Home » Recensioni » L’econnivoro, un “food detective” per lanciare la nuova rivoluzione alimentare:

L’econnivoro, un “food detective” per lanciare la nuova rivoluzione alimentare

luglio 31, 2014 Recensioni

Ecco, inaspettatamente, una voce fuori dal coro. Quella di Massimo Andreuccioli, che nel suo libro L’econnivoro, uscito di recente per i tipi di Ultra (pp. 192, 14,00 euro), tratta la tesi a favore di un consumo ridotto e consapevole di carne che intende evitare gli eccessi ideologici. L’autore intende, infatti, sensibilizzare e allargare il dibattito su un tema scottante, come l’impatto che ha il consumo di carne sulla vita di tutti noi in termini di salute personale, ambientale e sociale, indicando un approccio informato e di buon senso come la via per arrivare a un “nuovo futuro sostenibile” senza fanatismi.

“Credo, e forse non sono l’unico, che l’uomo di oggi è destinato all’estinzione. Questo, tuttavia, non vuol dire che l’uomo scomparirà. Scomparirà l’uomo del presente e al suo posto nascerà l’uomo del futuro. […] Forse quel salto evolutivo necessario dal quale nascerà l’uomo del futuro, l’essere umano in grado di vivere in armonia e nel rispetto del paradiso naturale che lo circonda, sarà la conseguenza di una trasformazione, di un cambiamento che per prima cosa avverrà a tavola, o al supermercato, mentre fa la spesa; la vera rivoluzione partirà dal corpo, e non dalla mente. E riguarderà tutti, perché modificando le nostre scelte alimentari cambieremo anche il nostro modo di vivere e di pensare”.

Forte di questa convinzione, Andreuccioli porta il suo lettore in un viaggio piuttosto articolato, che inizia dal supermercato. Nei panni di food detective che indaga sulle origini della carne venduta al banco frigo, l’autore riflette sulle dinamiche degli allevamenti intensivi, prendendo in considerazioni più elementi: le condizioni di vita degli animali, la qualità dei prodotti forniti dagli allevamenti di questo tipo, le conseguenze ambientali che tutto il sistema comporta, considerando non solo l’impatto della manutenzione dell’allevamento in sé, ma anche della produzione di carne e del trasporto ai punti vendita.

Lo studio di tutti questi fattori porta l’autore ad auspicare che il consumo di carne venga se non eliminato, perlomeno ridotto. A favore di un regime alimentare più orientato a frutta e verdura, più sostenibile e più sano. Da qui l’importanza di una spesa di stagione e “a Km.0″, di un rapporto quasi uno a uno con i propri fornitori alimentari, di una scelta di qualità e non di quantità. “Inizialmente potrebbe risultare difficile non mangiare carne tutti i giorni, o mangiare una bella bistecca una volta a settimana. Ma se quella volta, le vostre papille gustative esulteranno di piacere, allora cambiare sarà semplice e inevitabile. La stessa cosa vale per tutti gli alimenti, così come per tutti gli aspetti della vita. Consumare di meno, si chiama decrescita, consumare meno ma meglio, si chiama decrescita felice”.

Andreuccioli non dimentica un altro aspetto fondamentale, quello economico. “In un sistema dominato dalla logica del profitto, lo slancio ecologico deve essere necessariamente supportato da una strategia economica vincente. Per questo motivo è necessario inserire un circuito di microeconomie all’interno della matassa inestricabile della macroeconomia mondiale: il sistema multilocale (ovvero il concentramento di tante piccole realtà localizzate, solidali e vicine) versus il sistema delle multinazionali, un patto di solidarietà popolare (cointeressanza) contro il patto di stabilità finanziario. La vita contro il denaro. Il vissuto contro il virtuale. Il vero contro il falso”.

Non a caso il sottotitolo del libro è proprio Manuale di resistenza alimentare. L’autore vuole fare cultura e non teoria, per questo scende nella pratica quotidiana fornendo suggerimenti su come allargare una rivoluzione alimentare che in realtà è già iniziata con i gruppi di acquisto, i mercati contadini, la piccola distribuzione a Km. 0. Al fondo del volume, un elenco di aziende, allevamenti e mercati, distribuiti in tutta Italia, dove è possibile acquistare prodotti biologici e di qualità. Cui si aggiunge una serie di interviste a “persone, personaggi, personalità” che hanno dirottato le proprie scelte di vita verso questo orientamento, raggiungendo successi personali, economici, sociali. Come recita la quarta di copertina “l’econnivoro è l’uomo del futuro, l’essere umano in grado di vivere in armonia e nel rispetto del paradiso naturale che lo circonda, promotore di una nuova forma di consumo etico e sostenibile”.

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende