Home » Idee »Internazionali »Politiche »Recensioni » “Le tempeste” dei nipoti di James Hansen:

“Le tempeste” dei nipoti di James Hansen

dicembre 6, 2010 Idee, Internazionali, Politiche, Recensioni

James Hansen, Courtesy of smh.comIl “nonno del riscaldamento globale”. Questo è il soprannome di James Hansen, autore del nuovo libro Tempeste, edito in Italia da Edizioni Ambiente (il titolo inglese è Storms of my Grandchildren, “Le Tempeste dei miei Nipoti”). In realtà James Hansen non è un nonno qualunque: è uno scienziato della NASA ed è stato relatore per la Task Force statunitense sui cambiamenti climatici, a cui hanno partecipato Colin Powell, Condoleeza Rice e altri membri del Gabinetto USA. E’ a conoscenza dell’urgenza di agire per contrastare i cambiamenti climatici e a deciso di iniziare a spiegarlo a tutti, per i suoi nipoti. Lo abbiamo incontrato a Roma nel suo tour di presentazione del libro.

D) Il libro Tempeste presenta il tema della scienza dei cambiamenti climatici in un modo molto semplice e chiaro, passando dalle forze radianti alle politiche di riduzione delle emissioni di gas serra. Cosa l’ha portata a scrivere questo libro?

R) La storia descritta poteva apparire un po’ complicata, perché è necessario mettere in connessione la scienza con le implicazioni per la politica. Credevo che spiegando chiaramente quello che è necessario fare, ad esempio la necessità di risolvere la dipendenza dai combustibili fossili, allora la logica conseguenza sarebbe stata di intraprendere i passi necessari. Ma i politici non lo fanno. Sono andato da Gran Bretagna, Germania, e altri 6/7 Stati, alcuni dei quali citati nel libro. Ogni volta ne uscivo sconfitto: anche se i governatori dicevano parole giuste sui cambiamenti necessari, nei fatti le loro politiche sono quasi sempre business-as-usual, o piccole variazioni. Quindi ho voluto rendere la storia chiara, per far capire anche al grande pubblico, che deve fare pressione sui governi affinché intraprendano le politiche opportune. Come ho scritto, nel 2005, da scienziato, ho deciso di iniziare a parlare in pubblico. Non volevo che i miei nipoti pensassero: “Il nonno aveva capito cosa stava succedendo, ma non si è spiegato chiaramente”. Adesso cerco di spiegarlo chiaramente, attraverso questo libro e i discorsi in pubblico…

D) In questi giorni si tiene la Conferenza sul Clima di Cancun. Il Segretario Generale nel discorso di apertura ha dichiarato che trovare un compromesso sarebbe un successo. Nel suo libro lei afferma che “la natura e le leggi della fisica non scendono a compromessi”. Ha una visione, una soluzione diversa al problema dei cambiamenti climatici?

R) Adesso ho una nuova visione su cui sono ottimista: sono stato in Cina due settimane fa e ho constatato che la Cina dal punto di vista tecnico sta andando nella giusta direzione. Sta investendo molto denaro sulle energie rinnovabili ed energia nucleare (fonti di energia che non producono carbonio), sono i primi nella produzione di pannelli solari, turbine eoliche e impianti nucleari. Ma la cosa essenziale è che hanno delle motivazioni molto forti per muoversi verso l’energia pulita: hanno molto inquinamento locale;  saranno profondamente colpiti dai cambiamenti climatici; hanno 300 milioni di persone che vivono in località sotto il livello del mare; non vogliono essere dipendenti dai combustibili fossili come gli Stati Uniti; vogliono che i loro investimenti in energia verde vengano ripagati. Quello che devono fare è quindi mettere una tassa sul carbonio – e credo che l’abbiano capito e stiano considerando l’opportunità. Dall’altra parte, è impossibile ricevere il necessario supporto dal governo degli Stati Uniti, a causa del potere dell’industria dei combustibili fossili, che è così potente da essere riuscita a non far passare la legge su energia e ambiente. Ma quello che ho capito è che ciò non è necessario: se l’Europa si accordasse con la Cina per mettere una tassa sulla CO2 e imporre un dazio sulle merci importate dagli Stati Uniti, allora questo obbligherebbe gli USA ad aderire al sistema o a contribuire economicamente. Penso che questo funzionerebbe, ma sarebbe duro trovare degli Stati Europei che siano veramente interessati a risolvere il problema dei cambiamenti climatici… Gli europei hanno proposto lo schema “Goldman Sachs’ cap-and-trade” [lo European Emission Trading Scheme, N.d.R.], disegnato da grandi banche e compagnie petrolifere. Dovrebbero invece risolvere il problema onestamente, con un’onesta accisa, che comprenda tutti i combustibili fossili, petrolio, gas e carbone. Una semplice e onesta tassa.

D) Ma in Europa le emissioni di CO2 sono diminuite  anche attraverso il cap-and-trade. E’ appena uscito un nuovo report che parla del 17% rispetto al 1990. Certo, anche la crisi economica ha influito, comunque c’è stato un cambiamento di tendenza visibile, non crede?

R) No, il cambiamento non è stato significativo. Se vediamo i dati globali, scopriamo che lo stile di vita europeo non è cambiato, che il consumo di CO2 pro-capite è rimasto invariato: solo la sua produzione si è spostata in Paesi come la Cina.

D) Vista l’attuale tendenza a diminuire i fondi pubblici, pensa che sarà  semplice introdurre una “semplice tassa”?

R) Se i governi prendessero in seria considerazione il problema dei cambiamenti climatici e volessero farlo davvero, spiegherebbero la motivazioni della tassa al pubblico. Spiegherebbero che è l’unico modo per fare cambiare le industrie è far loro pagare il costo sociale dei combustibili fossili.

D) Nel suo libro ha parlato di “resistenza civile”. Cosa deve fare un cittadino per contribuire a risolvere il problema del clima?

R) Ci sono le azioni individuali, ma queste hanno un risultato solo se rientrano nel contesto di una politica globale. Se gli individui riducono il loro consumo di combustibili fossili, l’effetto è di ridurre la domanda, che fa abbassare i prezzi, e qualcun altro consumerà il loro carburante. Senza un politica globale non si può risolvere il problema, infatti le emissioni stanno aumentando globalmente ogni anno. Come parte della policy, certo, le azioni individuali sono importanti. Ma occorre fare pressioni sui governi, che attualmente non fanno niente di consistente per il clima. Altrimenti i nostri nipoti si troveranno a vivere in un mondo completamente diverso da quello di oggi.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende