Home » Recensioni » Privati dell’acqua? Tra bene comune e mercato:

Privati dell’acqua? Tra bene comune e mercato

maggio 9, 2011 Recensioni

Privato: perché diverso dalla cosa pubblica o statale; Privato: perché, involontariamente, sprovvisto di.

Privati dell’acqua? Tra bene comune e mercato” (Edizioni  Il Mulino, pp.252, € 16.00), il libro scritto da Antonio Massarutto, professore di Politica  Economica ed Economia pubblica all’Università di Udine e direttore di ricerca allo IEFE Bocconi, gioca proprio sul significato etimologico di questa parola per cercare di raccontare un sistema, quello dell’acqua, arretrato e vecchio, molto lontano dal traguardo qualitativo imposto dalle direttive europee.

Il testo nasce con la volontà di delineare un quadro divulgativo della situazione, ma, essendo scritto da un economista, il taglio è quello molto pragmatico di una persona abituata a fare i conti della spesa.

Prezzi, proprietà, riforme: “Al di là delle esagerazioni, molti indicatori concordano nel fornire un’immagine poco lusinghiera. Il nostro sistema idrico è vetusto, manca di pezzi importanti, fornisce complessivamente un servizio inferiore rispetto alle aspettative di un grande paese moderno, evoluto e benestante quale l’Italia si vanta di essere”.

L’analisi della situazione italiana di Massarutto è precisa e impietosa, estranea alla faziosità politica e accompagnata da esempi europei, della Francia, della Germania, della Spagna, che dimostrano come un’alternativa meno conflittuale esiste. Ma prima di entrare nei dettagli l’autore sostiene che “è opportuno far parlare i dati” e ricostruire brevemente “com’è che siamo arrivati fin qui”. Divisa per fasi, la storia dell’acqua nello Stivale racconta di una politica frammentata che, soprattutto a livello locale, intorno alla gestione idrica ha costruito una microeconomia. Così è iniziato tutto, là dove una centralizzazione avrebbe potuto, forse, porre rimendio.

Ma cosa scegliere dunque: pubblico o privato? È il grande dilemma, ma non è certo nuovo. Già in epoca romana se ne discuteva, quando il censor (il Ministro dei Lavori pubblici dell’Impero) realizzava le opere e ne curava la manutenzione; il quaestor (il Ministro delle Finanze) reperiva invece le risorse; la costruzione era appaltata a imprenditori privati e la gestione dell’impianto agli edili curuli. Ovviamente va considerato che, a quei tempi, l’acqua non arrivava fin dentro le case e le fognature raccoglievano l’acqua piovana a cielo aperto, ma il quesito non aveva forma troppo diversa da quello attuale.

Affermare l’idea che l’acqua è pubblica non vuol dire che debba essere gestita da enti pubblici, né erogata a spese della fiscalità”, chiarisce Massarutto. Per gestire un’azienda o un servizio è richiesto un sistema d’impresa – abbastanza distante dal concetto di pubblico e statale – che una volta reso autonoma dal potere politico, persegue il proprio obiettivo aziendale a prescindere dalla natura e dal colore dell’azionista di riferimento. Svolge il suo lavoro al meglio, insomma. “Il ruolo pubblico, che in questo settore non può evidentemente mancare, può essere assolto meglio se si concentra sulla funzione di regolazione, invece che sulla gestione diretta.

Una posizione non scontata e impegnativa, che farà sussultare quei lettori che, nel titolo, avevano letto una provocazione a favore dell’acqua pubblica, in quanto bene necessariamente pubblico.

“Guai – è il messaggio finale del libro – se la politica si lascerà dominare e irretire dal malcontento popolare e non capirà che la sua funzione è, al contrario, quella di rielaborarlo, ripulirlo delle contraddizioni e delle false soluzioni demagogiche, e trasformarlo in messaggio positivo”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende