Home » Idee »Recensioni » Letture per ecomamme (e legislatori): “Biberon al piombo”:

Letture per ecomamme (e legislatori): “Biberon al piombo”

agosto 29, 2013 Idee, Recensioni

Una vernice scrostata su una vecchia serranda. Una strada trafficata vicino al cortile della scuola. Pesci del lago vicino portatori di morte. “Biberon al piombo”, di Maria Cristina Saccuman (Sironi Editore) affronta con scientificità e rigore narrativo il tema importante dell’impatto dell’inquinamento sulla salute dei bambini. “Che cosa rende unico ogni bambino? Che cosa lo rende così diverso dagli altri? E’ la genetica. E’ l’ambiente. E’ la genetica più l’ambiente. E’ l’ambiente che trasforma la genetica. Natura e cultura. Natura e cura. Interazioni, fino in fondo e fin dal principio”, avverte sin dalle prime righe l’autrice.

Con preziose ricostruzioni storiche – dal saturnismo indotto dal piombo degli acquedotti romani al cancro degli spazzacamini inglesi nel Settecento, fino al crollo del Word Trade Center nel 2001 e ai giorni nostri – il testo sintetizza i numerosi studi scientifici condotti in diversi Paesi fino all’affermarsi recente di normative a tutela della salute, con la messa al bando di alcune sostanze o la limitazione del loro impiego.“L’inquinamento dell’aria (…) colpisce particolarmente i bambini. E’ come se i piccoli vivessero in città parallele rispetto a quelle abitate dagli adulti, dove l’aria è ancora più inquinata. Ciò che li rende così vulnerabili è l’immaturità dei loro polmoni, che si sviluppano lentamente, diventando pienamente funzionali solo intorno agli otto anni”.

I casi narrati dall’autrice abbracciano tanti elementi, e i materiali derivati, rivelatisi nocivi per l’uomo e particolarmente tossici per gli organismi in formazione. “Alcune sostanze hanno un’azione che colpisce ancora più intimamente, limitando la capacità di imparare, ricordare e pensare”. Al primo capitolo, dedicato agli effetti del piombo, segue una panoramica eccezionale di situazioni di contesto, con scenari socio-economici ben approfonditi, e ricerche scientifiche narrate in un linguaggio accessibile e piano, senza omettere metodi d’indagine e fattori distorsivi ponderati nel riscontro delle ipotesi. In molti episodi riportati, il rischio per la salute derivante dall’uso di determinati metalli pesanti o di prodotti di laboratorio creati dall’industria, è stato a lungo sottovalutato o mal interpretato per via di sintomi ambivalenti. Ma anche, talvolta, colpevolmente ignorato. Come nel caso di Minamata, regione del Giappone in cui un disastro ambientale perpetrato da un’industria causò l’avvelenamento da metilmercurio del pesce locale, e, tramite questo alimento, mangiato anche da donne in gravidanza, condannò a malformazioni cerebrali intere generazioni di quella popolazione.

Estremamente significativo che “dai tempi del bando del DDT, è pratica validata dall’OMS quella di monitorare la presenza di inquinanti analizzando il latte materno”. Il perché è presto detto: “E’ più facile da ottenere del plasma e contiene la stessa concentrazione di inquinanti per grammo di grasso degli altri tessuti del corpo. In più, attraverso il latte si ha un’idea dell’esposizione infantile agli inquinanti”. Ancora oltre: “Il latte inquinato scandalizza e ha peso politico. E’ la diossina nel latte delle donne a diventare simbolo dell’inquinamento nei casi delle acciaierie di Taranto e delle discariche del casertano”.

Interessanti i passaggi sulle diossine e sui policlorobifenili (Pcb), per cui sono citati diversi casi italiani relativamente recenti: dal più noto Seveso, comune intossicato da diossine in seguito all’esplosione dell’Icmesa del vicino centro di Meda, alla Caffaro di Brescia (attiva fino agli anni Ottanta). Può allarmare il capitolo sugli inquinanti persistenti, i Persistent Organic Pollutants (POP). Questi ultimi sono sostanze “presenti nel corpo di praticamente tutti gli abitanti della Terra, compresi quelli che vivono in regioni dove nessuna di queste sostanze è stata mai prodotta o usata: questo accade perché si spostano attraverso un meccanismo chiamato distillazione globale”. Attraverso fasi di evaporazione e di condensazione legate alle temperature, queste sostanze riescono ad arrivare anche in luoghi remoti, come i poli o in alta quota. “E’ il paradosso Artico – spiega Saccuman a pag.95 – zone remote, che non conoscono industrie e agricoltura, con una popolazione che vive di caccia e pasca, hanno livelli di contaminazione fra i più alti del mondo”.

Emergono anche dati positivi, come a proposito del black carbon, il “carbonio misurato per la sua capacità di assorbire la luce. E’ una misura che ci dice quanto è nero il particolato”. Ebbene, “se si misura il black carbon invece del generico Pm10 o Pm2,5, diventa evidente che le misure di riduzione del traffico funzionano”. Come pure è importante, per uno sviluppo neurologico compromesso da agenti tossici, un ambiente stimolante ed emotivamente ricco, che coinvolga i bambini.

“Biberon al piombo” potrà creare consapevolezza e aumentare il livello di attenzione verso ciò che mangiamo e i luoghi in cui viviamo. Perchè se “non si può chiedere ai bambini di muoversi nel mondo come se fosse pieno di minacce (…) a noi adulti rimane un compito non facile: cercare le informazioni, discriminare, spingere perchè si agisca nella giusta direzione”.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende