Home » Recensioni » La Tristezza degli Angeli: tra i fiordi del Grande Nord con Jón Kalman Stefánsson:

La Tristezza degli Angeli: tra i fiordi del Grande Nord con Jón Kalman Stefánsson

ottobre 11, 2012 Recensioni

Ecco le lacrime degli angeli, dicono gli indiani del nord del Canada quando cade la neve”. La citazione è tratta da La Tristezza degli Angeli (pp. 384, prezzo di copertina: € 17,50), l’ultimo libro di Jón Kalman Stefánsson, uscito recentemente per i tipi di Iperborea e secondo capitolo della trilogia iniziata con Paradiso e inferno, definito il miglior romanzo islandese degli ultimi anni. Lo scrittore di Reykjavík, infatti, proprio con quel titolo è finalista alla seconda edizione del Premio Grinzane Bottari Lattes, la cui premiazione si svolgerà il prossimo 13 ottobre. Affatto nuovo ai riconoscimenti, Stefánsson ha ricevuto numerose nomine al Premio del Consiglio Nordico e nel 2005 ha vinto il Premio Islandese per la Letteratura con Luce d’estate ed è subito notte, di prossima pubblicazione sempre con Iperborea.

Il romanzo racconta le vicende di due protagonisti: il postino Jensen, un uomo ruvido e di poche parole, e un giovane in procinto di scoprire se stesso nel suo approccio con il mondo esterno. Insieme i due dovranno fronteggiare una missione complicata, portare la posta nei fiordi del Nord, sfidando la severità del clima e del territorio. Il libro, infatti, è ambientato in un’Islanda rigida e fredda, il terzo grande protagonista di questo romanzo imponente e maestoso, scandito da un tempo lento e da immagini quasi cinematografiche. “Qui nevica molto e la tristezza del cielo è bella, è una coperta che ripara la terra dal gelo e illumina l’inverno interminabile, ma può essere anche fredda e impietosa”.

Il viaggio intrapreso dai due protagonisti è un percorso che mette a confronto i principi stessi dell’esistenza: vita e morte, sogno e realtà, innocenza e disincanto. I due protagonisti danno voce e corpo a due momenti precisi della vita di un uomo. Da una parte la giovinezza entusiasta, piena di aspettative e illusioni, dall’altra la maturità, disincantata e consapevole, ma altrettanto attaccata alla vita. Sullo sfondo, una terra quasi primordiale nella sua imparziale asperità, in cui l’unica legge a governare lo scorrere delle cose è la capacità di sopravvivere adeguandosi alla sovranità della natura.

Un romanzo volutamente atemporale che racconta di sentimenti primordiali, quelli che, nonostante l’evoluzione tecnologica e culturale, non cambiano, mantengono l’uomo sempre uguale a se stesso di fronte a dolore e felicità. L’autore ci accompagna in una contemplazione neutrale di valori universali, primo fra tutti la poesia. “Le cose che sappiamo, le cose che abbiamo imparato non le abbiamo apprese dalla morte ma dalla poesia, dalla disperazione e infine dai ricordi felici, come dai grandi tradimenti. Non deteniamo alcuna saggezza, però ciò che vacilla in fondo al nostro animo la sostituisce e forse ha più valore”. Stefánsson, attraverso l’innocenza del suo giovane protagonista, canta  il potere della parola come il solo strumento per stabilire un contatto autentico, unico veicolo vero di emozione, di esperienza.

Ecco quindi che, a lettura completata, il titolo del libro svela più livelli di interpretazione. La tristezza degli angeli non è solo metafora dei fiocchi di neve, quella neve onnipresente, sfibrante e affascinante al tempo stesso. È anche la disperazione (e quindi la poesia) dei personaggi del suo romanzo.  “Siamo a bordo di una barca che fa acqua, e con le reti marce vogliamo pescare le stelle”.

Daniela Falchero

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende