Home » Recensioni » La Tristezza degli Angeli: tra i fiordi del Grande Nord con Jón Kalman Stefánsson:

La Tristezza degli Angeli: tra i fiordi del Grande Nord con Jón Kalman Stefánsson

ottobre 11, 2012 Recensioni

Ecco le lacrime degli angeli, dicono gli indiani del nord del Canada quando cade la neve”. La citazione è tratta da La Tristezza degli Angeli (pp. 384, prezzo di copertina: € 17,50), l’ultimo libro di Jón Kalman Stefánsson, uscito recentemente per i tipi di Iperborea e secondo capitolo della trilogia iniziata con Paradiso e inferno, definito il miglior romanzo islandese degli ultimi anni. Lo scrittore di Reykjavík, infatti, proprio con quel titolo è finalista alla seconda edizione del Premio Grinzane Bottari Lattes, la cui premiazione si svolgerà il prossimo 13 ottobre. Affatto nuovo ai riconoscimenti, Stefánsson ha ricevuto numerose nomine al Premio del Consiglio Nordico e nel 2005 ha vinto il Premio Islandese per la Letteratura con Luce d’estate ed è subito notte, di prossima pubblicazione sempre con Iperborea.

Il romanzo racconta le vicende di due protagonisti: il postino Jensen, un uomo ruvido e di poche parole, e un giovane in procinto di scoprire se stesso nel suo approccio con il mondo esterno. Insieme i due dovranno fronteggiare una missione complicata, portare la posta nei fiordi del Nord, sfidando la severità del clima e del territorio. Il libro, infatti, è ambientato in un’Islanda rigida e fredda, il terzo grande protagonista di questo romanzo imponente e maestoso, scandito da un tempo lento e da immagini quasi cinematografiche. “Qui nevica molto e la tristezza del cielo è bella, è una coperta che ripara la terra dal gelo e illumina l’inverno interminabile, ma può essere anche fredda e impietosa”.

Il viaggio intrapreso dai due protagonisti è un percorso che mette a confronto i principi stessi dell’esistenza: vita e morte, sogno e realtà, innocenza e disincanto. I due protagonisti danno voce e corpo a due momenti precisi della vita di un uomo. Da una parte la giovinezza entusiasta, piena di aspettative e illusioni, dall’altra la maturità, disincantata e consapevole, ma altrettanto attaccata alla vita. Sullo sfondo, una terra quasi primordiale nella sua imparziale asperità, in cui l’unica legge a governare lo scorrere delle cose è la capacità di sopravvivere adeguandosi alla sovranità della natura.

Un romanzo volutamente atemporale che racconta di sentimenti primordiali, quelli che, nonostante l’evoluzione tecnologica e culturale, non cambiano, mantengono l’uomo sempre uguale a se stesso di fronte a dolore e felicità. L’autore ci accompagna in una contemplazione neutrale di valori universali, primo fra tutti la poesia. “Le cose che sappiamo, le cose che abbiamo imparato non le abbiamo apprese dalla morte ma dalla poesia, dalla disperazione e infine dai ricordi felici, come dai grandi tradimenti. Non deteniamo alcuna saggezza, però ciò che vacilla in fondo al nostro animo la sostituisce e forse ha più valore”. Stefánsson, attraverso l’innocenza del suo giovane protagonista, canta  il potere della parola come il solo strumento per stabilire un contatto autentico, unico veicolo vero di emozione, di esperienza.

Ecco quindi che, a lettura completata, il titolo del libro svela più livelli di interpretazione. La tristezza degli angeli non è solo metafora dei fiocchi di neve, quella neve onnipresente, sfibrante e affascinante al tempo stesso. È anche la disperazione (e quindi la poesia) dei personaggi del suo romanzo.  “Siamo a bordo di una barca che fa acqua, e con le reti marce vogliamo pescare le stelle”.

Daniela Falchero

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende