Home » Internazionali »Politiche »Recensioni » La terra? Affare del secolo. Sostenibilità e sicurezza alimentare nel libro di De Castro:

La terra? Affare del secolo. Sostenibilità e sicurezza alimentare nel libro di De Castro

dicembre 7, 2011 Internazionali, Politiche, Recensioni

L’affare del secolo? La terra. Sono tanti quelli disposti a sborsare miliardi per aggiudicarsi superfici coltivabili e c’è chi è ben propenso a concederle. Il perché ce lo spiega, nel libro “Corsa alla terraCibo e agricoltura nell’era della nuova scarsità“, (Donzelli Editore, pp. X-190, € 16,00), Paolo De Castro, europarlamentare italiano, economista e presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo.

L’agricoltura sarà sempre più un settore strategico sotto due profili. In riferimento al suo legame con gli ecosistemi, al ruolo che può interpretare nella gestione del territorio, nella tutela idrogeologica e della biodiversità, nella cattura di Co2”, ci spiega De Castro. “Di recente però, l’agricoltura è tornata importante nella sua missione primaria, ovvero la produzione di cibo. La crescita demografica, la variazione delle diete nei Paesi emergenti, che implica un maggiore consumo di prodotti ad alto valore aggiunto e impatto ambientale, il trend crescente dei prezzi sono tutti fattori che pongono un grosso problema a livello globale: la domanda alimentare cresce più dell’offertaIn questo contesto la terra fertile è diventata l’affare del secolo perché è una risorsa scarsa. Dal 2006 in poi la domanda di suolo è aumentata in modo esponenziale. Si tratta di una vera corsa alla terra da parte di grandi imprese private, fondi di investimento e fondi sovrani, con obiettivo i paesi poveri, dove la competizione per l’accesso all’acqua e alla terra è già stata causa di conflitto. Negli anni delle crisi alimentari controllare la terra fertile è tornata a essere questione strategica”, aggiunge De Castro.

L’era della scarsità, dunque, ecco spiegato il sottotitolo. Nel 2050 saremo più di 9 miliardi, un incremento di circa un terzo rispetto ai 6,9 miliardi che abitano il pianeta. Saranno le aree più povere e quelle emergenti a essere protagoniste dello sviluppo demografico globale negli anni a venire. Troppi per essere sfamati tutti: scarsità e iniqua distribuzione delle risorse alimentari non permettono una distribuzione eterogenea. La cifra della popolazione malnutrita fa rabbrividire, si aggira intorno al miliardo di individui. L’instabilità dei mercati delle materie prime agricole e i picchi dei prezzi alimentari, la crescita demografica e la modificazione delle diete a livello globale, i vincoli ambientali alla produzione di cibo e le conseguenze del cambiamento climatico: sono tutti elementi che compongono uno scenario di nuova miseria.

Il cibo costerà di più per tutti, con un impatto che sarà più forte sulle fasce più povere della popolazione mondiale, ma che si farà sentire in modo diretto e indiretto anche nei paesi ricchi. I «segni del tempo» sono ovunque, il più clamoroso è l’esponenziale incremento della domanda internazionale di terra: paesi dotati di grande liquidità ma di scarse estensioni di superfici coltivabili, multinazionali agricole, agglomerati finanziari di diversa natura hanno iniziato ad acquisire o affittare milioni di ettari, soprattutto nelle aree più povere del globo, comprando pezzi interi di altri continenti. Con quali conseguenze per gli equilibri economici e politici internazionali? Con quali effetti sul benessere di aree come l’Italia e l’Europa, coinvolte in questo movimento dalla sempre maggiore integrazione del mercato delle materie prime agricole nella finanza globale?

La corsa alla terra delinea i contorni di un futuro in cui l’agricoltura sarà sempre di più un settore strategico e il controllo dei suoli fertili sarà sempre più cruciale per lo sviluppo delle nazioni. Per affrontare questi problemi non serve invocare la paura del nuovo, ma investire in ricerca e modelli di trasferimento dell’innovazione. Non servono politiche fatte in casa, quanto uno sforzo per costruire una politica di sicurezza alimentare coordinata a livello globale. “Nel libro mi permetto di fare diverse proposte”, continua De Castro. “Alcune sono già state fatte proprie dal G20, come la trasparenza dei mercati. Mercati trasparenti vuol dire mercati efficienti. Poi c’è la questione dei bandi all’export che va affrontata compiutamente. Il G20 si è limitato a escludere dai bandi le donazioni al World Food Programme. E’ poco. Le restrizioni alle esportazioni hanno effetti devastanti sulla stabilità dei prezzi. Ci vuole uno sforzo coordinato delle autorità nazionali per rilanciare la ricerca pubblica su grandi progetti, che alla ricerca privata semplicemente non interessano. Si dovrebbero fare correzioni alla politica sui biocarburanti, perché così com’è non è sostenibile. Bisognerebbe anche pensare a modelli di coordinamento per la politica delle scorte, mai cosi esigue a livello globale. Per fare tutto questo però non basta il G20: si devono rilanciare i negoziati multilaterali del commercio e il compito del Wto va ripensato alla luce della nuova importanza del tema della Food security”.

Ora il neo ministro Catania, si prepara ad affrontare la sfida più difficile, quella di scrivere una controriforma per la Pac da spedire a Bruxelles. “Sfida difficile ma al tempo stesso importantissima – afferma De Castro. Dagli esiti del prossimo negoziato sulla Pac 2020, dipenderà infatti il futuro dell’agricoltura europea e, nello specifico, italiana. Se tra dieci anni, la nostra agricoltura sarà competitiva al pari di quelle francese, spagnola e tedesca (solo per citare i nostri principali partners europei), dipenderà proprio da come lavoreremo nei prossimi mesi. Ecco perché, dovremo farci trovare pronti come sistema Paese ed arrivare a Bruxelles con le idee ben definite per fare in modo che le modifiche alle proposte presentate il 12 ottobre dalla Commissione esecutiva, siano rispondenti alle istanze della nostra agricoltura”.

Il problema, secondo molti operatori, rimane il «greening». “Nell’ambito delle proposte legislative sulla Pac post-2013, la Commissione Europea propone un pagamento addizionale, cui dedicare obbligatoriamente il 30% del massimale nazionale per i pagamenti diretti, a compensazione di azioni ecologiche. In tale ambito, credo sia opportuno sottolineare il fatto che, di fronte all’esigenza di una politica agricola comune più semplice e snella, le proposte dell’esecutivo Ue, sembrano andare in direzione opposta. La componente ambientale dei pagamenti diretti, così come impostata, rischia infatti di comportare un ulteriore appesantimento del già consistente carico amministrativo e maggiore complessità nei controlli. Un elemento, quest ultimo, che rischia di essere particolarmente penalizzante per l’agricoltura Italiana. Così come abbiamo stabilito in Parlamento, nei due Rapporti sul futuro della politica agricola comunequella della sostenibilità ambientale, rappresenta una sfida importante, ma a patto che non comporti più burocrazia e che, di pari passo, sia garantita la sostenibilità economica delle aziende agricole europee. Per il raggiungimento di tale obiettivo, lavoreremo nei prossimi mesi”, conclude il presidente della Commissione Agricoltura al Parlamento Europeo.

Francesca Fradelloni

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende