Home » Recensioni » Pratiche di Sostenibilità: la formazione ambientale online per le scuole e gli enti locali:

Pratiche di Sostenibilità: la formazione ambientale online per le scuole e gli enti locali

gennaio 23, 2014 Recensioni

Uno degli obiettivi più importanti perché si sviluppi sempre più una cultura orientata all’eco-sostenibilità è la sensibilizzazione capillare ai temi ambientali. Su questo principio fondamentale si basa Pratiche di Sostenibilità, un progetto realizzato da Kyoto Club, con il supporto del Ministero dell’Ambiente. È rivolto a Enti locali e scuole (medie inferiori e superiori) di tutta Italia con l’intento di diffondere i temi principali della sostenibilità ambientale, attraverso la divulgazione di buone pratiche già realizzate sul territorio.

Come ci spiega Roberto Calabresi, responsabile del progetto, Pratiche di Sostenibilità “è stato concepito come naturale prosecuzione delle attività svolte con il progetto CRES-Climaresilienti, che ha interessato circa 300 scuole e 600 enti locali distribuiti sul territorio nazionale. Ha riscosso grande successo, ma ha evidenziato alcune problematiche logistiche nel raggiungere e coinvolgere gli utenti, principalmente a causa dell’orografia difficile del territorio italiano e dei sistemi di trasporto pubblico poco efficaci. Questo è uno dei principali motivi per cui abbiamo scelto per Pratiche di Sostenibilità una metodologia formativa e informativa esclusivamente digitale”.

La struttura del progetto, infatti, prevede un percorso gratuito informativo/divulgativo sullo sviluppo sostenibile realizzato interamente sul web e modulato su seminari di un’ora (webinar) a cadenza settimanale. “L’obiettivo dei webinar – spiega Calabresi –  rientra a pieno titolo nella mission che Kyoto Club si è data al momento della sua costituzione: la sostenibilità e il raggiungimento degli obiettivi di riduzione dei gas serra dettati dal protocollo di Kyoto a cui l’Italia ha aderito, insieme agli ulteriori obiettivi indicati dalla comunità europea e internazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici”.

Ogni settimana vengono organizzati incontri trasmessi in streaming e fruibili tramite una piattaforma che consente la partecipazione di più relatori in simultanea e fino a 100 utenti connessi. Questi ultimi hanno la possibilità di visualizzare sul proprio schermo sia la presentazione sia il relatore collegato con videocamera e ascoltarne l’intervento. L’interazione con il relatore avviene tramite chat, gli utenti possono rivolgergli delle domande e ottenere le risposte in tempo reale. I webinar vengono registrati e raccolti in un archivio sul sito di Kyoto Club, dove sono messi a disposizione insieme ai materiali di presentazione.

Il percorso, iniziato il 9 gennaio con il primo appuntamento introduttivo, parte con argomenti generali come la sostenibilità ambientale e il fenomeno dei cambiamenti climatici, per passare poi ai programmi e alle strategie messe in campo dalla comunità europea e nazionale per contrastare questi fenomeni. A seguire saranno approfonditi i vari aspetti della sostenibilità in diversi settori: dalla mobilità all’efficienza energetica negli edifici, dall’adozione di fonti rinnovabili agli interventi di adattamento nel territorio. Per i tecnici degli Enti locali i focus portano a illustrare un PAES, mentre per le scuole, alla fine del percorso, sarà fatto il punto sull’audit energetico dell’edificio e sugli interventi di risparmio ed efficienza energetica fattibili in una scuola.

“L’uso del webinar è vantaggioso per la diffusione di qualsiasi tematica” spiega Roberto Calabresi “ma per il settore ambientale in particolare ci sono degli aspetti che lo valorizzano maggiormente. Si riducono le emissioni di inquinanti e gas clima-alteranti perché si limitano gli spostamenti, il che porta anche a un maggior risparmio sia di denaro sia di tempo. È estremamente facile e comodo partecipare anche per quegli enti locali e scuole che si trovano in aree meno servite da mezzi pubblici. Infine, il webinar si dimostra più fruibile ed efficace rispetto a una sessione tradizionale: in genere l’attenzione dei partecipanti a un incontro cala dopo circa 10 minuti dall’inizio delle attività. Con questa modalità è possibile spezzare in più fasi il programma, registrando e archiviando i singoli moduli per una successiva visualizzazione”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende