Home » Idee »Recensioni » Letture per ecomamme (e legislatori): “Biberon al piombo”:

Letture per ecomamme (e legislatori): “Biberon al piombo”

agosto 29, 2013 Idee, Recensioni

Una vernice scrostata su una vecchia serranda. Una strada trafficata vicino al cortile della scuola. Pesci del lago vicino portatori di morte. “Biberon al piombo”, di Maria Cristina Saccuman (Sironi Editore) affronta con scientificità e rigore narrativo il tema importante dell’impatto dell’inquinamento sulla salute dei bambini. “Che cosa rende unico ogni bambino? Che cosa lo rende così diverso dagli altri? E’ la genetica. E’ l’ambiente. E’ la genetica più l’ambiente. E’ l’ambiente che trasforma la genetica. Natura e cultura. Natura e cura. Interazioni, fino in fondo e fin dal principio”, avverte sin dalle prime righe l’autrice.

Con preziose ricostruzioni storiche – dal saturnismo indotto dal piombo degli acquedotti romani al cancro degli spazzacamini inglesi nel Settecento, fino al crollo del Word Trade Center nel 2001 e ai giorni nostri – il testo sintetizza i numerosi studi scientifici condotti in diversi Paesi fino all’affermarsi recente di normative a tutela della salute, con la messa al bando di alcune sostanze o la limitazione del loro impiego.“L’inquinamento dell’aria (…) colpisce particolarmente i bambini. E’ come se i piccoli vivessero in città parallele rispetto a quelle abitate dagli adulti, dove l’aria è ancora più inquinata. Ciò che li rende così vulnerabili è l’immaturità dei loro polmoni, che si sviluppano lentamente, diventando pienamente funzionali solo intorno agli otto anni”.

I casi narrati dall’autrice abbracciano tanti elementi, e i materiali derivati, rivelatisi nocivi per l’uomo e particolarmente tossici per gli organismi in formazione. “Alcune sostanze hanno un’azione che colpisce ancora più intimamente, limitando la capacità di imparare, ricordare e pensare”. Al primo capitolo, dedicato agli effetti del piombo, segue una panoramica eccezionale di situazioni di contesto, con scenari socio-economici ben approfonditi, e ricerche scientifiche narrate in un linguaggio accessibile e piano, senza omettere metodi d’indagine e fattori distorsivi ponderati nel riscontro delle ipotesi. In molti episodi riportati, il rischio per la salute derivante dall’uso di determinati metalli pesanti o di prodotti di laboratorio creati dall’industria, è stato a lungo sottovalutato o mal interpretato per via di sintomi ambivalenti. Ma anche, talvolta, colpevolmente ignorato. Come nel caso di Minamata, regione del Giappone in cui un disastro ambientale perpetrato da un’industria causò l’avvelenamento da metilmercurio del pesce locale, e, tramite questo alimento, mangiato anche da donne in gravidanza, condannò a malformazioni cerebrali intere generazioni di quella popolazione.

Estremamente significativo che “dai tempi del bando del DDT, è pratica validata dall’OMS quella di monitorare la presenza di inquinanti analizzando il latte materno”. Il perché è presto detto: “E’ più facile da ottenere del plasma e contiene la stessa concentrazione di inquinanti per grammo di grasso degli altri tessuti del corpo. In più, attraverso il latte si ha un’idea dell’esposizione infantile agli inquinanti”. Ancora oltre: “Il latte inquinato scandalizza e ha peso politico. E’ la diossina nel latte delle donne a diventare simbolo dell’inquinamento nei casi delle acciaierie di Taranto e delle discariche del casertano”.

Interessanti i passaggi sulle diossine e sui policlorobifenili (Pcb), per cui sono citati diversi casi italiani relativamente recenti: dal più noto Seveso, comune intossicato da diossine in seguito all’esplosione dell’Icmesa del vicino centro di Meda, alla Caffaro di Brescia (attiva fino agli anni Ottanta). Può allarmare il capitolo sugli inquinanti persistenti, i Persistent Organic Pollutants (POP). Questi ultimi sono sostanze “presenti nel corpo di praticamente tutti gli abitanti della Terra, compresi quelli che vivono in regioni dove nessuna di queste sostanze è stata mai prodotta o usata: questo accade perché si spostano attraverso un meccanismo chiamato distillazione globale”. Attraverso fasi di evaporazione e di condensazione legate alle temperature, queste sostanze riescono ad arrivare anche in luoghi remoti, come i poli o in alta quota. “E’ il paradosso Artico – spiega Saccuman a pag.95 – zone remote, che non conoscono industrie e agricoltura, con una popolazione che vive di caccia e pasca, hanno livelli di contaminazione fra i più alti del mondo”.

Emergono anche dati positivi, come a proposito del black carbon, il “carbonio misurato per la sua capacità di assorbire la luce. E’ una misura che ci dice quanto è nero il particolato”. Ebbene, “se si misura il black carbon invece del generico Pm10 o Pm2,5, diventa evidente che le misure di riduzione del traffico funzionano”. Come pure è importante, per uno sviluppo neurologico compromesso da agenti tossici, un ambiente stimolante ed emotivamente ricco, che coinvolga i bambini.

“Biberon al piombo” potrà creare consapevolezza e aumentare il livello di attenzione verso ciò che mangiamo e i luoghi in cui viviamo. Perchè se “non si può chiedere ai bambini di muoversi nel mondo come se fosse pieno di minacce (…) a noi adulti rimane un compito non facile: cercare le informazioni, discriminare, spingere perchè si agisca nella giusta direzione”.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende