Home » Recensioni » Nucleare: a chi conviene?A nessuno:

Nucleare: a chi conviene?A nessuno

dicembre 28, 2010 Recensioni

Courtesy of Edizioni AmbienteIl nucleare, alla fine, non conviene a nessuno. In primo luogo non porta benefici all’ambiente, né ai cittadini, né, nel lungo periodo, alle lobby industriali che lo sostengono. È questo, in poche righe, il messaggio del libro “Nucleare: a chi conviene? Le tecnologie, i rischi, i costi” (Edizioni ambiente, pp. 243, 20 euro) di Gianni Mattioli e Massimo Scalia, due docenti universitari che figurano tra i padri dell’ambientalismo scientifico in Italia. Gli autori smontano, una ad una, le argomentazioni portate dal governo italiano a supporto della rinascita nucleare, dimostrando come un investimento nell’atomo sia di questi tempi assolutamente insensato e in controtendenza rispetto agli obiettivi comunitari, che guardano invece alle vere energie alternative.

La prima vittima della battaglia a favore dell’atomo, soprattutto in Italia, dicono gli autori, è la corretta informazione dell’opinione pubblica che, solo sulla base di conoscenze approfondite e scientificamente provate può veramente fare una scelta. A rendere insensato l’investimento nel nucleare sono anche una serie di altre ragioni, analizzate una per una e supportate da dati provenienti da fonti internazionali. Prima di tutto, c’è il fatto che anche «se un impegno straordinario portasse al raddoppio delle centrali nucleari (…), la riduzione delle emissioni di Co2 non supererebbe il 5%». È chiaro quindi che «non ci possiamo oggi aspettare dalla fissione nucleare la risposta alle scelte urgenti che siamo chiamati a effettuare in tema di energia e sconvolgimento climatico». A questo si aggiunge il fatto, rimarcato dagli scienziati stranieri, che il nucleare utilizza una risorsa rara (l’uranio), introvabile tra 50-80 anni e quindi «destinata a divenire sempre più costosa e oggetto di competizione internazionale, da acquisire comunque sul mercato estero». Bisogna poi considerare «i gravi rischi sanitari, non solo in condizioni incidentali, ma anche nel semplice funzionamento di routine». Studi internazionali (tra cui uno tedesco del 2003) hanno dimostrato che vivere in vicinanza di una centrale nucleare può provocare con maggiore frequenza tumori, soprattutto leucemie infantili. C’è poi il fatto che non è ancora stato risolto «il problema della chiusura in sicurezza del ciclo del combustibile»: la questione delle scorie nucleari, cioè, non ha ancora avuto una soluzione definitiva. Anche il problema dei costi di produzione di un kilowatt non è da sottovalutare. Si tratta di un  dato difficile da calcolare, e comunque superiore rispetto ad altre fonti energetiche pulite e rinnovabili.

«Un paese come il nostro, che deve ripartire da zero, si troverebbe a mettere in campo ingentissime risorse, in gran parte pubbliche, per una tecnologia di irrilevante efficacia climatica, che usa una fonte in via di esaurimento a costi crescenti, disponibile, come si è visto, per poche decine di anni e con lasciti per millenni di scorie altamente radioattive», sottolineano gli autori. E proprio quelle «ingentissime risorse pubbliche» potrebbero essere destinate ad altri tipi di energie rinnovabili e pulite, anche se purtroppo in Italia, sottolineano Mattioli e Scalia, manca una strategia energetica e per la lotta al cambiamento climatico. L’auspicio finale del libro è il passaggio dall’era nucleare a quella solare: un’era senza scorie tossiche, radiazioni pericolose, incubi atomici.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende