Home » Internazionali »Politiche »Recensioni » L’incubo del nucleare: le scorie:

L’incubo del nucleare: le scorie

ottobre 20, 2009 Internazionali, Politiche, Recensioni

nucleareIl 13 ottobre scorso l’emittente franco-tedesca ARTE ha trasmesso in anteprima mondiale il documentario “Déchets, le cauchemar du nucléaire” – “Le scorie, l’incubo del nucleare” – di Éric Guéret e Laure Noualhat, accompagnato dalla pubblicazione di un libro e di un Dvd acquistabili sul sito di ARTE.

Il film, che in Francia ha causato un dibattito piuttosto acceso, cerca di chiarire quelli che sono gli aspetti più controversi e nascosti dell’energia nucleare, ossia quelli legati allo smaltimento delle scorie; “perché le scorie sono il punto debole del nucleare, sono il suo tallone d’Achille, il suo peggior incubo.”

In un’epoca come quella attuale, in cui l’approvigionamento energetico e il riscaldamento globale sono problemi reali, alcuni propongono l’energia nucleare come soluzione “pulita” a lungo termine. Gli autori del documentario, Guéret e Noualhat, hanno cercato di fare il punto sulla questione, con risultati per molti versi impressionanti.

Laurie Noulhat in un’intervista video (disponibile qui, in lingua francese) racconta come i primi tentativi di “risolvere” i problemi di smaltimento risalgono al 1947, quando gli americani gettarono migliaia di tonnellate di scorie radioattive direttamente nell’oceano, imitati da inglesi e svizzeri e dalla maggior parte dei paesi nuclearizzati. ”Pratica decisamente comoda: la preoccupazione infatti è come farle sparire, non come gestirle”, sostiene la Noulhat.

Le fa eco Guéret, regista e autore del documentario: in tutte le indagini d’archivio svolte emerge che i ricercatori coinvolti nello sviluppo dell’industria nucleare inizialmente non considerarono le scorie un problema: “in una Natura che all’epoca sembrava infinita, la strategia migliore, secondo loro, era proprio quella della diluizione dei rifiuti radioattivi nell’ambiente.”

Questo modus operandi, secondo gli autori, è continuato finché le prime associazioni ambientaliste, a partire da Greenpeace, non hanno iniziato – negli anni ’90 – a sensibilizzare i cittadini sull’urgenza del problema e sulla sua rapidità di diffusione. Per fare un esempio: gettare scorie a La Hague (dove la Francia dovrebbe stoccare e processare le scorie) può avere ripercussioni sul paese di Tomsk, in Siberia – dove infatti sono stati recentemente trovati rifiuti nucleari francesi.

Eppure la Francia è stata la prima nazione a dotarsi di un’agenzia per lo smaltimento delle scorie radioattive (Andra), nel 1979, e a promulgare una legge apposita – la “Loi Bataille” del ’91, seguita, quindici anni dopo, da un’ulteriore legge sulla gestione dei rifiuti dell’industria nucleare. Ciò che spesso non è così evidente al cittadino è che esiste infatti una vera e propria industria che vive sull’energia nucleare, il che pone la questione degli interessi economici in gioco e della compatibilità di questi con i problemi dell’ambiente.

In risposta ai dati forniti dalla lobby nucleare francese la Noualhat fa alcuni calcoli: “Non è più una questione ambientale, è una questione di efficacia industriale del ritrattamento: le fonti sostengono che il 96% dei materiali è riciclabile. Tuttavia, ci siamo resi conto che l’85% di questi materiali è conservato e il restante 15% è inviato in Russia, a Tomsk. Laggiù, un processo di riarricchimento fa in modo che si elimini il 90% del materiale; il restante 10% viene riportato in Francia e utilizzato solo in 2 dei 58 reattori. In teoria, quel che viene riciclato è il 10%, mentre in realtà è l’1,5%”, perché viene riciclato soltanto il 10% del 15% del materiale dichiarato riciclabile. Tutto il resto viene in un certo senso “abbandonato” alle generazioni che seguiranno”.

L’Italia, com’è noto, non ricorre più al nucleare come forma di approvvigionamento energetico fin dal referendum abrogativo del 1987 (che sancì di fatto la chiusura delle quattro centrali presenti nel nostro Paese), ma il dibatitto si è recentemente riaperto anche nella Penisola.

Quali che siano i singoli sviluppi nazionali, tuttavia, dal documentario di Guéret e Noualhat emerge piuttosto chiaramente come il problema dello smaltimento delle scorie non abbia davvero confini.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende