Home » Recensioni » L’econnivoro, un “food detective” per lanciare la nuova rivoluzione alimentare:

L’econnivoro, un “food detective” per lanciare la nuova rivoluzione alimentare

luglio 31, 2014 Recensioni

Ecco, inaspettatamente, una voce fuori dal coro. Quella di Massimo Andreuccioli, che nel suo libro L’econnivoro, uscito di recente per i tipi di Ultra (pp. 192, 14,00 euro), tratta la tesi a favore di un consumo ridotto e consapevole di carne che intende evitare gli eccessi ideologici. L’autore intende, infatti, sensibilizzare e allargare il dibattito su un tema scottante, come l’impatto che ha il consumo di carne sulla vita di tutti noi in termini di salute personale, ambientale e sociale, indicando un approccio informato e di buon senso come la via per arrivare a un “nuovo futuro sostenibile” senza fanatismi.

“Credo, e forse non sono l’unico, che l’uomo di oggi è destinato all’estinzione. Questo, tuttavia, non vuol dire che l’uomo scomparirà. Scomparirà l’uomo del presente e al suo posto nascerà l’uomo del futuro. […] Forse quel salto evolutivo necessario dal quale nascerà l’uomo del futuro, l’essere umano in grado di vivere in armonia e nel rispetto del paradiso naturale che lo circonda, sarà la conseguenza di una trasformazione, di un cambiamento che per prima cosa avverrà a tavola, o al supermercato, mentre fa la spesa; la vera rivoluzione partirà dal corpo, e non dalla mente. E riguarderà tutti, perché modificando le nostre scelte alimentari cambieremo anche il nostro modo di vivere e di pensare”.

Forte di questa convinzione, Andreuccioli porta il suo lettore in un viaggio piuttosto articolato, che inizia dal supermercato. Nei panni di food detective che indaga sulle origini della carne venduta al banco frigo, l’autore riflette sulle dinamiche degli allevamenti intensivi, prendendo in considerazioni più elementi: le condizioni di vita degli animali, la qualità dei prodotti forniti dagli allevamenti di questo tipo, le conseguenze ambientali che tutto il sistema comporta, considerando non solo l’impatto della manutenzione dell’allevamento in sé, ma anche della produzione di carne e del trasporto ai punti vendita.

Lo studio di tutti questi fattori porta l’autore ad auspicare che il consumo di carne venga se non eliminato, perlomeno ridotto. A favore di un regime alimentare più orientato a frutta e verdura, più sostenibile e più sano. Da qui l’importanza di una spesa di stagione e “a Km.0″, di un rapporto quasi uno a uno con i propri fornitori alimentari, di una scelta di qualità e non di quantità. “Inizialmente potrebbe risultare difficile non mangiare carne tutti i giorni, o mangiare una bella bistecca una volta a settimana. Ma se quella volta, le vostre papille gustative esulteranno di piacere, allora cambiare sarà semplice e inevitabile. La stessa cosa vale per tutti gli alimenti, così come per tutti gli aspetti della vita. Consumare di meno, si chiama decrescita, consumare meno ma meglio, si chiama decrescita felice”.

Andreuccioli non dimentica un altro aspetto fondamentale, quello economico. “In un sistema dominato dalla logica del profitto, lo slancio ecologico deve essere necessariamente supportato da una strategia economica vincente. Per questo motivo è necessario inserire un circuito di microeconomie all’interno della matassa inestricabile della macroeconomia mondiale: il sistema multilocale (ovvero il concentramento di tante piccole realtà localizzate, solidali e vicine) versus il sistema delle multinazionali, un patto di solidarietà popolare (cointeressanza) contro il patto di stabilità finanziario. La vita contro il denaro. Il vissuto contro il virtuale. Il vero contro il falso”.

Non a caso il sottotitolo del libro è proprio Manuale di resistenza alimentare. L’autore vuole fare cultura e non teoria, per questo scende nella pratica quotidiana fornendo suggerimenti su come allargare una rivoluzione alimentare che in realtà è già iniziata con i gruppi di acquisto, i mercati contadini, la piccola distribuzione a Km. 0. Al fondo del volume, un elenco di aziende, allevamenti e mercati, distribuiti in tutta Italia, dove è possibile acquistare prodotti biologici e di qualità. Cui si aggiunge una serie di interviste a “persone, personaggi, personalità” che hanno dirottato le proprie scelte di vita verso questo orientamento, raggiungendo successi personali, economici, sociali. Come recita la quarta di copertina “l’econnivoro è l’uomo del futuro, l’essere umano in grado di vivere in armonia e nel rispetto del paradiso naturale che lo circonda, promotore di una nuova forma di consumo etico e sostenibile”.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

I premi del 20° Cinemambiente. Vince l’angoscia per la plastica

giugno 6, 2017

I premi del 20° Cinemambiente. Vince l’angoscia per la plastica

Il 20° Festival CinemAmbiente si è concluso nella Giornata Mondiale dell’Ambiente con la cerimonia di premiazione, al Cinema Massimo di Torino, e la proiezione del film La Vallée des loups di Jean-Michel Bertrand (Premio “Movies Save the Planet”). Pur in assenza degli eventi “di piazza” in cartellone nell’edizione 2016, anche quest’anno il Festival ha registrato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende