Home » Recensioni » “Laudato sie, mi’ Signore”: San Francesco ecologista ante litteram:

“Laudato sie, mi’ Signore”: San Francesco ecologista ante litteram

giugno 8, 2015 Recensioni

Oggi che la natura, la nostra Terra è considerata solo qualcosa da sfruttare e da piegare alla volontà dell’uomo, il Cantico di Francesco è il più alto manifesto ecologico che sia mai stato scritto”. Così scrive la poetessa Donatella Biasutti nel volume di recente pubblicazione “Laudato sie, mi’ Signore!“, riproposto da Edizioni Messaggero di Padova, con la cura di Fabio Scarsato (120 pp, € 12,00). Un’operazione coraggiosa tanto quanto stimolante quella di riproporre il testo originale del Cantico delle Creature (accompagnato dalle tavole illustrate di Luca Salvagno), con le parole di commento di numerosi scrittori, giornalisti, teologi, bambini, filosofi, persone comuni di fede cattolica, ebrea, musulmana, buddista – per dimostrare quanto ancora oggi le parole di san Francesco comunichino freschezza, verità e incanto davanti al creato. Proprio a poche settimane dalla prevista data di pubblicazione dell’enciclica di Papa Francesco dedicata all’ambiente.

Così commenta lo scrittore Erri De Luca: “il suo ‘Laudato’ è il grazie di chi risale a un creatore. È il grazie dovuto alla bellezza, che non è apparenza ma sostanza. Dev’esserci una intenzione, una divinità dietro lo spargimento della bellezza? Non ci arrivo, non so risalire così in alto. Nel vagabondaggio tra i pensieri mi sono imbattuto in un verso del poeta russo Brodskij: ‘Al mondo non ci sono cause, esistono solo effetti’. È una rinuncia laica che confina le cause nel campo delle ipotesi. Mi sono fermato qui: non esistono cause, per esempio, per la bellezza. Non posso condividere una fede, posso mantenere lo stupore, il tuffo al cuore dell’improvviso scorgere”. L’opera di Francesco, nella visione di De Luca, è pertanto prima di tutto contemplazione della bellezza della natura e un’ode al suo rispetto e alla sua cura. Un messaggio che si dimostra particolarmente attuale se si pensa alla recente introduzione del reato ambientale. Proprio come nota lo psichiatra Vittorino Andreoli, che trova nel messaggio di Francesco una riflessione “sulla visione di una natura di cui l’uomo è parte e allo stesso tempo custode. Una natura che non solo non va deturpata ma va ‘cantata’ nella sua preziosità e magnificenza. […] Francesco così crea il ‘peccato contro il creato’. Peccato come mancanza di rispetto del mondo in cui ci troviamo e dell’uomo che ne è parte”.

Il gastronomo Carlo Petrini spinge la propria interpretazione del messaggio di Francesco ancorapiù in là: il rapporto fra l’uomo e l’ambiente non è solo di cura, bensì più profondo. “Il Cantico esprime un concetto davvero speciale: la terrà è contemporaneamente sia madre, sia sorella. […] ma questa consapevolezza a volte sembra sfuggirci, e le politiche che mettiamo in essere nei confronti del suolo o dell’agricoltura sono ben lontane dall’avere uno sguardo amorevole sulla terra e su chi lavora. […] Riducendo il cibo a semplice commodity, a risultato di un processo più o meno industriale, a qualcosa da afferrare e consumare, abbiamo perso la reciprocità che ci lega a doppio filo con la terra e abbiamo fatto di questa madre-sorella una semplice serva. […] E se l’amore materno e fraterno per la terra è qualcosa di impalpabile e di indegno di essere considerato come cardine delle teorie economiche o dello sviluppo, il lavoro di tutte queste persone e i loro prodotti sono invece lì, nei campi, nei pascoli e sui mari. Possiamo osservarlo, possiamo toccarlo, possiamo letteralmente nutrircene”.

Il giornalista Aldo Cazzullo vede nel messaggio di Francesco un approccio di serena contemplazione del ciclo naturale della vita e della morte: “Nulla nel Cantico delle creature ci appare datato. Alcune cose ci sembrano modernissime: si pensi all’amore per l’ambiente e per tutto il creato”. E aggiunge una riflessione importante sulla morte: “Oggi la morte è rimossa. La tv o il cinema la mostrano più che altro per esorcizzarla. La neghiamo. Non vogliamo neppure sentirla nominare. Francesco ci spiazza. La vede come parte della vita. La chiama sorella. Ringrazia Dio per avercela data. Un approccio rivoluzionario alla morte. […] La morte è nascosta negli orologi, scrive il Belli. Accettarlo non come una condanna, ma l’ordine naturale delle cose, è una grande passo avanti per l’uomo. Arrivare a lodare Dio per questo, è cosa da santi, o da papi”.

L’occasione che ci offrono i frati delle Edizioni Messaggero Padova è quella di rinfrescare la memoria riguardo l’opera di San Francesco, il primo e più antico testo poetico della letteratura italiana, ma soprattutto di riscoprirne l’attualità per metterla a confronto con le parole che si attendono da papa Francesco, nella sua imminente “enciclica sull’ambiente”, annunciata per il 18 giugno e intitolata, a quanto pare, proprio “Laudato si‘”. Un segnale importante, che conferma l’intenzione del papa di dare all’azione della Chiesa una presa più consapevole su tutti i problemi della società odierna, tra i quali l’ambiente è sicuramente un’urgenza prioritaria.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende