Home » Recensioni » La mia casa Sa di Legno. L’avventura edile di Samuele Giacometti:

La mia casa Sa di Legno. L’avventura edile di Samuele Giacometti

ottobre 2, 2012 Recensioni

 

Scriveva Mauro Corona nel 2011: Anche nell’uomo ci sono anelli degli anni, che lo circondano decretandone età e patimenti. L’umanità non dovrebbe mai allontanarsi dal bosco perché s’allontana da se stessa”. Il libro di Samuele GiacomettiCome ho costruito la mia casa di legno (Compagnia delle Foreste, Arezzo 2011, pag. 144, € 20,00), parte da questa filosofia e racconta la realizzazione del sogno dell’autore di poter vivere in una casa di legno a bassissimo consumo energetico. “Nessun materiale da costruzione è più adatto del legno a soddisfare le nuove esigenze di uno sviluppo sostenibile”, afferma Norbert Lantschner, ex direttore dell’Agenzia CasaClima, nella prefazione al testo; “il materiale legno è il tesoro riscoperto del ventunesimo secolo”. Per questo la casa di Giacometti è stata fra gli edifici assegnatari dei CasaClima Award 2010. Completamente naturale, ha infatti alte prestazione energetiche e un fabbisogno di 43 kWh/m2a: chi, come la famiglia Giacometti, sceglie di vivere in un edificio ecosostenibile, oltre ad avere un vantaggio di tipo economico sarà infatti “certamente una persona responsabile e consapevole delle gravi problematiche ambientali causate da anni ed anni di incontrollate emissioni di CO2, sottolinea ancora Lantschner.

E’ nella frazione di Sostasio, del comune di Prato Carnico (in Provincia di Udine), che nasce e si sviluppa il sogno dell’autore: il nome che viene dato al progetto è Sa Di Legno (Sa come Samuele e Sarah, Di come Diego e Diana ‒ i componenti della famiglia ‒ “Legno come la materia prima di cui io e la mia famiglia avremmo voluto sapere, verbo inteso non solo come conoscenza ma anche come vero e proprio profumo” spiega Giacometti). Vista la buona esperienza nel campo dell’edilizia, l’ingegner Giacometti, lasciato il precedente lavoro per aprire una nuova fase (più autentica) della sua vita, decide di certificare l’edificio secondo gli standard dell’Agenzia CasaClima, in seguito anche alla frequentazione dei corsi formativi. Inizia poi la fase progettuale ed esecutiva, grazie anche all’aiuto di “esperti” dalle differenti competenze che, volentieri, danno il loro contributo. Ecco perché questo progetto dimostra come sia possibile fare sostenibilità in concreto, “usando risorse professionali e artigiane locali, generando un’economia locale, valorizzando ovviamente le risorse forestali locali. Quindi, un esempio virtuoso locale che dovrebbe essere applicato a livello globale”, come sostiene, nel libro, Antonio Brunori, segretario generale PEFC Italia, il marchio di certificazione del legno proveniente da foreste europee correttamente gestite.

Progettare un futuro sostenibile significa, quindi, anche ripartire da un’etica con le sue regole, che ponga ciascuno nelle condizioni di apportare il proprio contributo alla qualità del paesaggio. La CaSa Di Legno ecosostenibile raccontata da Giacometti in questo libro-manuale autobiografico, “è un oggetto alla portata di molti, purché disposti a seguire il percorso descritto o a farsi aiutare da Samuele Giacometti e dai tanti che lui è in grado di aggregare intorno ad un progetto”, scrive Paolo Mori. Non c’è qualità, infatti, senza il coinvolgimento degli abitanti, coinvolgimento che era per i Greci la prima misura di comportamento e che va progettato, così come si progettano gli aspetti tecnici. Analogamente la politica del territorio deve svolgere il suo ruolo, occupandosi di valorizzare e gestire il territorio: il mantenimento del paesaggio culturale, in quanto scenario di eventi e di aspettative per le generazioni future, diventa dunque il presupposto nell’ambito di valutazione di qualsiasi azione di politica locale. La valorizzazione del patrimonio ambientale, spiega l’autore, è una sinergia di processi, che ha il fine di comporre un quadro il più unitario possibile, pur nella sua composizione eterogenea. Perché – come ricordava Franco Farinelli – è soltanto nella “forma del paesaggio che le cose del mondo si danno l’una accanto all’altra, coesistono nella loro organica unità e sono percepite nel loro complesso, prima di ogni disarticolazione e riflessione”.

Valentina Burgassi

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende