Home » Nazionali »Politiche »Recensioni » Nel “twitbattito” romano si parla di ambiente, ma dai candidati solo risposte generiche:

Nel “twitbattito” romano si parla di ambiente, ma dai candidati solo risposte generiche

febbraio 13, 2013 Nazionali, Politiche, Recensioni

Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realtà obsoleta”. La frase, dell’inventore-filosofo del Massachusetts Buckminster Fuller, è stata twittata ieri dall’associazione romana Urban Experience come speciale viatico al “Twitbattitosu mobilità, urbanistica e servizi con i candidati sindaco di Roma. Nata dalla collaborazione tra movimenti, come Legambiente e #salvaiciclisti, e alcune testate giornalistiche, tra cui La Repubblica, RaiNews (su entrambe era possibile seguire la diretta), Metro, Paese Sera e Adnkronos, l’intervista “collettiva” via Twitter – con l’hashtag sintetico #13RM – si è svolta lunedì, dalle 10.00 alle 17.00 e anche noi l’abbiamo seguita.

Ben quattordici i candidati al Campidoglio che hanno partecipato al “dibattito telegrafico” (con la sola esclusione del sindaco uscente, Gianni Alemanno, che si è reso disponibile a partecipare, al secondo round del confronto, in primavera), disciplinato da una serie di regole: i candidati si sono confrontati a coppie, le domande sono state rivolte loro da due moderatori scelti dalle testate partner (uno era Alberto Fiorillo, blogger dell’Espresso e responsabile delle aree urbane di Legambiente che ha ideato l’iniziativa). I sette confronti – della durata di circa 45 minuti – erano introdotti da tre domande, sempre uguali: “Qual è il giudizio complessivo sui cinque anni di giunta Alemanno?”; e poi i due grandi temi da affrontare nei “primi 100 giorni”: “Fori Imperiali definitivamente chiusi al traffico?”, “Delibera per consumo di suolo zero su aree agricole e verdi?”. Subito dopo i candidati potevano rispondere alle domande twittate, nel frattempo, dagli altri giornalisti o da utenti diversi, cittadini interessati, attivisti, romani critici e interrogativi sulla futura vivibilità della Capitale. Il tutto, in non più di 140 caratteri.

Al netto del giudizio sull’operato della Giunta Alemanno, per tutti, disastroso, inconcludente, clientelare, uno dei temi che vede concordi tutti i candidati è quello della pedonalizzazione dei Fori Imperiali e dell’area archeologica intorno al Colosseo, come misura da assumere nei primi 100 giorni di amministrazione. In sostanza, l’idea è che “per fare diventare Roma città aperta, il centro storico va chiuso alle auto private”, come twitta Luigi Nieri (Sel). In generale, per gli aspiranti primi cittadini, sarebbero da privilegiare “trasporto pubblico, bici, pedoni e tram”, scrive Alfio Marchini (Lista Civica, sostenuto da Udc e pezzi di Pd), mentre Alessandro Bianchi (Progetto Roma), già ministro dei Trasporti dell’Ulivo, propone la “chiusura immediata del Tridente”. Bici e mezzi pubblici sono la soluzione anche per il portavoce dei grillini, Enrico Stefàno, che dibatte con un Umberto Croppi (Fli), più cauto e propugnatore della “trasformazione delle linee ferroviarie regionali in metropolitane di superficie”, come strada più sostenibile economicamente. Mentre David Sassoli (Pd) si dimostra attendista: “Come ha fatto giustamente Pisapia, valuteremo la fattibilità con progetti e conti”.

Quanto all’opportunità di adottare una delibera per il consumo di “suolo zero” su aree agricole e verdi, un po’ tutti si dicono, ovviamente, favorevoli – si va da Paolo Gentiloni (Pd), secondo cui sarebbe “un traguardo che deve orientare pianificazione urbanistica di Roma metropolitana e Regione” a Marchini che lancia un “credo allo #stopconsumoulterioreterritorio anche perché in passato gli oneri pagati per tale consumo non sono andati ai cittadini” allo “STOP al consumo di suolo. SI alla valorizzazione e ristrutturazione per migliorare l’efficienza energetica” twittato da Stefàno. L’unico che risponde fuori dal coro è Croppi: “Non basta, quelle sono già tutelate, bisogna rivedere le delibere urbanistiche già approvate e ridimensionare il piano regolatore”.

Nel mirino del Twitbattito non poteva non esserci il tema dei rifiuti – “Quale sarà, con lei sindaco, la percentuale della raccolta differenziata a fine 2014? E a fine mandato?” – che mette in crisi un po’ tutti i politici tranne Sandro Medici (Lista civica) che si spinge fino a indicare le percentuali esatte: “Attualmente siamo 25%: raddoppio entro il 2014 e un ulteriore 25% a fine mandato”. In generale, ciascuno dei partecipanti denuncia la politica dello scaricabarile, della dilazione perenne, della irrisolutezza che ha portato a commissariamenti continui e all’attuale emergenza rifiuti. Come Marchini, che alla domanda “Favorevoli o contrari alla costruzione di un inceneritore per i rifiuti della Capitale?”, risponde: “Sul tema dei rifiuti non è più possibile accettare il ‘ballo della discarica’ tutti parlano nessuno è mai responsabile”.

Molte le domande lanciate dai cittadini su bikesharing, zone pedonali, aree verdi di quartiere: “Se si dovesse riattivare il bikesharing, pensate di allargarlo in tutta la città su modello Vélib di Parigi?”, “Vogliamo portare la bici in treno, metro, tram e (quando possibile) bus. Bici+mezzi pubblici=vivibilità”, “Il regolamento della Polizia Municipale prevede il divieto ai bambini di giocare in strada? è questo il prezzo da pagare per le auto?”. Altri interrogativi riguardano i servizi (“Liste di attesa asili nido comunali: come intendete ridurle, permettere accesso maggiore e favorire così donne?”) e l’inclusione sociale (“Come fare per integrare le comunità Rom e loro inserimento abitativo?”).

E tuttavia, tutte le risposte, senza differenze rimarchevoli – che, pure, siamo certi, esistano tra i candidati, per formazione culturale e retroterra politico – hanno attinto a un bagaglio piuttosto indistinto fatto di comune buon senso e dichiarazioni di principio. Naturalmente, la brevità obbligata delle risposte è un ottimo puntello che consente agli intervistati di rifugiarsi in slogan tanto efficaci quanto generici: molto difficile, se non impossibile, instaurare un contraddittorio su una frase non corretta o dal significato oscuro, durante un confronto via Twitter. Alla fine del Twitbattito, un utente chiede a Fiorillo come migliorare la partecipazione al dibattito,  rendendone più fluida la “fruizione” su Twitter. Il blogger ha le idee chiare e lancia due ipotesi migliorative: “Bisogna creare un account per le domande che renda subito evidente a chi legge e a chi deve rispondere chi sta ponendo gli interrogativi; bisogna fare in modo che le domande arrivino prima dell’incontro così da avere più tempo per sceglierle e ripostarle”.

Resta aperta una questione: chi fa il fact checking durante una diretta su un social network su temi ad alto grado di know-how come quelli ambientali? Il rischio è che la formula sia bella, aperta e orizzontale ma che si risolva in una sommatoria di micro-comizi, un dibattito privo di reale contraddittorio (il numero dei candidati non aiutava!) e, dunque, inutile.  È vero, infine, che la comunicazione al tempo dei social network offre, almeno in teoria, un chance di partecipazione reale e potrebbe davvero rivelarsi uno strumento democratico utile, per una politica “social” più vicina alla gente. Tanto più che ambiente, energia, stili di vita green, servizi, mobilità urbana sono stati completamente estromessi dalla campagna elettorale.

Secondo l’agenzia di stampa Reuters, “nell’ultimo mese, stando a lanci di agenzie, articoli di giornale e interviste a radio e tv, sono state rarissime le occasioni in cui i capi delle coalizioni – Pier Luigi Bersani, Silvio Berlusconi e Mario Monti, che insieme potrebbero raccogliere tre quarti dei voti, secondo i sondaggi –  hanno parlato di ambiente o “green economy”. Ma più o meno lo stesso vale per i leader di altre liste, compreso Beppe Grillo, il cui Movimento 5 Stelle potrebbe diventare la seconda o terza forza in Parlamento”.

Partendo da questa evidenza, per “portare l’ambiente nel dibattito politico pre-elettorale, diverse testate italiane “green” (tra cui Greenews.info) hanno lanciato una campagna di #greenbombing: l’obiettivo è quello di indirizzare domande sui temi ambientali, che tanto stanno a cuore dei cittadini, ai leader di tutti gli schieramenti. Un esempio di democrazia partecipativa anche questo, un veicolo per imprimere una direzione diversa a un dibattito che pare occupato militarmente da Imu, fisco e ipotesi di alleanze elettorali. È tempo che i politici studino di più le questioni legate all’ambiente e alla green economy. Basterebbe che leggessero anche altri sondaggi oltre a quelli dedicati ai risultati elettorali. Scoprirebbero che, ad esempio, secondo l’edizione 2013 di Ecobarometro – pubblicato su La Nuova Ecologia di febbraio e realizzato, come ogni anno, insieme all’Istituto di ricerca Lorien Consulting – per gli italiani “le tematiche ambientali sono una priorità, seconda soltanto ai problemi dell’occupazione”.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende