Home » Internazionali »Politiche »Recensioni » L’incubo del nucleare: le scorie:

L’incubo del nucleare: le scorie

ottobre 20, 2009 Internazionali, Politiche, Recensioni

nucleareIl 13 ottobre scorso l’emittente franco-tedesca ARTE ha trasmesso in anteprima mondiale il documentario “Déchets, le cauchemar du nucléaire” – “Le scorie, l’incubo del nucleare” – di Éric Guéret e Laure Noualhat, accompagnato dalla pubblicazione di un libro e di un Dvd acquistabili sul sito di ARTE.

Il film, che in Francia ha causato un dibattito piuttosto acceso, cerca di chiarire quelli che sono gli aspetti più controversi e nascosti dell’energia nucleare, ossia quelli legati allo smaltimento delle scorie; “perché le scorie sono il punto debole del nucleare, sono il suo tallone d’Achille, il suo peggior incubo.”

In un’epoca come quella attuale, in cui l’approvigionamento energetico e il riscaldamento globale sono problemi reali, alcuni propongono l’energia nucleare come soluzione “pulita” a lungo termine. Gli autori del documentario, Guéret e Noualhat, hanno cercato di fare il punto sulla questione, con risultati per molti versi impressionanti.

Laurie Noulhat in un’intervista video (disponibile qui, in lingua francese) racconta come i primi tentativi di “risolvere” i problemi di smaltimento risalgono al 1947, quando gli americani gettarono migliaia di tonnellate di scorie radioattive direttamente nell’oceano, imitati da inglesi e svizzeri e dalla maggior parte dei paesi nuclearizzati. ”Pratica decisamente comoda: la preoccupazione infatti è come farle sparire, non come gestirle”, sostiene la Noulhat.

Le fa eco Guéret, regista e autore del documentario: in tutte le indagini d’archivio svolte emerge che i ricercatori coinvolti nello sviluppo dell’industria nucleare inizialmente non considerarono le scorie un problema: “in una Natura che all’epoca sembrava infinita, la strategia migliore, secondo loro, era proprio quella della diluizione dei rifiuti radioattivi nell’ambiente.”

Questo modus operandi, secondo gli autori, è continuato finché le prime associazioni ambientaliste, a partire da Greenpeace, non hanno iniziato – negli anni ’90 – a sensibilizzare i cittadini sull’urgenza del problema e sulla sua rapidità di diffusione. Per fare un esempio: gettare scorie a La Hague (dove la Francia dovrebbe stoccare e processare le scorie) può avere ripercussioni sul paese di Tomsk, in Siberia – dove infatti sono stati recentemente trovati rifiuti nucleari francesi.

Eppure la Francia è stata la prima nazione a dotarsi di un’agenzia per lo smaltimento delle scorie radioattive (Andra), nel 1979, e a promulgare una legge apposita – la “Loi Bataille” del ’91, seguita, quindici anni dopo, da un’ulteriore legge sulla gestione dei rifiuti dell’industria nucleare. Ciò che spesso non è così evidente al cittadino è che esiste infatti una vera e propria industria che vive sull’energia nucleare, il che pone la questione degli interessi economici in gioco e della compatibilità di questi con i problemi dell’ambiente.

In risposta ai dati forniti dalla lobby nucleare francese la Noualhat fa alcuni calcoli: “Non è più una questione ambientale, è una questione di efficacia industriale del ritrattamento: le fonti sostengono che il 96% dei materiali è riciclabile. Tuttavia, ci siamo resi conto che l’85% di questi materiali è conservato e il restante 15% è inviato in Russia, a Tomsk. Laggiù, un processo di riarricchimento fa in modo che si elimini il 90% del materiale; il restante 10% viene riportato in Francia e utilizzato solo in 2 dei 58 reattori. In teoria, quel che viene riciclato è il 10%, mentre in realtà è l’1,5%”, perché viene riciclato soltanto il 10% del 15% del materiale dichiarato riciclabile. Tutto il resto viene in un certo senso “abbandonato” alle generazioni che seguiranno”.

L’Italia, com’è noto, non ricorre più al nucleare come forma di approvvigionamento energetico fin dal referendum abrogativo del 1987 (che sancì di fatto la chiusura delle quattro centrali presenti nel nostro Paese), ma il dibatitto si è recentemente riaperto anche nella Penisola.

Quali che siano i singoli sviluppi nazionali, tuttavia, dal documentario di Guéret e Noualhat emerge piuttosto chiaramente come il problema dello smaltimento delle scorie non abbia davvero confini.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“A seminar la buona pianta” torna a Milano dal 29 settembre

settembre 25, 2017

“A seminar la buona pianta” torna a Milano dal 29 settembre

Il festival culturale “A Seminar la Buona Pianta“, firmato Aboca, giunge alla sua sesta edizione e ritorna a Milano, dal 29 settembre al 1 ottobre, con l’obiettivo di continuare a indagare il rapporto uomo-mondo vegetale e la volontà di contribuire a formare, nella popolazione italiana, una maggiore coscienza e responsabilità sullo sviluppo sostenibile e la salute umana. Anche [...]

Borse di studio UNESCO “MAB Young Scientists Award”. Fino al 30 novembre

settembre 22, 2017

Borse di studio UNESCO “MAB Young Scientists Award”. Fino al 30 novembre

Fin dal 1989 il Programma Uomo e Biosfera dell’UNESCO ha finanziato, con borse di studio del valore massimo di 5.000 dollari, giovani scienziati che abbiano condotto ricerche sugli ecosistemi, sulle risorse naturali e sulla biodiversità. Mediante tali borse di studio (chiamate “MAB Young Scientists Awards”), il programma MAB sta investendo in una nuova generazione di [...]

Puliamo il Mondo festeggia 25 anni

settembre 22, 2017

Puliamo il Mondo festeggia 25 anni

25 anni di impegno civile, sociale e di volontariato ambientale con 15 milioni di persone coinvolte in tutta Italia e 100mila aree ripulite. Sono i numeri di Puliamo il Mondo, la storica campagna di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai e in programma questo week-end 22, 23 e 24 settembre [...]

Green City Milano 2017: l’evoluzione del verde meneghino a confronto con Lione e Mosca

settembre 19, 2017

Green City Milano 2017: l’evoluzione del verde meneghino a confronto con Lione e Mosca

“Siamo arrivati alla terza edizione di Green City Milano e non posso che ringraziare i cittadini e le associazioni che hanno organizzato oltre 500 eventi in tutta la città. Sarà un’occasione per raccontare la strada che Milano sta intraprendendo dal punto di vista del verde…”. Esordisce così Pierfrancesco Maran, Assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura del [...]

Urbanpromo Green: a Venezia si parla di sviluppo urbano sostenibile

settembre 19, 2017

Urbanpromo Green: a Venezia si parla di sviluppo urbano sostenibile

Il 21 e 22 settembre, presso la Scuola di Dottorato dell’Università IUAV di Venezia a Palazzo Badoer, si terrà la prima edizione di Urbanpromo Green, una manifestazione che segna l’ampliamento della proposta di Urbanpromo, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, che agli eventi incentrati sul social housing e sulla rigenerazione urbana – in [...]

Settimana europea della Mobilità: il focus 2017 è sulla “condivisione”

settembre 18, 2017

Settimana europea della Mobilità: il focus 2017 è sulla “condivisione”

Ogni anno la Settimana Europea della Mobilità – dal 16 al 22 settembre – si concentra su un particolare argomento relativo alla mobilità sostenibile, sulla cui base le autorità locali sono invitate a organizzare attività per i propri cittadini e a lanciare e promuovere misure permanenti a sostegno. Per l’edizione 2017 è stato scelto come focal [...]

ALD Automotive Italia lancia il noleggio di moto elettriche con Energica

settembre 14, 2017

ALD Automotive Italia lancia il noleggio di moto elettriche con Energica

Energica Motor Company S.p.A. e ALD Automotive Italia hanno comunicato ufficialmente la nascita di una sinergia per la promozione della mobilità elettrica ad elevate prestazioni sul territorio italiano. Grazie a questo accordo ALD Automotive, divisione del gruppo bancario francese Société Générale specializzata nei servizi di mobilità, noleggio a lungo termine e fleet management, offrirà ai [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende