Home » Recensioni » L’intelligenza ecologica di Goleman:

L’intelligenza ecologica di Goleman

novembre 17, 2009 Recensioni

Courtesy of Libreria UniversitariaIntelligenza emotiva, sociale ed ecologica. Sono queste, secondo Daniel Goleman (autore di Intelligenza Ecologica, Rizzoli, 2009, 19,00 euro) le tre varietà di intelligenza che possono consentirci di migliorare la nostra vita su questo pianeta. Strettamente legate e interconnesse, le tre intelligenze costituiscono le tappe fondamentali di un percorso che può e deve condurci dall’ignoranza alla consapevolezza della sostenibilità.

Se l’intelligenza emotiva è la capacità di provare emozioni, riconoscerle e viverle in modo consapevole, l’intelligenza sociale è costituita da quell’insieme di caratteristiche che ci permettono di relazionarci positivamente con gli altri e di interagire in modo costruttivo con essi. Empatia, cooperazione e altruismo sono i sentimenti che ci muovono verso gli altri e che ci permettono di evitare quell’autismo sociale, figlio dell’individualismo dei nostri tempi, che non ci permette di sviluppare l’intelligenza ecologica come nuova specie.

Il nostro prossimo gradino evolutivo, spiega Goleman, sarà la cura dell’ambiente che ci circonda, intesa non come movimento o ideologia, ma come sviluppo di quella capacità cognitiva e relazionale che ci condurrà a essere consumatori consapevoli i un mercato ecostenibile.

E’una questione di vita o di morte. O, se vogliamo, di adattamento darwiniano della specie. Secondo l’ex professore di psicologia di Harvard infatti ”solo l’evoluzione del cervello verso l’intelligenza ecologica può salvare la specie umana”. Mentre come singoli non siamo in grado di rispondere a domande quali: “è più dannoso per l’ambiente usare un bicchiere di carta o uno di plastica? Stappare una bottiglia di vino arrivata dalla Francia via terra o dalla Spagna via mare?”, come specie possiamo esserlo.

In quello che definisce un “personale viaggio nella trasparenza ecologica”, Goleman parte dal mettere in discussione ciò che, nella maggior parte dei casi (quando si parla di attenzione all’ambiente e impatto su di esso) viene dato per scontato. Non basta comprare bio, eco e affidarsi alle certificazioni. Spesso l’acquisto cosiddetto “verde” è un miraggio: i pomodori “prodotti localmente” a Montreal, in Canada, vengono selezionati in Francia, crescono in Cina e germogliano in Ontario prima di arrivare nelle serre del Quebec. Su ogni oggetto che compriamo è nascosto un “cartellino del prezzo” aggiuntivo: sono i costi che paga il pianeta, e quindi la nostra salute. Ma ci è impossibile valutarli correttamente, perché non ce ne accorgiamo: il nostro cervello non è attrezzato per farlo. Occorre un radicale cambiamento cognitivo, una comprensione collettiva delle conseguenze ecologiche nascoste e il fermo proposito di affrontarle meglio.

Attraverso l’intelligenza ecologica possiamo valutare le conseguenze delle nostre abitudini di spesa sul mondo nel suo complesso: l’impatto sull’ambiente, in termini di inquinamento e consumo di risorse, durante tutto il ciclo di vita di un prodotto, le condizioni sociali e lavorative di chi produce ciò che acquistiamo, le conseguenze sulla nostra salute e su quella delle generazioni che verranno. Tutti noi, in quanto consumatori, abbiamo il potere di influenzare il mercato e rendere le catene produttive virtuose, costringendo le aziende ad adeguarsi a standard sostenibili, chiedendo maggiore trasparenza e non lasciandosi irretire dalle studiatissime strategie del marketing.

Elena Marcon

In collaborazione con la Bottega dei Libri, Torino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende