Home » Recensioni » Privati dell’acqua? Tra bene comune e mercato:

Privati dell’acqua? Tra bene comune e mercato

maggio 9, 2011 Recensioni

Privato: perché diverso dalla cosa pubblica o statale; Privato: perché, involontariamente, sprovvisto di.

Privati dell’acqua? Tra bene comune e mercato” (Edizioni  Il Mulino, pp.252, € 16.00), il libro scritto da Antonio Massarutto, professore di Politica  Economica ed Economia pubblica all’Università di Udine e direttore di ricerca allo IEFE Bocconi, gioca proprio sul significato etimologico di questa parola per cercare di raccontare un sistema, quello dell’acqua, arretrato e vecchio, molto lontano dal traguardo qualitativo imposto dalle direttive europee.

Il testo nasce con la volontà di delineare un quadro divulgativo della situazione, ma, essendo scritto da un economista, il taglio è quello molto pragmatico di una persona abituata a fare i conti della spesa.

Prezzi, proprietà, riforme: “Al di là delle esagerazioni, molti indicatori concordano nel fornire un’immagine poco lusinghiera. Il nostro sistema idrico è vetusto, manca di pezzi importanti, fornisce complessivamente un servizio inferiore rispetto alle aspettative di un grande paese moderno, evoluto e benestante quale l’Italia si vanta di essere”.

L’analisi della situazione italiana di Massarutto è precisa e impietosa, estranea alla faziosità politica e accompagnata da esempi europei, della Francia, della Germania, della Spagna, che dimostrano come un’alternativa meno conflittuale esiste. Ma prima di entrare nei dettagli l’autore sostiene che “è opportuno far parlare i dati” e ricostruire brevemente “com’è che siamo arrivati fin qui”. Divisa per fasi, la storia dell’acqua nello Stivale racconta di una politica frammentata che, soprattutto a livello locale, intorno alla gestione idrica ha costruito una microeconomia. Così è iniziato tutto, là dove una centralizzazione avrebbe potuto, forse, porre rimendio.

Ma cosa scegliere dunque: pubblico o privato? È il grande dilemma, ma non è certo nuovo. Già in epoca romana se ne discuteva, quando il censor (il Ministro dei Lavori pubblici dell’Impero) realizzava le opere e ne curava la manutenzione; il quaestor (il Ministro delle Finanze) reperiva invece le risorse; la costruzione era appaltata a imprenditori privati e la gestione dell’impianto agli edili curuli. Ovviamente va considerato che, a quei tempi, l’acqua non arrivava fin dentro le case e le fognature raccoglievano l’acqua piovana a cielo aperto, ma il quesito non aveva forma troppo diversa da quello attuale.

Affermare l’idea che l’acqua è pubblica non vuol dire che debba essere gestita da enti pubblici, né erogata a spese della fiscalità”, chiarisce Massarutto. Per gestire un’azienda o un servizio è richiesto un sistema d’impresa – abbastanza distante dal concetto di pubblico e statale – che una volta reso autonoma dal potere politico, persegue il proprio obiettivo aziendale a prescindere dalla natura e dal colore dell’azionista di riferimento. Svolge il suo lavoro al meglio, insomma. “Il ruolo pubblico, che in questo settore non può evidentemente mancare, può essere assolto meglio se si concentra sulla funzione di regolazione, invece che sulla gestione diretta.

Una posizione non scontata e impegnativa, che farà sussultare quei lettori che, nel titolo, avevano letto una provocazione a favore dell’acqua pubblica, in quanto bene necessariamente pubblico.

“Guai – è il messaggio finale del libro – se la politica si lascerà dominare e irretire dal malcontento popolare e non capirà che la sua funzione è, al contrario, quella di rielaborarlo, ripulirlo delle contraddizioni e delle false soluzioni demagogiche, e trasformarlo in messaggio positivo”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende