Home » Recensioni » La mia casa Sa di Legno. L’avventura edile di Samuele Giacometti:

La mia casa Sa di Legno. L’avventura edile di Samuele Giacometti

ottobre 2, 2012 Recensioni

 

Scriveva Mauro Corona nel 2011: Anche nell’uomo ci sono anelli degli anni, che lo circondano decretandone età e patimenti. L’umanità non dovrebbe mai allontanarsi dal bosco perché s’allontana da se stessa”. Il libro di Samuele GiacomettiCome ho costruito la mia casa di legno (Compagnia delle Foreste, Arezzo 2011, pag. 144, € 20,00), parte da questa filosofia e racconta la realizzazione del sogno dell’autore di poter vivere in una casa di legno a bassissimo consumo energetico. “Nessun materiale da costruzione è più adatto del legno a soddisfare le nuove esigenze di uno sviluppo sostenibile”, afferma Norbert Lantschner, ex direttore dell’Agenzia CasaClima, nella prefazione al testo; “il materiale legno è il tesoro riscoperto del ventunesimo secolo”. Per questo la casa di Giacometti è stata fra gli edifici assegnatari dei CasaClima Award 2010. Completamente naturale, ha infatti alte prestazione energetiche e un fabbisogno di 43 kWh/m2a: chi, come la famiglia Giacometti, sceglie di vivere in un edificio ecosostenibile, oltre ad avere un vantaggio di tipo economico sarà infatti “certamente una persona responsabile e consapevole delle gravi problematiche ambientali causate da anni ed anni di incontrollate emissioni di CO2, sottolinea ancora Lantschner.

E’ nella frazione di Sostasio, del comune di Prato Carnico (in Provincia di Udine), che nasce e si sviluppa il sogno dell’autore: il nome che viene dato al progetto è Sa Di Legno (Sa come Samuele e Sarah, Di come Diego e Diana ‒ i componenti della famiglia ‒ “Legno come la materia prima di cui io e la mia famiglia avremmo voluto sapere, verbo inteso non solo come conoscenza ma anche come vero e proprio profumo” spiega Giacometti). Vista la buona esperienza nel campo dell’edilizia, l’ingegner Giacometti, lasciato il precedente lavoro per aprire una nuova fase (più autentica) della sua vita, decide di certificare l’edificio secondo gli standard dell’Agenzia CasaClima, in seguito anche alla frequentazione dei corsi formativi. Inizia poi la fase progettuale ed esecutiva, grazie anche all’aiuto di “esperti” dalle differenti competenze che, volentieri, danno il loro contributo. Ecco perché questo progetto dimostra come sia possibile fare sostenibilità in concreto, “usando risorse professionali e artigiane locali, generando un’economia locale, valorizzando ovviamente le risorse forestali locali. Quindi, un esempio virtuoso locale che dovrebbe essere applicato a livello globale”, come sostiene, nel libro, Antonio Brunori, segretario generale PEFC Italia, il marchio di certificazione del legno proveniente da foreste europee correttamente gestite.

Progettare un futuro sostenibile significa, quindi, anche ripartire da un’etica con le sue regole, che ponga ciascuno nelle condizioni di apportare il proprio contributo alla qualità del paesaggio. La CaSa Di Legno ecosostenibile raccontata da Giacometti in questo libro-manuale autobiografico, “è un oggetto alla portata di molti, purché disposti a seguire il percorso descritto o a farsi aiutare da Samuele Giacometti e dai tanti che lui è in grado di aggregare intorno ad un progetto”, scrive Paolo Mori. Non c’è qualità, infatti, senza il coinvolgimento degli abitanti, coinvolgimento che era per i Greci la prima misura di comportamento e che va progettato, così come si progettano gli aspetti tecnici. Analogamente la politica del territorio deve svolgere il suo ruolo, occupandosi di valorizzare e gestire il territorio: il mantenimento del paesaggio culturale, in quanto scenario di eventi e di aspettative per le generazioni future, diventa dunque il presupposto nell’ambito di valutazione di qualsiasi azione di politica locale. La valorizzazione del patrimonio ambientale, spiega l’autore, è una sinergia di processi, che ha il fine di comporre un quadro il più unitario possibile, pur nella sua composizione eterogenea. Perché – come ricordava Franco Farinelli – è soltanto nella “forma del paesaggio che le cose del mondo si danno l’una accanto all’altra, coesistono nella loro organica unità e sono percepite nel loro complesso, prima di ogni disarticolazione e riflessione”.

Valentina Burgassi

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende