Home » Recensioni » Privati dell’acqua? Tra bene comune e mercato:

Privati dell’acqua? Tra bene comune e mercato

maggio 9, 2011 Recensioni

Privato: perché diverso dalla cosa pubblica o statale; Privato: perché, involontariamente, sprovvisto di.

Privati dell’acqua? Tra bene comune e mercato” (Edizioni  Il Mulino, pp.252, € 16.00), il libro scritto da Antonio Massarutto, professore di Politica  Economica ed Economia pubblica all’Università di Udine e direttore di ricerca allo IEFE Bocconi, gioca proprio sul significato etimologico di questa parola per cercare di raccontare un sistema, quello dell’acqua, arretrato e vecchio, molto lontano dal traguardo qualitativo imposto dalle direttive europee.

Il testo nasce con la volontà di delineare un quadro divulgativo della situazione, ma, essendo scritto da un economista, il taglio è quello molto pragmatico di una persona abituata a fare i conti della spesa.

Prezzi, proprietà, riforme: “Al di là delle esagerazioni, molti indicatori concordano nel fornire un’immagine poco lusinghiera. Il nostro sistema idrico è vetusto, manca di pezzi importanti, fornisce complessivamente un servizio inferiore rispetto alle aspettative di un grande paese moderno, evoluto e benestante quale l’Italia si vanta di essere”.

L’analisi della situazione italiana di Massarutto è precisa e impietosa, estranea alla faziosità politica e accompagnata da esempi europei, della Francia, della Germania, della Spagna, che dimostrano come un’alternativa meno conflittuale esiste. Ma prima di entrare nei dettagli l’autore sostiene che “è opportuno far parlare i dati” e ricostruire brevemente “com’è che siamo arrivati fin qui”. Divisa per fasi, la storia dell’acqua nello Stivale racconta di una politica frammentata che, soprattutto a livello locale, intorno alla gestione idrica ha costruito una microeconomia. Così è iniziato tutto, là dove una centralizzazione avrebbe potuto, forse, porre rimendio.

Ma cosa scegliere dunque: pubblico o privato? È il grande dilemma, ma non è certo nuovo. Già in epoca romana se ne discuteva, quando il censor (il Ministro dei Lavori pubblici dell’Impero) realizzava le opere e ne curava la manutenzione; il quaestor (il Ministro delle Finanze) reperiva invece le risorse; la costruzione era appaltata a imprenditori privati e la gestione dell’impianto agli edili curuli. Ovviamente va considerato che, a quei tempi, l’acqua non arrivava fin dentro le case e le fognature raccoglievano l’acqua piovana a cielo aperto, ma il quesito non aveva forma troppo diversa da quello attuale.

Affermare l’idea che l’acqua è pubblica non vuol dire che debba essere gestita da enti pubblici, né erogata a spese della fiscalità”, chiarisce Massarutto. Per gestire un’azienda o un servizio è richiesto un sistema d’impresa – abbastanza distante dal concetto di pubblico e statale – che una volta reso autonoma dal potere politico, persegue il proprio obiettivo aziendale a prescindere dalla natura e dal colore dell’azionista di riferimento. Svolge il suo lavoro al meglio, insomma. “Il ruolo pubblico, che in questo settore non può evidentemente mancare, può essere assolto meglio se si concentra sulla funzione di regolazione, invece che sulla gestione diretta.

Una posizione non scontata e impegnativa, che farà sussultare quei lettori che, nel titolo, avevano letto una provocazione a favore dell’acqua pubblica, in quanto bene necessariamente pubblico.

“Guai – è il messaggio finale del libro – se la politica si lascerà dominare e irretire dal malcontento popolare e non capirà che la sua funzione è, al contrario, quella di rielaborarlo, ripulirlo delle contraddizioni e delle false soluzioni demagogiche, e trasformarlo in messaggio positivo”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende