Home » Recensioni » Le metodologie della sostenibilità. Un saggio per spiegare l’ecologia dei “sistemi socio-tecnici”:

Le metodologie della sostenibilità. Un saggio per spiegare l’ecologia dei “sistemi socio-tecnici”

febbraio 23, 2015 Recensioni

Quali sono i rapporti che intercorrono tra economia, ambiente e sviluppo tecnologico? E soprattutto, quali sono le metodologie più complete per riuscire a misurarne la complessità dell’impatto? Fiorenzo Martini cerca di fare chiarezza su questi temi con il saggio “Ecologia dei sistemi socio-tecnici” (L’Harmattan Italia Editore, 100 pagg., 14 euro), presentato a Torino ad ottobre, in occasione di un incontro curato dalla Cattedra Unesco in Sostenibilità Ambientale e Gestione del Territorio dell’Università di Torino. L’autore, docente di Economia Ambientale nell’ateneo torinese, è anche consulente IRES (Istituto di ricerche economico sociali del Piemonte) per il progetto “Sostenibilità ambientale di settore economico”. Lo scopo del libro è quello di discutere le principali metodologie che consentono di rappresentare la pressione sugli ecosistemi di organizzazioni, prodotti, processi, servizi, aree urbane. Come ben spiegato nell’esaustiva introduzione, sono “prospettiva istituzionale, approccio empirico e utilizzabilità pratica” le caratteristiche di base di questo lavoro. A carattere didattico, il libro si rivolge a studenti universitari, addetti di enti pubblici e privati, ricercatori in economia, sociologia o scienze naturali, comunicatori e giornalisti.

Ma, scendendo nella pratica, di che cosa si parla? Per spiegarlo bisogna partire dai concetti di “ecologia” e di “sistema socio-tecnico”. Il termine ecologia, letteralmente “branca delle scienze naturali che studia gli ecosistemi e quindi le interazioni degli organismi tra loro e con l’ambiente circostante”, viene inteso in questo caso come flusso di materia ed energia che sostiene le società umane e le loro attività. La nozione di sistema socio-tecnico, invece, si basa sul concetto che imprese, città, regioni, economie nazionali sono combinazioni di mezzi e di persone che puntano ad ottenere determinati risultati, ma riguarda anche una questione più profonda relativa alla “tecnica” e al riconoscimento della sua supremazia nella società attuale. Tra questi due concetti bisogna tenere conto anche dell’“economia”. Per quanto non sia al primo posto nelle vicende umane, è importante definire l’economia nelle sue relazioni con altri fattori più concreti, e in particolare il concetto di attività economico-sociali in rapporto all’utilizzo sostenibile delle risorse naturali. È ormai chiaro che l’attività economica è nello stesso tempo un processo volto alla creazione di ricchezza e un modo di uso della natura: forse è giunta l’ora di distinguere nettamente i due ambiti, anche sotto il profilo dei rispettivi apparati analitici.

Questi sono, per sommi capi, i concetti chiave che si possono ritrovare nel saggio, che si sviluppa in cinque capitoli ognuno dei quali seguito o intervallato da uno o più casi studio, esercitazioni ed esempi che illustrano le potenzialità delle metodologie proposte. Nei primi tre capitoli, Martini affronta temi largamente dibattuti, quali i modelli per la valutazione ecologica dei consumi, gli indicatori di footprint (ecological, carbon e water), le pratiche di corporate social responsibility (CSR) suggerendo per quest’ultimo fine anche l’utilizzo di un indicatore sinora trascurato come l’HANPP (Human Appropriation of Net Primary Production), in grado di dirci quanto le attività umane prelevano del prodotto della fotosintesi. È, però, il quarto capitolo quello più lungo e articolato, in cui ci si concentra sugli strumenti di comunicazione delle performances ambientali di sostenibilità: particolare attenzione meritano la reportistica societaria e la comunicazione aziendale, i cui cambiamenti riflettono le importanti trasformazioni in atto nella realtà produttiva. Infine, nel quinto ed ultimo capitolo, si discute di un filone ri-emergente negli studi socio-ecologici come quello del metabolismo urbano.

Fra contabilità ambientale e social ecology, un campo inedito del sapere sta emergendo, volto a coniugare approccio empirico, utilizzabilità pratica e rigore metodologico. Questo saggio ne racconta la “scoperta” e cerca di fornirgli coerenza logica e prospettive di applicazione in ambiti che spaziano dall’analisi dei consumi, all’ecologia urbana, sino all’economia industriale.

Elisabetta Redavid

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

I premi del 20° Cinemambiente. Vince l’angoscia per la plastica

giugno 6, 2017

I premi del 20° Cinemambiente. Vince l’angoscia per la plastica

Il 20° Festival CinemAmbiente si è concluso nella Giornata Mondiale dell’Ambiente con la cerimonia di premiazione, al Cinema Massimo di Torino, e la proiezione del film La Vallée des loups di Jean-Michel Bertrand (Premio “Movies Save the Planet”). Pur in assenza degli eventi “di piazza” in cartellone nell’edizione 2016, anche quest’anno il Festival ha registrato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende