Home » Recensioni » Pratiche di Sostenibilità: la formazione ambientale online per le scuole e gli enti locali:

Pratiche di Sostenibilità: la formazione ambientale online per le scuole e gli enti locali

gennaio 23, 2014 Recensioni

Uno degli obiettivi più importanti perché si sviluppi sempre più una cultura orientata all’eco-sostenibilità è la sensibilizzazione capillare ai temi ambientali. Su questo principio fondamentale si basa Pratiche di Sostenibilità, un progetto realizzato da Kyoto Club, con il supporto del Ministero dell’Ambiente. È rivolto a Enti locali e scuole (medie inferiori e superiori) di tutta Italia con l’intento di diffondere i temi principali della sostenibilità ambientale, attraverso la divulgazione di buone pratiche già realizzate sul territorio.

Come ci spiega Roberto Calabresi, responsabile del progetto, Pratiche di Sostenibilità “è stato concepito come naturale prosecuzione delle attività svolte con il progetto CRES-Climaresilienti, che ha interessato circa 300 scuole e 600 enti locali distribuiti sul territorio nazionale. Ha riscosso grande successo, ma ha evidenziato alcune problematiche logistiche nel raggiungere e coinvolgere gli utenti, principalmente a causa dell’orografia difficile del territorio italiano e dei sistemi di trasporto pubblico poco efficaci. Questo è uno dei principali motivi per cui abbiamo scelto per Pratiche di Sostenibilità una metodologia formativa e informativa esclusivamente digitale”.

La struttura del progetto, infatti, prevede un percorso gratuito informativo/divulgativo sullo sviluppo sostenibile realizzato interamente sul web e modulato su seminari di un’ora (webinar) a cadenza settimanale. “L’obiettivo dei webinar – spiega Calabresi –  rientra a pieno titolo nella mission che Kyoto Club si è data al momento della sua costituzione: la sostenibilità e il raggiungimento degli obiettivi di riduzione dei gas serra dettati dal protocollo di Kyoto a cui l’Italia ha aderito, insieme agli ulteriori obiettivi indicati dalla comunità europea e internazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici”.

Ogni settimana vengono organizzati incontri trasmessi in streaming e fruibili tramite una piattaforma che consente la partecipazione di più relatori in simultanea e fino a 100 utenti connessi. Questi ultimi hanno la possibilità di visualizzare sul proprio schermo sia la presentazione sia il relatore collegato con videocamera e ascoltarne l’intervento. L’interazione con il relatore avviene tramite chat, gli utenti possono rivolgergli delle domande e ottenere le risposte in tempo reale. I webinar vengono registrati e raccolti in un archivio sul sito di Kyoto Club, dove sono messi a disposizione insieme ai materiali di presentazione.

Il percorso, iniziato il 9 gennaio con il primo appuntamento introduttivo, parte con argomenti generali come la sostenibilità ambientale e il fenomeno dei cambiamenti climatici, per passare poi ai programmi e alle strategie messe in campo dalla comunità europea e nazionale per contrastare questi fenomeni. A seguire saranno approfonditi i vari aspetti della sostenibilità in diversi settori: dalla mobilità all’efficienza energetica negli edifici, dall’adozione di fonti rinnovabili agli interventi di adattamento nel territorio. Per i tecnici degli Enti locali i focus portano a illustrare un PAES, mentre per le scuole, alla fine del percorso, sarà fatto il punto sull’audit energetico dell’edificio e sugli interventi di risparmio ed efficienza energetica fattibili in una scuola.

“L’uso del webinar è vantaggioso per la diffusione di qualsiasi tematica” spiega Roberto Calabresi “ma per il settore ambientale in particolare ci sono degli aspetti che lo valorizzano maggiormente. Si riducono le emissioni di inquinanti e gas clima-alteranti perché si limitano gli spostamenti, il che porta anche a un maggior risparmio sia di denaro sia di tempo. È estremamente facile e comodo partecipare anche per quegli enti locali e scuole che si trovano in aree meno servite da mezzi pubblici. Infine, il webinar si dimostra più fruibile ed efficace rispetto a una sessione tradizionale: in genere l’attenzione dei partecipanti a un incontro cala dopo circa 10 minuti dall’inizio delle attività. Con questa modalità è possibile spezzare in più fasi il programma, registrando e archiviando i singoli moduli per una successiva visualizzazione”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende