazione come Green Team Usa, specializzatasi nella green communication.

Leggendo i dati sulle emissioni di CO2 della città di New York - sicuramente veritieri, ma poco proporzionati se rapportati alle esigenze di consumo di beni e servizi dei newyorkesi - sorge tuttavia spontaneo un dubbio: che tanta virtù sia facilitata dal far produrre gran parte dei beni e servizi, qui goduti, in altre zone d’America o del mondo (dove le emissioni saranno sicuramente maggiori) per far fronte alle necessità della Grande Mela. Come sempre, non è tutto oro quello che luccica.

Ilaria Burgassi


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende