Home » Recensioni » “Paesaggio lingua madre”: un patrimonio da proteggere e insegnare:

“Paesaggio lingua madre”: un patrimonio da proteggere e insegnare

marzo 13, 2014 Recensioni

Il termine paesaggio si presta a molteplici interpretazioni, sebbene la più comune sia profondamente influenzata dalla sua origine pittorica. In generale e in ambiti non specifici, il paesaggio viene infatti considerato come qualcosa di esterno all’uomo, esteticamente gradevole, ma al tempo stesso lontano dalla quotidianità. Il volume Paesaggio lingua madre, edito da Erickson (pagg. 220, € 17,50) e curato da Gianluca Cepollaro e Ugo Morelli, vuole invece dimostrare quanto questa visione del paesaggio sia riduttiva ma soprattutto deleteria per un futuro eco-sostenibile.

Come anticipato in quarta di copertina “Il paesaggio è il patrimonio principale di una comunità, rappresenta il suo spazio di vita e la condizione della vivibilità per le generazioni future: promuoverne la consapevolezza e la cultura costituisce quindi uno dei compiti principali di una società. Educare al paesaggio, infatti, significa educare alla responsabilità dei luoghi che si abitano, alla gestione delle risorse di cui si dispone, ma soprattutto a comportamenti e stili di vita appropriati e sostenibili”. Un tema decisamente ampio che va a toccare la necessità di introdurre un cambiamento culturale profondo a partire dalle generazioni più giovani, passando attraverso la scuola. “I saggi presentati in questo volume, frutto di una ricerca svolta in partnership con alcune scuole primarie, propongono un approccio all’insegnamento della storia, dell’educazione alla cittadinanza, della geografia e delle scienze naturali centrato sul paesaggio e sugli ambienti di vita. Ne emerge un quadro composito, che vede nell’educazione al paesaggio l’opportunità di affrontare una serie di urgenze educative attorno alla relazione tra natura e cultura, tra lettura della storia e progettazione del futuro, tra responsabilità e partecipazione”.

Alla scuola e ai docenti viene pertanto consegnata una missione estremamente importante, che è quella di cambiare una mentalità fortemente radicata nell’uomo e nella sua storia come vissuta fino a oggi. “È curioso sentire sostenere ancora oggi che siamo ‘antropocentrici’ – scrive Ugo Morelli – mentre tutti gli studi e le previsioni ci dicono che la vivibilità per noi sarà con la natura oppure non sarà. Per tutta la nostra storia evolutiva ci siamo conquistati la vivibilità ‘contro’ la natura, impegnandoci talmente a fondo da farci la supposizione perniciosa di essere ‘sopra le parti’, di vivere in un mondo che è stato creato per  noi. Ora ci troviamo a fare i conti con la dipendenza da questo passato, dovendo cambiare idea in una o due generazioni: non so se l’educazione ha un altro compito più importante da affrontare di quello che consiste nel ri-figurare un nuovo racconto di noi stessi, di una specie che è ‘parte del tutto’ o che semplicemente non è”.

È proprio in questa situazione paradossale che si trova a intervenire la scuola, per arginare quella che Luca Mori definisce la conoscenza cieca: “La nostra è l’unica specie imputabile di rischiare la propria estinzione provocandola, pur avendone sentore e agendo quasi come se lo volesse, pur non volendolo. Periodicamente ci giungono informazioni al riguardo: secondo le rilevazioni del World Resources Institute, ad esempio, l’incrocio di modelli idrogeologici, rilievi climatici e dati socioeconomici evidenzia che entro il 2030 in alcune aree del mondo, a partire dal Nord Africa, dal Medio Oriente e dall’Asia, il fabbisogno di acqua supererà del 40% il limite dell’uso sostenibile e la soglia oltre la quale le falde acquifere non riescono a rigenerarsi […] Comprendere ed elaborare in modo non distruttivo la condizione paradossale in cui siamo venuti a trovarci dopo circa diecimila anni dalla rivoluzione del Neolitico costituisce una delle sfide cruciali per l’educazione del ventunesimo secolo”.

Il volume vuole posare il primo mattone per l’educazione a una ritrovata identità dell’ambiente, portando a supporto i risultati degli studi condotti nel 2012 dalla Provincia Autonoma di Trento attraverso l’IPRASE e la step-Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio in partnership con alcune scuole primarie. Da qui emerge che i bambini scelgono luoghi dove si vive bene, con attenzione alla natura, al silenzio, alla vivibilità. Senza dimenticare il valore emotivo e affettivo che ritrovano nei luoghi. Siamo pertanto noi adulti a dover alimentare e coltivare nei nostri figli un rapporto con l’ambiente e il paesaggio diverso da quello che noi stessi abbiamo impostato. Come sottolinea Chiara Brambilla nel suo intervento: “Al fine di comprendere il potenziale del paesaggio come strumento di educazione interculturale, occorre liberarlo dal ‘congelamento’ al quale è stato costretto in periodo moderno attraverso l’imporsi di un’idea esternalista, contemplativa e normativa del paesaggio come forma visiva dello spazio naturale e mero sfondo decorativo della vita dell’uomo. […] Il paesaggio, allora, esito visibile dell’azione compiuta congiuntamente dalla natura e dall’uomo sul territorio, è espressione del legame intrattenuto con esso dalle popolazioni che l’hanno costruito. In questo senso, il paesaggio può essere definito un mediatore tra gruppi umani e territorio”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende