Home » Recensioni » La mia casa Sa di Legno. L’avventura edile di Samuele Giacometti:

La mia casa Sa di Legno. L’avventura edile di Samuele Giacometti

ottobre 2, 2012 Recensioni

 

Scriveva Mauro Corona nel 2011: Anche nell’uomo ci sono anelli degli anni, che lo circondano decretandone età e patimenti. L’umanità non dovrebbe mai allontanarsi dal bosco perché s’allontana da se stessa”. Il libro di Samuele GiacomettiCome ho costruito la mia casa di legno (Compagnia delle Foreste, Arezzo 2011, pag. 144, € 20,00), parte da questa filosofia e racconta la realizzazione del sogno dell’autore di poter vivere in una casa di legno a bassissimo consumo energetico. “Nessun materiale da costruzione è più adatto del legno a soddisfare le nuove esigenze di uno sviluppo sostenibile”, afferma Norbert Lantschner, ex direttore dell’Agenzia CasaClima, nella prefazione al testo; “il materiale legno è il tesoro riscoperto del ventunesimo secolo”. Per questo la casa di Giacometti è stata fra gli edifici assegnatari dei CasaClima Award 2010. Completamente naturale, ha infatti alte prestazione energetiche e un fabbisogno di 43 kWh/m2a: chi, come la famiglia Giacometti, sceglie di vivere in un edificio ecosostenibile, oltre ad avere un vantaggio di tipo economico sarà infatti “certamente una persona responsabile e consapevole delle gravi problematiche ambientali causate da anni ed anni di incontrollate emissioni di CO2, sottolinea ancora Lantschner.

E’ nella frazione di Sostasio, del comune di Prato Carnico (in Provincia di Udine), che nasce e si sviluppa il sogno dell’autore: il nome che viene dato al progetto è Sa Di Legno (Sa come Samuele e Sarah, Di come Diego e Diana ‒ i componenti della famiglia ‒ “Legno come la materia prima di cui io e la mia famiglia avremmo voluto sapere, verbo inteso non solo come conoscenza ma anche come vero e proprio profumo” spiega Giacometti). Vista la buona esperienza nel campo dell’edilizia, l’ingegner Giacometti, lasciato il precedente lavoro per aprire una nuova fase (più autentica) della sua vita, decide di certificare l’edificio secondo gli standard dell’Agenzia CasaClima, in seguito anche alla frequentazione dei corsi formativi. Inizia poi la fase progettuale ed esecutiva, grazie anche all’aiuto di “esperti” dalle differenti competenze che, volentieri, danno il loro contributo. Ecco perché questo progetto dimostra come sia possibile fare sostenibilità in concreto, “usando risorse professionali e artigiane locali, generando un’economia locale, valorizzando ovviamente le risorse forestali locali. Quindi, un esempio virtuoso locale che dovrebbe essere applicato a livello globale”, come sostiene, nel libro, Antonio Brunori, segretario generale PEFC Italia, il marchio di certificazione del legno proveniente da foreste europee correttamente gestite.

Progettare un futuro sostenibile significa, quindi, anche ripartire da un’etica con le sue regole, che ponga ciascuno nelle condizioni di apportare il proprio contributo alla qualità del paesaggio. La CaSa Di Legno ecosostenibile raccontata da Giacometti in questo libro-manuale autobiografico, “è un oggetto alla portata di molti, purché disposti a seguire il percorso descritto o a farsi aiutare da Samuele Giacometti e dai tanti che lui è in grado di aggregare intorno ad un progetto”, scrive Paolo Mori. Non c’è qualità, infatti, senza il coinvolgimento degli abitanti, coinvolgimento che era per i Greci la prima misura di comportamento e che va progettato, così come si progettano gli aspetti tecnici. Analogamente la politica del territorio deve svolgere il suo ruolo, occupandosi di valorizzare e gestire il territorio: il mantenimento del paesaggio culturale, in quanto scenario di eventi e di aspettative per le generazioni future, diventa dunque il presupposto nell’ambito di valutazione di qualsiasi azione di politica locale. La valorizzazione del patrimonio ambientale, spiega l’autore, è una sinergia di processi, che ha il fine di comporre un quadro il più unitario possibile, pur nella sua composizione eterogenea. Perché – come ricordava Franco Farinelli – è soltanto nella “forma del paesaggio che le cose del mondo si danno l’una accanto all’altra, coesistono nella loro organica unità e sono percepite nel loro complesso, prima di ogni disarticolazione e riflessione”.

Valentina Burgassi

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende